ANSA – L’ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA E’ TRA LE PIU’ CARE D’EUROPA

L’energia elettrica in Italia è tra le più costose d’Europa. Il Paese si colloca al sesto posto per il costo medio di un kilowattora, che negli ultimi due anni è aumentato del 42%, rispetto al 20% della media UE

L’energia elettrica in Italia è tra le più costose d’Europa. Il Paese si colloca al sesto posto per il costo medio di un kilowattora, che negli ultimi due anni è aumentato del 42%, rispetto al 20% della media UE.

Nel 2023, gli italiani hanno speso in media oltre 960 euro per la bolletta elettrica, il 23% in più rispetto alla media europea per gli stessi consumi. Questa cifra è stata calcolata da Facile.it considerando il consumo di una famiglia-tipo italiana (2.700 kWh) e le tariffe dell’energia elettrica rilevate da Eurostat nei vari Paesi dell’UE. Se in Italia si applicassero le tariffe medie europee, il costo delle bollette si ridurrebbe di oltre 180 euro all’anno.

Nel 2023, l’Italia ha registrato una delle peggiori performance in Europa per il costo dell’energia elettrica. Analizzando il secondo semestre dello scorso anno, l’Italia è risultata il sesto paese più caro tra i 27 Stati UE, con una tariffa media di 0,3347 euro per kilowattora (tasse e oneri inclusi). Anche se c’è stato un calo dei prezzi del 12% rispetto al primo semestre, non è stato sufficiente per uscire dal gruppo dei paesi con le tariffe più elevate.

Solo pochi Paesi hanno avuto costi superiori. In Germania, i consumatori hanno speso il 20% in più rispetto all’Italia, in Irlanda e Belgio il 13% in più, e in Danimarca il 6% in più. Molti altri Paesi hanno invece registrato tariffe più basse. In Francia, il prezzo medio è stato il 29% inferiore rispetto all’Italia, in Spagna il 43% inferiore, e in Svezia addirittura il 53% inferiore. Le tariffe italiane sono state più alte del 196% rispetto a quelle ungheresi.

LE ALTRE NOTIZIE IN EVIDENZA SU “ECONOMIA”:

DEBITO PUBBLICO

WIRED – L’ITALIA E’ “CAMPIONE D’EUROPA” PER DEBITO PUBBLICO?

L’Italia si conferma “campione d’Europa” per il debito pubblico nel 2024, con una previsione di emissioni di prestiti a lungo termine pari a 390 miliardi di dollari, secondo quanto riportato da S&P Global. Questo ammontare supera quello degli altri paesi europei avanzati, con il Regno Unito che chiederà 352 miliardi di dollari e la Francia ferma a 311 miliardi di dollari. Tale stima è basata sull’analisi delle previsioni di bilancio di 31 economie avanzate europee. La situazione economica evidenzia la necessità di raccogliere fondi per sostenere il fabbisogno pubblico, tuttavia, l’incremento del debito pubblico comporta costi significativi per i contribuenti a causa degli interessi che dovranno essere pagati in seguito. Nonostante i rendimenti dei bond europei siano diminuiti nell’ultimo anno, il costo totale del servizio del debito pubblico è aumentato, soprattutto a causa della riduzione degli acquisti di titoli di Stato sovrani da parte della Banca centrale europea. La spesa per gli interessi sui bond italiani nel 2024 è stimata intorno al 4,2% del prodotto interno lordo, con un totale di circa 80 miliardi di dollari, un livello simile a quello del 2015. Questo aumento dei costi potrebbe mettere ulteriormente sotto pressione le finanze pubbliche italiane. Nonostante ciò, la domanda di debito pubblico rimane robusta, con un numero crescente di investitori, inclusi risparmiatori privati e istituzioni finanziarie, che cercano rendimenti più interessanti. La recente chiusura della terza tranche del Btp Valore, che ha superato i 18 miliardi di euro, evidenzia l’interesse degli investitori privati nei titoli di Stato italiani. Inoltre, la Banca centrale europea continua a svolgere un ruolo chiave come investitore, reinvestendo i rimborsi dei titoli acquistati nel contesto del programma di acquisto di emergenza legato alla pandemia (Pepp) lanciato nel 2020. Tuttavia, è probabile che la Bce riduca gradualmente la sua partecipazione al programma, il che potrebbe portare a un aumento medio del costo del debito pubblico e a una maggiore pressione per un consolidamento fiscale ulteriore da parte degli Stati membri dell’eurozona.

Altre notizie:

APRI/CHIUDI
L’INDIPENDENTE – IL DEBITO PUBBLICO ITALIANO SCENDE E TORNA ALLE FAMIGLIE

Nuovi dati provenienti dall’Istituto Nazionale di Statistica (Istat) hanno rivelato una notevole diminuzione del rapporto tra debito pubblico e Prodotto Interno Lordo (PIL) in Italia. Nel corso del 2023, il rapporto è sceso al 137,3%, rispetto al 140,5% registrato nel 2022, segnando un calo del 3,2% e addirittura del 18% rispetto al picco del 155,3% nel 2020. Secondo un’analisi del Sole 24 Ore, questa diminuzione rappresenta la maggiore tra tutti i Paesi europei. Inoltre, c’è stato un aumento significativo della quota di debito pubblico detenuta dalle famiglie italiane, che ora ammonta al 73%. Questo aumento è stato favorito dall’acquisto di Buoni del Tesoro Poliennali (BTP) da parte delle famiglie. Sebbene alcuni commentatori abbiano celebrato questa diminuzione come un successo del governo Meloni, è importante sottolineare che questa tendenza è in atto da diversi anni. Il primo calo significativo si è registrato tra il 2020 e il 2021, quando il rapporto debito-PIL è passato dal 154,9% al 147,1%. L’Italia si distingue anche per essere l’unica nazione del G7 a essere riuscita a ridurre il debito pubblico al netto della spesa per interessi negli ultimi 28 anni. Nonostante un aumento del deficit, il debito pubblico è in diminuzione, dimostrando che le teorie economiche basate sull’austerità non sono necessariamente efficaci. Inoltre, la diminuzione del debito pubblico negli ultimi quattro anni è avvenuta nonostante un aumento del deficit, contraddicendo le teorie economiche neoliberali. Durante gli anni del governo Monti, ad esempio, il debito pubblico è aumentato nonostante la politica di austerity.

BYOBLU – PERCHE’ IL DEBITO PUBBLICO STA SCENDENDO

Secondo l’Istat, il rapporto tra debito pubblico e PIL in Italia è in calo. Nel 2023, il rapporto si è attestato al 137,3%, rispetto al 140,5% del 2022, registrando una diminuzione significativa del 3%. Questo dato contraddice le convinzioni tradizionali sull’economia, sottolineando un’interessante correlazione: maggiore è il deficit dello Stato, minore è il rapporto debito pubblico/PIL. Negli ultimi anni, l’Italia ha mantenuto un deficit pubblico molto superiore al 3% imposto dal Trattato di Maastricht. Nel 2020 è stato del -9,4%, nel 2021 del -7,2%, nel 2022 del -8,6% e nel 2023 del -7,2%. Questi numeri dovrebbero sfidare le teorie dell’austerity, dimostrando che una spesa statale più elevata può effettivamente ridurre il debito pubblico. L’idea di un deficit elevato che riduce il debito pubblico si basa sull’effetto moltiplicatore della spesa pubblica sul PIL. Quando la spesa pubblica aumenta, si verifica un aumento del PIL, riducendo così il rapporto debito/PIL. Questi dati sembrano anche contraddire le affermazioni recenti di Giorgia Meloni riguardo a un presunto buco nel bilancio statale dovuto al “superbonus”. Tuttavia, la diminuzione del debito pubblico suggerisce che questo buco potrebbe non esistere e che, al contrario, l’iniezione di liquidità nell’economia tramite il superbonus potrebbe aver contribuito al calo del debito. Inoltre, c’è una tendenza positiva nel detenere il debito pubblico italiano: sempre più BOT e BTP sono nelle mani dei cittadini italiani. Nel novembre 2023, la quota detenuta da famiglie e imprese italiane ha superato i 320 miliardi, rappresentando il 13,4% del totale del debito, rispetto all’8,9% del 2022. Questo trend riduce i rischi di speculazione sul debito pubblico, trasformandolo da un peso a una fonte di ricchezza nazionale.

MONDO

SCENARIECONOMICI – L’INDIA STA PER SUPERARE IL GIAPPONE E RAGGIUNGERE IL QUARTO POSTO PER PRODOTTO INTERNO LORDO (DOPO USA, CINA E GERMANIA)

Secondo una recente stima del Fondo Monetario Internazionale (FMI), l’India è in procinto di sorpassare il Giappone per quanto riguarda il Prodotto Interno Lordo (PIL), aprendo le porte a una nuova epoca economica in Asia. Questo spostamento di posizione collocherebbe l’India al quarto posto mondiale per PIL, dietro solo agli Stati Uniti, alla Cina e alla Germania. Tuttavia, anche Berlino dovrà fare i conti con le conseguenze di questo cambiamento. Secondo le proiezioni del FMI, il PIL nominale dell’India dovrebbe raggiungere circa 4,3398 trilioni di dollari nel 2025, superando così il PIL giapponese stimato a 4,3103 trilioni di dollari nello stesso anno. Tale superamento avverrebbe con un anno di anticipo rispetto alle previsioni precedenti del FMI, che indicavano il 2026 come il momento del sorpasso. L’attuale deprezzamento dello yen giapponese sembra essere uno dei fattori che accelerano questo cambiamento, riducendo l’economia del Giappone in termini di dollari. Questo deprezzamento ha contribuito a eclissare il PIL giapponese rispetto a quello della Germania nel 2023, collocando il Giappone al quinto posto tra le economie mondiali. La rupia indiana, dal canto suo, è rimasta sostanzialmente stabile rispetto al dollaro sin dall’inizio del 2023, mantenendo un tasso di cambio di circa 83 rupie per dollaro. Tuttavia, ci sono segnali che suggeriscono un intervento significativo della Reserve Bank of India nel mercato valutario, come osservato nel rapporto del FMI del dicembre 2023. La banca centrale indiana ha respinto le critiche del FMI riguardo a un possibile intervento eccessivo nel mercato valutario, sostenendo che le analisi si basavano su tendenze a breve termine e non riflettevano pienamente la situazione economica complessiva. L’ascesa economica dell’India è stata notevole negli ultimi anni, nonostante le sfide della pandemia COVID-19. Il Paese ha visto una crescita significativa, trainata in parte dall’espansione della sua popolazione. Le previsioni della Reserve Bank of India indicano una crescita reale del PIL del 7% nell’anno fiscale 2024. Nonostante questi successi, il PIL nominale pro capite dell’India si attesta ancora a circa 2.000 dollari, una frazione rispetto alla Cina e vicino al Bangladesh. Tuttavia, la classe media indiana è in espansione, e si prevede che l’India supererà la Germania per diventare la terza economia mondiale entro il 2027.

Altre notizie:

APRI/CHIUDI
WIRED/SCENARIECONOMICI – GLI ATTACCHI RUSSI ALLE INFRASTRUTTURE UCRAINE E QUELLI UCRAINI ALLE RAFFINERIE RUSSE STANNO CAUSANDO L’AUMENTO DEI PREZZI DI GAS E PETROLIO

Gli attacchi russi alle infrastrutture energetiche in Ucraina stanno avendo conseguenze significative sui mercati del gas in Europa. La Russia ha mirato ai depositi di stoccaggio di gas e alle centrali elettriche ucraine, provocando un aumento dei prezzi del gas nell’Unione europea. Questo è stato evidenziato dai recenti attacchi che hanno danneggiato gravemente la più grande centrale elettrica nella regione di Kyiv, insieme a due impianti di stoccaggio sotterraneo del gas ucraino. I bombardamenti russi hanno gravemente compromesso le infrastrutture energetiche ucraine, mettendo a rischio la sicurezza dell’approvvigionamento energetico dell’Europa. L’Ucraina continua ad essere un importante percorso di transito per il gas diretto in Europa, e ogni attacco russo contro gasdotti o depositi ha conseguenze dirette sui prezzi del gas. Secondo quanto riportato, gli attacchi russi hanno comportato danni significativi alle infrastrutture, con l’impiego di oltre 80 missili e droni. Questi attacchi hanno colpito non solo le infrastrutture, ma anche la popolazione, lasciando molte persone senza energia elettrica. Nonostante i danni, le strutture sono ancora operative, ma gli effetti a lungo termine degli attacchi rimangono da valutare. Le raffinerie russe sono state anch’esse oggetto di attacchi da parte dell’Ucraina, con il potenziale di scuotere i mercati globali del carburante. L’Agenzia Internazionale dell’Energia ha espresso preoccupazione riguardo alla possibilità che gli attacchi alle raffinerie russe possano influenzare negativamente i mercati del petrolio a livello globale. Si teme che fino a 600.000 barili al giorno di capacità di raffinazione della Russia potrebbero essere offline nel secondo trimestre a causa degli attacchi ucraini. Questi attacchi hanno già comportato una riduzione della produzione russa di benzina e hanno sollevato preoccupazioni per un potenziale aumento dei prezzi del petrolio a livello mondiale. Gli Stati Uniti hanno esortato l’Ucraina a fermare gli attacchi contro le raffinerie russe, temendo ritorsioni da parte della Russia e un ulteriore aumento dei prezzi del petrolio. L’Ucraina, d’altra parte, ha difeso le sue azioni come legittime risposte agli attacchi russi alle infrastrutture energetiche ucraine. Tuttavia, gli attacchi hanno causato danni significativi alle raffinerie russe e potrebbero avere ripercussioni sul mercato globale del petrolio e dei prodotti petroliferi.

ILGIORNALE – LA RUSSIA SEQUESTRA 440 MILIONI DI DOLLARI ALLA BANCA STATUNITENSE JP MORGAN CHASE

Un tribunale russo ha emesso un ordine di sequestro di 439,5 milioni di dollari di JP Morgan Chase, la più grande banca statunitense, su richiesta del VTB Bank, un istituto di credito statale russo. Questo sequestro dei fondi è avvenuto in risposta al congelamento dei conti russi di JPMorgan negli Stati Uniti in seguito alle sanzioni imposte dagli USA dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. L’ordine del tribunale russo include anche il sequestro di beni mobili e immobili, tra cui la partecipazione di JP Morgan in una filiale russa. Questa decisione è giunta dopo che VTB ha intentato una causa presso un tribunale arbitrale di San Pietroburgo, chiedendo il risarcimento dei fondi congelati e una compensazione per il fatto che JPMorgan ha annunciato la sua intenzione di uscire dalla Russia. Questo caso mette JP Morgan di fronte alla possibilità di perdere quasi mezzo miliardo di dollari per aver rispettato le sanzioni statunitensi. Tuttavia, la banca americana ha cercato di bloccare gli sforzi di VTB sostenendo che la clausola contrattuale stabiliva che le controversie dovessero essere risolte davanti ai tribunali statunitensi, mentre VTB ha cercato una sede più favorevole in Russia. Nonostante il potenziale rischio finanziario per JP Morgan, le azioni della banca sono rimaste stabili dopo la notizia. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che, in situazioni in cui le perdite sono causate da direttive nazionali in mercati esteri, è comune che le autorità o le compensazioni vengano fornite per ridurre l’impatto economico sugli operatori coinvolti. I sequestri di fondi, come in questo caso, possono essere la base per richiedere rimborsi o compensazioni.

MILANOFINANZA – LA RUSSIA CRESCERA’ PIU’ DI TUTTE LE ECONOMIE AVANZATE

Secondo gli aggiornamenti di aprile del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la Russia prevede di registrare la crescita economica più significativa tra tutte le economie avanzate del mondo nel 2024. L’FMI stima che la Russia crescerà del 3,2%, superando Stati Uniti, Germania, Francia, Italia e Regno Unito. Queste previsioni rappresentano un notevole cambiamento rispetto alle aspettative precedenti. Le stime economiche dell’FMI smentiscono le previsioni pessimistiche del blocco atlantico. In passato, diversi leader e media occidentali avevano annunciato che le sanzioni euro-atlantiche avrebbero avuto un impatto devastante sull’economia russa, soprattutto in relazione al finanziamento della guerra in Ucraina. Tuttavia, l’FMI ha ribaltato queste previsioni, rilevando una crescita economica più robusta per la Russia. L’aumento del PIL russo si attribuisce a diversi fattori. Gli investimenti delle imprese statali e aziendali, insieme alla solidità dei consumi privati e alle robuste esportazioni di petrolio, hanno contribuito a sostenere la crescita economica del paese. Nonostante le sanzioni, il commercio di petrolio russo continua a fluire verso mercati come il Regno Unito, grazie alle raffinerie di paesi come India e Cina che riforniscono direttamente l’Occidente. Tuttavia, l’efficacia delle sanzioni euro-atlantiche è stata messa in discussione. Le sanzioni, concepite per isolare l’economia russa, sembrano essere state aggirate dalle stesse compagnie occidentali attraverso scappatoie legali. Questo ha contribuito a mantenere alto il flusso di petrolio russo verso l’Occidente, generando profitti che hanno finito per sostenere l’economia russa anziché indebolirla. Le previsioni economiche dell’FMI indicano che le economie avanzate del G7, tra cui Italia, Francia, Regno Unito e Stati Uniti, prevedono una crescita economica inferiore rispetto alla Russia nel 2024 e nel 2025. Questi dati mettono in evidenza una svolta significativa nei rapporti economici globali e sollevano domande sulle strategie economiche e politiche del blocco euro-atlantico.

SCENARIECONOMICI – CLASS ACTION MILIARDARIA CONTRO BARCLAYS

Un giudice statunitense ha ordinato che Barclays affronti un’azione legale collettiva da parte degli azionisti, accusando la banca britannica di frode mobiliare in relazione alla vendita eccessiva di titoli di debito, superando i limiti imposti dalle autorità di regolamentazione. Questa decisione segue le rivelazioni del 2022, quando è emerso che Barclays aveva emesso e venduto una quantità significativa di “Structured notes”, titoli di debito collegati a mercati specifici, superando notevolmente i limiti federali di emissione. Il giudice distrettuale degli Stati Uniti, Katherine Polk Failla, ha stabilito che gli azionisti hanno dimostrato in modo soddisfacente che Barclays ha omesso di comunicare l’assenza di controlli interni che avrebbero potuto individuare le vendite eccessive di debito per un periodo di cinque anni. Failla ha anche permesso agli azionisti di provare che Barclays e alcuni funzionari, incluso l’ex CEO Jes Staley, sono stati negligenti nel garantire il rispetto delle leggi federali sui titoli durante la vendita eccessiva di debito. La causa legale è stata avviata dopo che Barclays ha rivelato di aver venduto 15,2 miliardi di dollari in più di titoli strutturati nei cinque anni precedenti rispetto ai limiti autorizzati dalle autorità di regolamentazione statunitensi. Successivamente, la banca ha aumentato l’importo in eccesso a 17,7 miliardi di dollari e ha offerto di riacquistare il debito in eccesso. Nella sua decisione, Failla ha sottolineato che Barclays potrebbe essere citata in giudizio per le sue dichiarazioni che implicavano un solido sistema di controllo interno e il rispetto degli standard normativi, poiché il sistema di monitoraggio delle vendite del debito non solo non funzionava, ma semplicemente non esisteva. Tuttavia, il giudice ha anche stabilito che gli azionisti non possono intentare una causa per frode in titoli per le dichiarazioni rilasciate da Barclays dopo la scoperta delle emissioni eccessive. L’azione legale riguarda gli azionisti che hanno subito perdite a causa delle vendite eccessive di titoli di Barclays in un determinato periodo, e i risparmiatori che si sono sentiti defraudati dei loro investimenti hanno ottenuto il diritto di intraprendere azioni legali contro la banca. Jes Staley si è dimesso dalla carica di CEO di Barclays nel novembre 2021. La banca dovrà ora affrontare le conseguenze legali di queste vendite eccessive di debito, con la prospettiva di compensare gli azionisti che hanno subito perdite a causa di tali pratiche discutibili.

SCENARIECONOMICI – ITALIA MEGLIO DELLA GERMANIA: PRODUZIONE INDUSTRIALE CRESCE SU BASE MENSILE

La produzione industriale italiana cresce a dicembre su base mensile, in controtendenza rispetto alle attese e alle performance di altri paesi europei come la Germania. I dati Istat mostrano un aumento dell’1,1% rispetto a novembre, ribaltando il calo dell’1,3% rivisto del mese precedente. Le stime degli analisti indicavano una crescita più contenuta, dello 0,9%. Il rimbalzo è stato trainato dai beni di consumo (+3% vs -1,6%), in particolare quelli durevoli (+4,3%). Segno positivo anche per i beni strumentali (+1,6% vs 0%) e i beni intermedi (+0,8% vs -1,8%). Il calo dei beni energetici è stato più contenuto rispetto a novembre (-2% vs -4,1%). Ancora più interessante è il confronto con la Germania: a dicembre, l’Italia ha registrato una crescita mensile della produzione industriale dell’1,1%, mentre la Germania ha subito un calo dell’1,6%. Tuttavia, su base annua la produzione industriale italiana è in calo del 2,1% a dicembre, segnando l’11° periodo consecutivo di lettura negativa. Si tratta comunque del calo più contenuto da settembre. Nel 2023 la produzione è scesa del 2,5% rispetto all’aumento dello 0,4% del 2022.

