MONEY – Arriva la rateizzazione delle cartelle esattoriali in 120 rate (10 anni)

Arriva la rateizzazione strutturale delle cartelle esattoriali in 120 rate (10 anni). Ad annunciarlo il Viceministro dell’Economia e delle Finanze Maurizio Leo

Arriva la rateizzazione strutturale delle cartelle esattoriali in 120 rate (10 anni). Ad annunciarlo il Viceministro dell’Economia e delle Finanze Maurizio Leo in una recente intervista. La misura, che sarà contenuta in uno dei decreti legislativi che il Governo si appresta a varare per la riforma fiscale, è volta a venire incontro ai contribuenti che si trovano in difficoltà economica nel pagare i debiti con il Fisco.

Attualmente, infatti, la rateizzazione delle cartelle esattoriali è possibile fino a un massimo di 72 rate, ma è prevista solo in casi di comprovata difficoltà economica. Con la nuova misura, invece, la rateizzazione sarà possibile per tutti i contribuenti, anche se non si trovano in difficoltà economica. La rateizzazione sarà concessa, però, a condizioni più favorevoli per i contribuenti onesti che si trovano in difficoltà a pagare con dilazioni più corte. In particolare, il tasso di interesse applicato sarà più basso e non saranno previsti ulteriori oneri accessori.

Al contrario, la rateizzazione sarà concessa con condizioni più stringenti per i cosiddetti “furbetti”, ovvero per chi non paga le tasse o le dilaziona solo per avere maggiori finanze da investire (a spese del Fisco). In questi casi, il tasso di interesse applicato sarà più alto e saranno previsti ulteriori oneri accessori.

L'informazione è di parte! Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te. Cerchiamo notizie e fatti social del momento e li rimettiamo in circolo, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FONTEUFFICIALE.it riassume le notizie pubblicate dalle agenzie di stampa e da altri media autorevoli (come Ansa, Agi, AdnKronos, Corriere della Sera, ecc..), quindi non è direttamente responsabile di inesattezze. Se, però, ritieni che un nostro articolo debba essere modificato o eliminato puoi farne richiesta [ scrivendo qui ].

Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.
Potrebbero interessarti anche questi articoli: