Quanti paesi hanno l’energia nucleare?

Dal dicembre 2011 sono 435 i reattori nucleari in funzione, presenti in 31 nazioni di 4 diversi continenti e per una potenza complessiva di 368,190 GW

Quanti paesi hanno l’energia nucleare?
Quanti paesi hanno l’energia nucleare? Dal dicembre 2011 sono 435 i reattori nucleari in funzione, presenti in 31 nazioni di 4 diversi continenti e per una potenza complessiva di 368,190 GW, a cui si aggiungono i 63 in costruzione. Inoltre, quelli in progettazione sono 154 mentre quelli in discussione sono diverse centinaia.

Tutti i membri del G8 e tutte le 14 nazioni più ricche al mondo in termini di PIL producono attualmente energia elettrica da fonte nucleare ad eccezione dell’Italia (che ne importa grandi quantità, in ordine di importanza, da Svizzera, Francia e Slovenia).

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Nell’Unione europea l’energia nucleare è la seconda fonte nell’elettro-generazione, producendo nel 2008 il 27,8% dell’energia elettrica complessiva, poco al di sotto del carbone (937 TWh contro 940 TWh).

I paesi che hanno l’energia nucleare

Gli Stati Uniti hanno il maggior numero di centrali nucleari, con oltre 100 reattori in funzione nel 2012 in 65 centrali elettriche. Quelli negli Stati Uniti rappresentano, però, circa il 20% del fabbisogno energetico del paese.

La Francia ha più di 50 reattori nucleari in funzione, con alcuni in costruzione o in progettazione. La Francia soddisfa circa il 77% del suo fabbisogno energetico attraverso questi impianti, la più grande percentuale di qualsiasi nazione al mondo.

Solo altri due paesi, oltre la Francia, generano più della metà della loro energia attraverso il nucleare. I sette reattori del Belgio producono circa il 54% della loro energia. La Slovacchia ha solo 4 reattori ma che generano poco più del 50% della loro energia, con l’intenzione di costruirne altri 2.
Altri paesi

Prima dell’incidente all’impianto di Fukushima nel 2011, il Giappone copriva circa il 30% del proprio fabbisogno energetico attraverso 50 reattori nucleari. Nel marzo del 2011, tuttavia, i danni di un terremoto e del conseguente tsunami hanno portato a diverse esplosioni e alla fusione del nocciolo di 3 reattori della centrale. Dopo questo disastro, solo 2 reattori nel paese sono rimasti operativi.

La Russia mantiene oltre 30 reattori, a partire dal 2012, producendo poco più del 15% del suo fabbisogno energetico totale. Più di 20 nuovi impianti sono attualmente in costruzione o sono stati ordinati, mentre altri 24 sono stati proposti.

La Germania produce circa il 17% della sua energia attraverso 9 reattori, che stanno attualmente disattivando mentre passano ad altri metodi di produzione di energia.

Solo alcune nazioni hanno più di 15 reattori nucleari. L’Ucraina ne ha 15, responsabili di quasi la metà del suo fabbisogno energetico, e ne ha pianificate altre 13. Canada, India, Regno Unito e Corea del Sud hanno ciascuno più di 15 reattori. La Corea del Sud prevede di aumentare sostanzialmente quel numero in futuro.

La Cina ha il programma di crescita più ambizioso, con piani e proposte per aggiungere oltre 100 reattori ai 15 che hanno nel 2012, che la renderebbero il primo produttore di energia nucleare al mondo. L’India sta valutando la costruzione di quasi 60 reattori in più, oltre ai 20 già in funzione.

Tra i paesi con solo una piccola quantità di reattori nucleari ci sono Pakistan, Romania, Messico, Slovenia, Svizzera, Repubblica Ceca, Spagna, Taiwan, Sud Africa, Brasile e Argentina.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.