LASTAMPA – CROLLA LA PRODUZIONE INDUSTRIALE IN GERMANIA

La Germania affronta una grave crisi economica, con la produzione industriale in crollo e tensioni politiche all’interno del governo di Olaf Scholz. Il ministro delle finanze Lindner ha ammesso la perdita di competitività del Paese, mentre il ministro dell’Economia Habeck ha proposto una riforma fiscale per alleggerire il carico sulle imprese tedesche, ma è stata respinta da Scholz. Dopo una recessione nel 2023, la Germania continua a registrare segnali negativi, con un declino delle esportazioni e una contrazione del PIL nel quarto trimestre del 2023. La crisi economica, exacerbata dai costi energetici elevati, ha causato proteste e tensioni sociali, aumentando la pressione sul governo. Le esportazioni tedesche sono diminuite significativamente verso l’UE e i paesi extra-UE, mentre i settori industriali chiave hanno subito contrazioni, ad eccezione dell’industria automobilistica. La produzione manifatturiera è diminuita sia su base mensile che annuale, con un calo particolarmente significativo nei settori ad alta intensità energetica. Le sfavorevoli congiunture internazionali, l’inflazione e le sanzioni alla Russia hanno contribuito alla recessione tedesca, aumentando i costi energetici e deprimendo la domanda interna ed estera. La dipendenza energetica dalla Russia è stata sostituita con il gas naturale liquefatto (GNL) americano, aumentando i costi per l’industria tedesca. La crisi economica tedesca ha impatti negativi sull’intera economia dell’eurozona, con una crescita rivista al ribasso rispetto alle stime precedenti. Il morale delle aziende tedesche è crollato, mentre il settore dei servizi ha registrato una diminuzione dell’attività commerciale.

SCENARIECONOMICI – IL 2024 SARA’ RECESSIONE IN EUROPA

Le prospettive economiche dell’Europa nel 2024 preannunciano un anno difficile. Gli indicatori previsionali manifatturieri, conosciuti come PMI, sono ampiamente negativi per i paesi europei. Se inferiori a 50, indicano contrazione, con tutti i paesi elencati al di sotto di questa soglia, alcuni come la Francia e i Paesi Bassi in peggioramento. La situazione è preoccupante: l’attuale accordo sulle norme di bilancio europee impone vincoli stringenti alle politiche fiscali espansive, limitando i deficit al massimo all’1% del PIL per quasi tutti i paesi. Queste restrizioni rendono impossibile qualsiasi politica anticiclica, obbligando a tagli e aumenti delle tasse che potrebbero accentuare la crisi piuttosto che contrastarla. L’esperienza della crisi del 2011-2014 non sembra aver influenzato le decisioni attuali. La BCE, che aveva adottato una posizione attiva con il Quantitative Easing dal 2015, potrebbe avere un ruolo limitato. Con orientamenti restrittivi da parte di alcune istituzioni e una direzione della BCE priva di un economista alla guida, le prospettive di interventi tempestivi sono scarse. Questo scenario non implica necessariamente un impatto negativo sui mercati finanziari, che seguono logiche separate. Tuttavia, l’economia reale rischia di soffrire, con previsioni negative sull’occupazione e sul PIL per tutto il 2024. Le prospettive avverse potrebbero non essere sufficienti a modificare le politiche attualmente adottate.

MERCATO TUTELATO E LIBERO

LEGGO – CRC: CHI PASSA AL MERCATO LIBERO SI RITROVERA’ A PAGARE 1.776 EURO ANNUI IN PIU’

