Alito cattivo (o alitosi): cos’è e cosa fare

Alito cattivo (o alitosi): cos’è, cosa fare, cause, sintomi, odore, alimenti, aglio e cipolla, eliminare la puzza, rimedi naturali

Alito cattivo (o alitosi): cos'è e cosa fare
Alito cattivo (o alitosi). E’ una condizione caratterizzata dall’emissione di aria maleodorante dalla bocca. Il 90% dei casi di alito pesante ha origine dalla bocca. E’, infatti, proprio in questa zona che si accumulano i residui di cibo che vengono trasformati dal metabolismo in batteri. Batteri responsabili, poi, della formazione di placca che si deposita nella cavità orale e sui denti. Placca che può essere eliminata solo con un’accurata igiene orale dei denti e della lingua.

In altri casi, però, l’alitosi riflette un problema locale: denti cariati o affetti da piorrea, e cattiva igiene orale.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

In altri casi ancora, l’alito cattivo può essere sintomo di una patologia epatica avanzata (l’odore è simile al pesce – alitosi ammoniacale), insufficienza renale (l’odore è simile all’urina), chetoacidosi diabetica, infezioni rino-faringee (riniti, sinusiti, faringiti) e di alcune malattie polmonari (bronchiectasia, ascesso polmonare).

Alito cattivo (o alitosi): cos’è

Cos’è l’alitosi (l’alito cattivo)? L’alitosi è il cattivo odore dell’alito generato dall’ingestione di alcuni alimenti (come aglio e cipolla), bevande (alcol) l’uso di tabacco, e derivati dalla fermentazione di particelle di cibo presenti nella cavità orale non perfettamente pulita.

Esistono due tipi di Alitosi: Transitoria e Cronica.
  • L’alitosi Transitoria passa in circa 72 ore da quando avviene l’ingestione;
  • L’alitosi Cronica è, invece, causata da affezioni gengivali, dentarie o rino-sinusiti.
Alito cattivo (o alitosi): cause

Le cause dell’alito cattivo (o alitosi): ha origine dalla bocca a causa dell’accumulo di batteri che si depositano sulla mucosa orale (soprattutto la parte posteriore della lingua). I batteri si formano a seguito dell’ingestione di cibi che si frappongono anche negli spazi interdentali. I residui di cibo che si accumulano nella bocca e che vengono, poi, trasformati dall’organismo in batteri, liberano elementi chimici responsabili dell’alitosi: composti volatili solforati.

Questi composti volatili solforati comprendono:
  • Solfuro di idrogeno: il cattivo odore che sa di uova marce;
  • Mercaptano: il cattivo odore di cavolfiore in decomposizione;
  • Acido isovalerico: il cattivo odore di piedi sudati (come putrescina e cadaverina).
Quando, invece, le cause non sono riconducibili alla bocca, ma ad un’alitosi cronica:
  • Malattie respiratorie: Tonsilliti e bronchiti;
  • Malattie digestive: Reflusso gastroesofageo causato da Helicobacter Pylori;
  • Malattie sistemiche: Diabete, Disfunzioni epatiche o renali;
  • Disordine metabolico: Acetone. Avviene quando l’organismo dopo aver bruciato gli zuccheri inizia a bruciare anche i grassi.
Altre cause e concause:
  • Poca salivazione;
  • Poca o scarsa igiene orale;
  • Carie;
  • Residui di cibo tra i denti;
  • Infezioni locali;
  • Respirare con la Bocca;
  • Cibi (Aglio, cipolla, curry);
  • Alcolici;
  • Fumo;
  • Farmaci.
Cattivo odore (alitosi): rimedi

Quali sono i rimedi per eliminare il cattivo odore (alitosi): per ridurre il cattivo odore della mattina appena svegli esistono piccoli accorgimenti che migliorano la situazione.

Ecco quali sono:
  • Igiene orale quotidiana: anche su lingua e cavo orale con specifici strumenti acquistabili in farmacia;
  • Filo interdentale: da utilizzare per eliminare i residui di cibo tra denti;
  • Colluttori antibatterici: tra cui Fluoro, Zinco e Oli essenziali;
  • Gomme senza zucchero: aiutano a ridurre l’alitosi perché fanno aumentare la salivazione. Importante nei casi di disidratazione del cavo orale causata dalla mancanza o scarsa salivazione che si manifesta mentre si dorme.

