Perché si dice “essere al settimo cielo”?

L’espressione “essere al settimo cielo” è largamente diffusa e di uso comune. Perché si dice così e qual è il significato

Perché si dice essere al settimo cielo
Perché si dice essere al settimo cielo. L’espressione “essere al settimo cielo” viene usata nel linguaggio comune per indicare “la massima felicità“.

Quindi, è un modo di dire utilizzato per indicare lo stato emotivo della contentezza, dell’essere entusiasti o molto felici, provare un’immensa felicità.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

L’origine dell’espressione “essere al settimo cielo” risale all’epoca medievale ed è legato al “sistema geocentrico” (o “geocentrismo”, o “sistema Tolemaico”), un modello astronomico che prevedeva la Terra al centro di tutto.

Il modello geocentrico prevedeva che intorno alla Terra (che si trovava a centro dell’Universo) ci fossero una serie di sfere concentriche (i 10 cieli). Luna, Mercurio, Venere, Sole, Marte, Giove, Saturno erano i primi 7, seguivano poi il cielo delle stelle fisse (Firmamento), il “Primo Mobile” e il “Decimo Cielo” (il più alto, dove dimorava Dio). Di questi 10 cieli, solo i primi 7 erano accessibili all’uomo e il settimo rappresentava il più alto grado di avvicinamento alla gioia celeste.

Un’espressione simile è “Toccare il cielo con un dito“.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.