Da molti anni l’Ucraina è afflitta dalla “grande corruzione”

Nonostante le diverse iniziative dell’UE per ridurre le opportunità di corruzione, è stato constatato che la grande corruzione è rimasta un grosso problema in Ucraina

Da molti anni l’Ucraina è afflitta dalla grande corruzione
Da molti anni l’Ucraina è afflitta da una grande corruzione. Secondo una relazione della Corte dei Conti Europea di cui si è discusso giovedì 19 maggio nella sala stampa del Senato, per iniziativa della senatrice Bianca Laura Granato, in Ucraina gli oligarchi influenzano fortemente il potere legislativo, i media, l’amministrazione pubblica e la giustizia.

Nonostante le diverse iniziative dell’UE per ridurre le opportunità di corruzione, è stato constatato che la grande corruzione è rimasta un grosso problema in Ucraina. La Corte ha formulato una serie di raccomandazioni per migliorare il sostegno offerto dall’UE: in particolare, andrebbero definite e attuate azioni specifiche mirate non solo a contrastare la grande corruzione (compresa la struttura oligarchica), ma anche a contribuire alla rimozione degli ostacoli alla libera e leale concorrenza.

I reportage dall'Italia e dal Mondo
Cosa ha detto la senatrice Granato:

E’ importante parlare oggi della corruzione in Ucraina. […] Perché nel momento in cui Draghi e l’UE parlano di invio di armi, invio di soldi, invio di contingenti, bisogna far capire ai cittadini italiani che, sia Draghi che l’UE, sono perfettamente a conoscenza di dove finiranno quei soldi: dovranno passare attraverso il filtro della corruzione e quindi alla popolazione non arriverà nulla degli aiuti che le istituzioni europee stanno inviando“.

La guerra in Ucraina fa di questa relazione speciale della Corte dei Conti Europea un monito per tutti noi e per tutti i Paesi europei: stiamo passando da Comunità Economica a Comunità Diseconomica, una Comunità sempre meno comune e sempre più diretta esclusivamente dall’alto, che opera scelte controproducenti e, soprattutto, senza più lo scopo di assicurare la pace e il benessere dei suoi cittadini bensì l’opposto“.

Dalla relazione sappiamo che dal 2014 la Commissione ha impegnato circa 5,6 miliardi di euro per programmi di assistenza macrofinanziaria, 2,2 miliardi di euro per programmi di assistenza e ha garantito prestiti della Banca europea per gli investimenti per 4,4 miliardi di euro ma, nonostante tanti sforzi, i risultati sono stati assai deludenti: gli oligarchi continuano a minare lo stato di diritto e a compromettere lo sviluppo, come si legge nella relazione“.

In questo momento enormi masse di danaro e mezzi sono messi a disposizione dell’Ucraina dall’UE che però non ha previsto alcuna strategia perché essi non siano un ulteriore e ancor più incontrollato strumento di corruzione da parte degli oligarchi ucraini“.

Registrazione video della conferenza stampa dal titolo “La grande corruzione in Ucraina: relazione della Corte dei Conti alla luce degli attuali sviluppi” che si è tenuta a Roma giovedì 19 maggio 2022 alle ore 10:00.

Cosa ha detto il responsabile della relazione Juhan Parts:

Nonostante le varie forme di sostegno offerte dall’UE all’Ucraina, in questo paese gli oligarchi e gli interessi costituiti continuano a minare lo Stato di diritto e a compromettere lo sviluppo” e ancora “L’Ucraina ha bisogno di una strategia mirata ed efficiente per contrastare il potere degli oligarchi e ridurre la Cattura dello Stato“.

L’UE è stata ed è perfettamente a conoscenza delle connessioni tra oligarchi, alti funzionari, politici, sistema giudiziario e imprese statali ma, non ha sviluppato una strategia concreta per contrastare una tale grande corruzione. I flussi finanziari illeciti, tanto per fare un esempio che comprende anche il riciclaggio di denaro, sono colpiti solo ai margini“.

In questo momento enormi masse di danaro e mezzi sono messi a disposizione dell’Ucraina dall’UE ma, quest’ultima, non ha previsto alcuna strategia perché essi non siano un ulteriore e ancor più incontrollato strumento di corruzione e di Cattura dello Stato da parte degli oligarchi ucraini“.

Relazione speciale della Corte dei conti europea presentata in virtù dell’articolo 287, paragrafo 4, secondo comma, del TFUE.

Perché questi articoli...

A differenza di qualsiasi altro sito di notizie che tende a raccontare le cose da un punto di vista di parte, Fonte Ufficiale cerca di spiegare i fatti in modo neutrale. Questa è e sarà sempre la nostra linea editoriale.

Seguiamo molte testate giornalistiche e siti di informazione per avere molteplici punti di vista, comprendere meglio la situazione che ci circonda e riuscire a spiegare bene le cose a voi che leggete. Studiamo lo stile nella comunicazione, studiamo i contenuti, cerchiamo di capire quali sono le notizie più importanti, quali interessano di più e quali di meno.

Quando, però, troviamo quelli che possono essere considerati dei veri e propri "scoop giornalistici" li inseriamo in questa categoria. In questo caso le parole utilizzate potrebbero essere meno neutrali.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.