Molte persone attribuiscono la propria alitosi a problemi gastrici (acidità di stomaco, digestioni difficili ecc.), ma questi disturbi hanno un ruolo marginale. Un’accurata igiene orale è essenziale per eliminare l’alito cattivo.

Cattivo odore (alitosi): alimenti
Quali alimenti causano il cattivo odore (alitosi):
  • Latticini (Latte, formaggi, yogurt, gelato);
  • Bevande alcoliche (disidratano la bocca);
  • Zucchero (stimola la proliferazione dei batteri);
  • Caffè (per del suo pH acido);
  • Aglio e Cipolle.
Cattivo odore (alitosi): aglio e cipolla

Come togliere il cattivo odore (alitosi) di aglio e cipolla? Il cattivo odore dell’aglio (come anche quello della cipolla) è quello più persistente perché in questo alimento sono presenti sostanze organiche dello zolfo (come l’alliina) difficili da digerire e responsabili del caratteristico odore sgradevole.

Per evitare che le sostanze che compongono aglio e cipolla possano, attraverso il sangue, passare ai polmoni e poi all’inspirazione dal naso, è bene, prima di mangiare questi alimenti, tagliarli finemente e sciacquarli sotto l’acqua corrente. Questa procedura eliminerà il liquido che rende questi alimenti la causa del cattivo odore dell’alito.

I rimedi naturali per togliere, eliminare, neutralizzare l’odore di aglio e cipolla:
  • Lavarsi i denti subito dopo aver mangiato aglio e cipolla (avendo cura di spazzolare la lingua nella zona verso la gola perché è lì che si concentrano la maggior parte delle sostanze organiche);
  • Usare collutori spray (raggiungono le “nicchie tonsillari” dove si annidano i batteri responsabili del cattivo odore);
  • Bere latte intero (bere una tazza di latte da 200 ml circa, prima o durante il consumo delle pietanze a base d’aglio, elimina l’odore del 50%).
  • Masticare foglie di prezzemolo (aiuta a nascondere la puzza di aglio ed è anche un ottimo rinfrescante per la bocca);
  • Succhiare un paio di chicchi di caffé;
  • Mangiare una mela con la buccia;
  • Masticare cerfoglio o semi di anice;
  • Bere un infuso di camomilla o di thé alla menta;
  • Fare degli sciacqui a base di acqua e succo di limone;
  • Sorseggiare un infuso di timo o di rosmarino;
  • Risciacqui con acqua e un cucchiaino di bicarbonato (il bicarbonato favorisce l’assorbimento di tutti gli odori).
Come avere l’alito fresco
Consigli, trucchi e rimedi per avere l’alito fresco e profumato:
  • Lavare denti e lingua con lo spazzolino dopo ogni pasto: consente di eliminare i residui di cibo, cellule morte e batteri, che si depositano nel cavo orale;
  • Collutorio rinfrescante ad azione antibatterica (o dentifricio senza fluoro e BIO);
  • Smettere di fumare: la secchezza della bocca è una causa dell’alito cattivo. Questo perché se non c’è abbastanza idratazione l’alito può diventare pesante. Un fattore che influisce sulla disidratazione del cavo orale è il fumo perché la nicotina asciuga la bocca e favorisce la proliferazione dei batteri;
  • Bere molta acqua naturale: per evitare la secchezza del cavo orale bisogna bere almeno 2 litri al giorno. In questo modo si evita anche di rovinare lo smalto dei denti;
  • Non digiunare: se si saltano i pasti, lo stomaco svolgerà le sue funzioni vitali a vuoto e i succhi gastrici provocheranno l’alito cattivo;
  • Prezzemolo: prendere qualche foglia di prezzemolo e masticarla;
  • Tisana alla Menta piperita: preparare una tisana a base di menta aiuta a mantenere l’alito pulito e fresco;
  • Salvia: pianta aromatica perfetta per contrastare l’alitosi. Prendere un paio di foglie e strofinarle dalla parte più ruvida sui denti e le gengive;
  • Limone: aggiungere qualche goccia di succo di limone al dentifricio per avere denti bianchi e profumanti. Adatto per i fumatori e per chi ha i denti gialli a causa della nicotina;
  • Controlli periodici dal dentista: per evitare carie ed eseguire l’ablazione del tartaro.
L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.