CORRIERE – Le domande dei test di medicina saranno pubbliche

Le domande del test di medicina saranno “pescate” da una banca dati “aperta e pubblica” di migliaia di quesiti che il Cisia


Le prove di accesso alla facoltà di Medicina, che erano previste per febbraio, slittano ad aprile e maggio. La novità principale è che le domande del test saranno “pescate” da una banca dati “aperta e pubblica” di migliaia di quesiti che il Cisia, il consorzio interuniversitario per i sistemi integrati di accesso, sta predisponendo in queste settimane.

Gli studenti dunque, prima del test, potranno esercitarsi sui quesiti e, se fortunati, potranno anche rispondere ad alcuni quesiti che si ritroveranno davanti il giorno della prova.

La struttura della prova dovrebbe restare quella sperimentata lo scorso anno: novanta minuti per rispondere a 50 quesiti di comprensione del testo, biologia, chimica e fisica, matematica e ragionamento. Dovrebbero poter partecipare anche gli studenti del quarto anno delle scuole superiori come lo scorso anno.

Quanto agli studenti che avevano fatto il test nel 2023 essendo al quarto anno, il ministero sta studiando la possibilità per far valere comunque la loro prova.

Il decreto del ministro dell’Università Annamaria Bernini è atteso nelle prossime settimane con tutti i dettagli.

Le polemiche sul Tolc

La decisione di cambiare il test arriva dopo le polemiche e i ricorsi presentati lo scorso anno dagli studi di avvocati specializzati sul tema.

I ricorsi contestavano due aspetti del test: il fatto che, essendo ogni prova diversa dall’altra, il risultato venisse “equalizzato” moltiplicando il voto ottenuto per un coefficiente di difficoltà. Ma la criticità maggiore è stato un vero e proprio commercio delle risposte, visto che i quesiti si potevano ripetere in giorni diversi in prove diverse.

Da qui la decisione di usare un set di domande pubbliche – ma molto numerose – per comporre la prova.

La riforma in vista

Difficile dire se la prova così modificata sopravviverà a lungo. Da qualche mese infatti al ministero stanno studiando la possibilità di introdurre nuove forme di accesso a Medicina che superino strutturalmente le problematicità emerse.

In altre parole di cancellare il test di accesso a cavallo della Maturità ma di introdurre una “tagliola”, sul modello di quella francese.

Punto di partenza per la riforma – che potrebbe vedere la luce quest’anno – sono due disegni di legge in discussione in commissione al Senato.

Il principio è quello di far frequentare un semestre comune agli studenti nelle facoltà a libero accesso come biotecnologie mediche e scienze motorie e sportive, al termine del quale, nel mese di gennaio, chi ha superato i tre esami previsti (fisica medica, biologia cellulare e genetica, principi di anatomia umana) può iscriversi al test che serve per determinare la graduatoria nazionale e l’accesso ai diversi Atenei, come ora.

Chi non passa può continuare il suo corso o iscriversi ad un’altra laurea.

Gli atenei telematici

L’impianto, al quale stanno lavorando ministero e maggioranza in Parlamento potrà subire qualche modifica.

Per poter far fronte a quella che i rettori temono come una marea di matricole – oltre cinquantamila – per il primo semestre comune, le università sono invitate a organizzare corsi online anche in collaborazione con gli atenei telematici, salvo che per le esercitazioni di anatomia che si devono svolgere in presenza.
https://www.corriere.it/scuola/universita/24_gennaio_05/test-medicina-prove-slittano-ad-aprile-domande-saranno-pubbliche-f5fac1d0-ab31-11ee-97df-1dec2b8b830c.shtml

L'informazione è di parte! Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te. Cerchiamo notizie e fatti social del momento e li rimettiamo in circolo, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FONTEUFFICIALE.it riassume le notizie pubblicate dalle agenzie di stampa e da altri media autorevoli (come Ansa, Agi, AdnKronos, Corriere della Sera, ecc..), quindi non è direttamente responsabile di inesattezze. Se, però, ritieni che un nostro articolo debba essere modificato o eliminato puoi farne richiesta [ scrivendo qui ].

Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.
Potrebbero interessarti anche questi articoli: