Le zanzare hanno ucciso 50 miliardi di persone in 300 mila anni

Grazie alla loro capacità di trasportare il sangue infetto e diffondere virus, batteri e parassiti da un soggetto all’altro

Le zanzare hanno ucciso 50 miliardi di persone in 300 mila anni
Le zanzare hanno ucciso 50 miliardi di persone in 300 mila anni, grazie alla loro capacità di trasportare il sangue infetto e diffondere virus, batteri e parassiti da un soggetto all’altro.

Sono bastate poche malattie (dalla malaria alla febbre gialla, dalla dengue alle encefaliti) a rendere enorme il loro impatto sulla storia umana. E l’uomo ci ha messo del suo disboscando, irrigando, creando canali e moltiplicando le acque stagnanti che a questi insetti servono per moltiplicarsi.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Timothy Winegard, professore di storia alla Colorado Mesa University, ha detto: “Si stima che la zanzara abbia ammazzato intorno a 50 miliardi di persone in 300 mila anni, circa la metà di quanti siano mai vissuti: è fra i pochi animali ad aver cambiato il nostro destino“.

Solo un centinaio delle 3.500 specie di zanzara, soprattutto dei generi Anophele, Aedes, e Culex, sono in grado di trasportare malattie. Ma non tutti i patogeni vengono digeriti dalla zanzara con il sangue che ha succhiato per poi trasferirsi nelle sue ghiandole salivari, così da essere iniettati alla vittima successiva. Nel caso di Covid-19, peste o Aids, i patogeni vengono sì aspirati con il sangue, ma sono poi distrutti nell’intestino dell’insetto e dunque non riescono a raggiungere indenni le sue ghiandole salivari“.

I leader storici morti a causa delle zanzare

Oltre a miliardi di sconosciuti, non sono pochi i leader storici stroncati da una puntura. Il più famoso è Alessandro Magno, deceduto a Babilonia nel 323 a.C. forse per la malaria contratta in India. Ma la stessa sorte toccò a tre imperatori romani, sette papi, e cinque sovrani del Sacro Romano Impero“.

Gli eserciti decimati a causa delle zanzare

Le zanzare vivono ovunque, Antartide a parte, e la malaria fino a 100 anni fa era quasi altrettanto globale. Le persone si potevano abituare al ceppo locale, ma bastava esporsi a uno diverso e la malattia tornava feroce. Così la lista degli eserciti invasori decimati dalle zanzare è lunghissima“.

A partire da quelli persiani che nel V secolo a.C. cercarono di sottomettere la Grecia, finendo tanto indeboliti dalla malaria da essere sconfitti: senza zanzare forse la civiltà Occidentale sarebbe morta lì“.

Annibale e gli Unni evitarono di assediare Roma spaventati dai suoi famigerati acquitrini malarici, così come l’esercito mongolo nel XIII secolo, arrivato in Ungheria, rinunciò a devastare l’Europa perché l’idea di attaccare decine di città ‘difese’ da mortali paludi lo fece desistere“.

Le zanzare della Terra Santa diedero una mano al Saladino a decimare i Crociati, così come fermarono fino al XIX secolo le mire europee sull’Africa tropicale: quella è la terra di origine della malaria umana, le popolazioni locali hanno adattamenti genetici per resisterle, ma gli invasori europei morivano come mosche fino all’arrivo del chinino“.

La scoperta dell’America e delle zanzare

Le prime popolazioni umane erano arrivate lì ripulite dai plasmodi malarici grazie ai secoli passati nella glaciale Siberia. Così nel Nuovo Mondo non c’erano malattie trasmesse dalle zanzare. Ma fin da Colombo gli europei portarono in America nel loro sangue tanti nuovi patogeni, fra cui i plasmodi, che le Anopheles locali si rivelarono bravissime a diffondere. La malaria fece una tale strage fra gli amerindi, che quando i primi conquistadores arrivarono in Florida, trovarono i villaggi già spopolati dal morbo“.

Visto che gli indios morivano in massa, gli europei pensarono bene di importare schiavi africani, che però avevano nel sangue i virus mortali di febbre gialla e dengue. Questi, sulle ali delle locali zanzare Aedes, contribuirono alla strage di 95 milioni di persone nelle Americhe consegnandole, ormai svuotate, agli europei“.

È grazie a loro che Caraibi e Centroamerica sono rimasti in gran parte spagnoli: britannici e francesi fecero di tutto per prendersi le ricchezze, ma nugoli di zanzare infette con malattie a cui gli spagnoli, dopo secoli, si erano un po’ adattati, li respinsero“.

La Scozia, poi, nel 1698 spese così tanto per conquistare Panama, abbandonata dopo pochi mesi perché metà dei coloni era morta di febbre, da doversi unire all’Inghilterra per uscire dalla rovina. In Guyana, morirono 11 mila dei 12 mila coloni, prima che la Francia si arrendesse alle zanzare, e decidesse di usarla solo come prigione. Per questo le due nazioni, alla fine, si “accontentarono” del Nord America: lì, almeno, malaria e febbre gialla c’erano solo d’estate“.

La guerra di secessione americana e l’aiuto delle zanzare

Gli stessi Usa sono nati anche grazie a loro, visto che decimarono l’esercito inglese inviato contro i ribelli di George Washington. Durante la guerra di secessione, però, furono gli eserciti del Nord a trovare zanzare infette ad accoglierli a Sud, impedendogli una veloce vittoria. Così la guerra, iniziata solo per riunire la nazione, si trascinò a lungo e richiese truppe nordiste di colore per proseguire. Solo allora Abramo Lincoln si convinse che la schiavitù andasse abolita del tutto“.

Prima e Seconda guerra mondiale

Nel 1944 in Italia, quando l’esercito americano sbarcò ad Anzio, i tedeschi distrussero le opere di bonifica delle paludi pontine per ripopolarle di anofele infette. L’effetto sugli americani fu nullo, avevano Ddt e farmaci, ma nel 1944 morirono di malaria intorno a Roma 55 mila italiani, contro i 33 mila del 1939“.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.