Secondo quanto riportato dal Centro di formazione e ricerca sui consumi (Crc), chi attiverà oggi un servizio di fornitura sul mercato libero dell’energia elettrica potrebbe vedersi infliggere un aumento fino a 1.776 euro all’anno rispetto alla bolletta media del Servizio a Tutele Graduali, che entrerà in vigore il 1 luglio. Il confronto delle offerte dei 7 gestori vincitori delle aste dell’Acquirente Unico per il Servizio a Tutele Graduali, rappresentanti il 70,49% del mercato, ha rivelato che le tariffe del mercato libero sono significativamente più elevate. I clienti che non scelgono un operatore del mercato libero passeranno automaticamente dal Maggiore Tutela al Servizio a Tutele Graduali, godendo di un risparmio stimato di circa 131 euro all’anno a utenza rispetto alle attuali tariffe del mercato tutelato. Tuttavia, per coloro che optano per il mercato libero, le differenze di prezzo sono evidenti. Chi sceglie un’offerta a prezzo variabile può aspettarsi un aumento annuo che va da un minimo di 162 euro a un massimo di 573 euro rispetto alle tutele graduali. Nel caso di un contratto a prezzo fisso, le tariffe sono ancora più alte, con un aumento annuo che varia da un minimo di 204 euro a un massimo di 1.776 euro rispetto alla bolletta media del Servizio a Tutele Graduali. Secondo il presidente del comitato scientifico del Crc e presidente onorario di Assoutenti, Furio Truzzi, questa situazione rappresenta un “doppio assurdo paradosso”, con i clienti del mercato libero che pagheranno tariffe più elevate rispetto alle tutele graduali, anche scegliendo lo stesso gestore. Inoltre, gli utenti vulnerabili che rimangono nel mercato tutelato subiranno un aumento medio di 131 euro all’anno rispetto al Servizio a Tutele Graduali. Truzzi ha anche sottolineato che coloro che sono passati al mercato libero e desiderano beneficiare delle tutele graduali a partire dal 1 luglio dovranno rientrare nella Maggior Tutela entro il 30 giugno, poiché non è previsto un passaggio diretto dal libero al Servizio a Tutele Graduali.

Altre notizie:

APRI/CHIUDI
SKYTG24 – FINE DEL MERCATO TUTELATO PER LE BOLLETTE DEL GAS

Il 31 dicembre 2023 è terminato ufficialmente il mercato tutelato del gas per gli utenti non vulnerabili, che rappresentano oltre 5 milioni di famiglie italiane. A partire da oggi, questi utenti sono quindi passati automaticamente al mercato libero, dove possono scegliere tra le offerte di diversi fornitori. Per chi ancora avesse dei dubbi se si trova nel mercato tutelato o nel mercato libero, va ricordato come spesso sia sufficiente vedere se la bolletta del gas riporta la dicitura “servizio di maggior tutela” oppure “mercato libero”. Restano nel mercato tutelato i clienti che hanno più di 75 anni, che vivono in condizioni economiche svantaggiate, che sono in gravi condizioni di salute, che hanno un’utenza in una struttura abitativa di emergenza a seguito di eventi calamitosi o che hanno un’utenza in un’isola minore non interconnessa. Chi deve cambiare fornitore ma resta nel tutelato passa automaticamente alla tariffa Placet, che è una tariffa a prezzo libero ma con condizioni equiparate a quelle del mercato tutelato. Lo stesso discorso varrà per le utenze luce a partire da luglio, dopo il quale si passerà servizio a tutele graduali (Stg), che avrà durata di tre anni. Se si ha la domiciliazione bancaria delle bollette, è importante verificare che il nuovo fornitore sia in grado di gestire il RID. In caso contrario, sarà necessario modificare l’intestatario del conto corrente. Il portale ufficiale di Arera, il gestore dei servizi energetici, mette a disposizione un comparatore di offerte per il mercato libero del gas. Secondo Consumerismo e Assium, sul mercato libero del gas sono più convenienti i contratti a prezzo variabile rispetto a quelli a prezzo fisso. Secondo i dati di Arera, ad oggi i clienti vulnerabili sono 4,5 milioni. Per le utenze luce, il 72% dei clienti domestici è già nel mercato libero, mentre per le utenze gas la percentuale è del 70%.

ADNKRONOS – BOLLETTA DELLA LUCE: SLITTA AL 1° LUGLIO 2024 LA FINE DEL MERCATO TUTETALO

L’Autorità per l’Energia (Arera) annuncia lo slittamento, al 1° luglio 2024 anziché il previsto 1° aprile, della fine del mercato tutelato dell’energia elettrica. Tale decisione influenzerà le bollette della luce. Questo ritardo deriva dal decreto energia 181/23, volto a garantire un’evoluzione coerente del processo di fine tutela per i clienti domestici non vulnerabili all’elettricità. L’introduzione del Servizio a Tutele Graduali (Stg), destinato ai clienti domestici non vulnerabili dell’elettricità che non avranno ancora aderito al mercato libero al termine del periodo di tutela, avverrà nell’estate successiva. Arera ha già posticipato al 10 gennaio l’esecuzione delle aste per la selezione degli operatori del servizio. Queste decisioni rispondono a diverse necessità legate al decreto, tra cui informare i clienti tramite campagne informative e predisporre le attività preparatorie per il Servizio a Tutele Graduali. Il Codacons ha chiesto anche il prolungamento della fine del mercato tutelato del gas, previsto per il 10 gennaio, citando la confusione e il rischio per i consumatori. Il presidente Rienzi ha sollecitato un’unica data di fine tutela e una campagna informativa intensiva per assistere i consumatori in questo passaggio cruciale.

