Grillo si è rotto il ca**o

Se il M5s imparerà dagli errori fatti riuscirà a riprendersi. Se continuerà a subire la metamorfosi del partito tradizionale è destinato a morire

Grillo si è rotto il ca**o
Travaglio dovrebbe rammentare che è grazie alle ospitate nei programmi di Santoro e allo spazio avuto da Grillo, se è nato il suo giornale. Senza tutta quella pubblicità non sarebbe nato nulla. Sputare nel piatto dove si è mangiato fino a ieri è da (trovate voi il termine appropriato).

Detto ciò, abbiamo sempre pensato che Conte fosse la persona giusta per gestire il periodo buio della pandemia in Italia. Non poteva esserlo Zingaretti che riteneva il covid una semplice influenza ed è stato il primo, durante un aperitivo, ad ammalarsi. Salvini e Meloni, per molti mesi, hanno cavalcato l’onda prima di chi non riteneva pericoloso il covid, e dopo dei cosiddetti no-vax. Solo dopo hanno un po’ cambiato posizione. Renzi e Berlusconi non sono nemmeno da prendere in considerazione.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Poi, però, è successo quello che capita spesso. Il potere ha dato alla testa.

Conte era stato scelto per fare da “tramite” tra M5s e Lega durante il primo governo. Siccome entrambi i partiti premevano per Di Maio o Salvini premier, venne scelto Conte. Nei primi tempi veniva considerato un semplice notaio, uno che non contava nulla. Poi è arrivata la metamorfosi.

Conte ha più volte detto che non sarebbe sceso in politica, ma poi ha accettato di esserci nel secondo governo (M5s-PD) e ha tentato di prendersi il M5s.

Ma un conto è guidare il movimento e un altro è diventarne il padre-padrone. Il M5s, come ha detto Grillo, non è e non potrà mai essere un partito con un solo uomo al comando. Il M5s è il partito della partecipazione attiva dei cittadini alla vita politica. E’ stato il partito più votato proprio per questo motivo. Ha subìto un calo di consensi senza precedenti perché non è stato in grado di portare avanti questa “utopia“.

Ha perso 100 parlamentari in 2 anni. Un minimo di esame di coscienza me lo farei per capire i motivi che hanno portato al fuggi fuggi.

Se il M5s tornerà ad essere quello delle idee e della partecipazione diretta del cittadino, e imparerà dagli errori fatti, riuscirà a riprendersi. Se, invece, continuerà a subire la metamorfosi del partito tradizionale allora è destinato a morire.

Non commentiamo le stupidaggini che i giornali e i giornalisti scrivono su questo fatto. Ricordiamo che in Italia siamo al 41esimo posto per libertà di stampa, e che la categoria dei giornalisti è ampiamente rappresentata in parlamento e nelle istituzioni. Questo significa che è davvero complicato capire se quello che dice un giornalista sia frutto di un pensiero libero e indipendente e non di pressioni esterne.


Devi sapere che...

Seguiamo molte testate giornalistiche e siti di informazione per avere molteplici punti di vista, comprendere meglio la situazione che ci circonda e riuscire a spiegare bene le cose a voi che leggete. Studiamo lo stile nella comunicazione, studiamo i contenuti, cerchiamo di capire quali sono le notizie più importanti, quali interessano di più e quali di meno.

Non vogliamo, però, diventare l'ennesimo sito di parte, ma vogliamo raccontare le notizie per quelle che sono: senza ideologie o opinioni personali che alterano la notizia. E vogliamo farlo utilizzando un linguaggio semplice.

Se, però, abbiamo qualcosa da dire lo facciamo, come in questo caso, in un articolo in cui è ben evidenziato che si tratta di un'opinione.

Altri siti, invece, prendono una notizia da un'agenzia di stampa o da una testata giornalistica di oltreoceano e la infarciscono di opinioni e ideologie. Tanti siti di informazione sono di parte, sia quando affrontano la tematica politica sia quando si tratta di tematiche sociali. Non c'è nulla di male ad essere di parte. E' male quando fai credere di non esserlo.

Molte volte i lettori di questi siti sono convinti che le notizie che stanno leggendo non sono di parte, ma in realtà è il contrario. I temi che affrontano e il modo in cui comunicano alcuni siti sono di parte. Basterebbe fare un sondaggio e chiedere ai loro abbonati che tendenze politiche hanno per scoprire facilmente se un sito è di parte oppure no.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.