Perché si dice “una tantum”?

L’espressione “una tantum” è largamente diffusa e di uso comune. Perché si dice così e qual è il significato

Perché si dice
Perché si dice una tantum. L’espressione “una tantum” viene usata nel linguaggio comune con il significato di “una volta soltanto“. E’ un modo di dire che, spesso, viene usato in modo inesatto come sinonimo di “una volta ogni tanto“.

Si adopera soprattutto nel linguaggio giuridico, amministrativo e burocratrico per indicare un pagamento (a titolo di compenso, di gratifica, di indennità, di assolvimento di un obbligo, ecc.), di solito a carattere straordinario, che viene fatto mediante una determinata somma senza obbligo di ripeterlo (ad esempio, dare una gratifica una tantum ai dipendenti).

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Nell’uso corrente si adopera per indicare una tassa, una sovrimposta o un contributo straordinarî, limitati a una volta soltanto.

La una tantum è utilizzata anche con i piani tariffari di diversi operatori telefonici.

E’ una parola latina e la sua datazione ufficiale nel lessico della lingua italiana coincide con la prima registrazione lessicografica, avvenuta nell’VIII edizione del Dizionario moderno di Alfredo Panzini (Milano, Hoepli 1942) per opera di Bruno Migliorini.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.