SUPERBONUS

ILSOLE24ORE – E’ ENTRATO IN VIGORE IL DECRETO CON LE ULTIME MODIFICHE AL SUPERBONUS

Il Superbonus, con le sue ultime modifiche, è ora una realtà concreta. Il decreto, ratificato martedì 26 marzo dal Consiglio dei ministri, è entrato in vigore sabato 30 marzo, dopo la sua pubblicazione sulla “Gazzetta Ufficiale”. Questo decreto, denominato Dl 39/2024, è ora in attesa di conversione al Senato. Queste misure sono state prese per regolare la cessione dei crediti edilizi e per eliminare lo sconto in fattura. È importante sottolineare che il testo finale del decreto ha richiesto un periodo di valutazione supplementare a causa della necessità di considerare anche le aree sismiche. Tuttavia, si è raggiunto un accordo che ha imposto un tetto massimo di spesa. Ma quali sono le date fondamentali da tenere in considerazione riguardo a questo nuovo provvedimento governativo? La prima data significativa è il 16 febbraio 2023. Coloro che hanno presentato una Comunicazione di Inizio Lavori (Cilas) entro questa data possono ancora effettuare cessioni e ottenere sconti, a condizione che al 30 marzo 2024 abbiano già effettuato spese collegate a fatture per lavori realmente eseguiti. La stretta sulle cessioni voluta dal Governo, disciplinata dal decreto 39/2024, è entrata in vigore il 30 marzo 2024. Questa data è fondamentale per determinare chi può ancora usufruire delle poche salvaguardie previste dal provvedimento. Un’altra data importante è il 4 aprile 2024. Questo è il termine ultimo per comunicare le opzioni relative alle spese del 2023 e alle rate residue degli anni precedenti. Si stima che questa scadenza chiuderà la partita per investimenti che superano i 40 miliardi di euro, solo per quanto riguarda il Superbonus. Infine, il 15 ottobre 2024 segna la chiusura definitiva delle possibilità di remissione in bonis e della sanatoria a pagamento. Il Governo ha deciso di concentrare le valutazioni solo sulla scadenza iniziale di aprile, eliminando le opzioni precedentemente offerte.

Altre notizie:

APRI/CHIUDI
PAGELLAPOLITICA – LE TRUFFE DEI BONUS EDILIZI HANNO RAGGIUNTO I 15 MILIARDI DI EURO

Durante un’audizione alla Commissione Finanze del Senato, il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, ha riferito che i crediti d’imposta relativi ai bonus edilizi coinvolti in frodi ammontano complessivamente a circa 15 miliardi di euro. Di questi, 8,6 miliardi sono stati sottoposti a sequestro preventivo dall’autorità giudiziaria, mentre 6,3 miliardi sono stati esclusi dalla piattaforma della cessione dei crediti. Il Superbonus 110%, introdotto nel 2020 con il decreto “Rilancio” del governo Conte, permette ai beneficiari di ottenere un rimborso pari al 110% delle spese sostenute per interventi di efficientamento energetico o adeguamento antisismico degli immobili, sotto forma di credito d’imposta. Questi soldi vengono restituiti gradualmente con uno sconto sulle tasse versate annualmente all’erario. Il meccanismo della cessione del credito d’imposta è stato successivamente introdotto per agevolare ulteriormente i beneficiari, consentendo loro di trasferire il credito a terzi, come aziende edili o istituti finanziari. Tuttavia, nel tempo, tale meccanismo è stato sfruttato per frodare il fisco. Alcuni soggetti hanno ceduto crediti relativi a lavori edilizi mai effettuati, sia per complicità che per errore. Dei 15 miliardi di euro di frodi individuati dall’Agenzia delle Entrate, non tutti i crediti sono stati utilizzati per pagare meno tasse. Circa 8,6 miliardi di euro sono stati sequestrati prima di essere utilizzati, mentre una parte dei restanti 6,3 miliardi è stata già utilizzata. Secondo i dati più recenti, i crediti d’imposta relativi ai bonus edilizi oggetto di cessione o sconto in fattura tra ottobre 2020 e aprile 2024 ammontano a circa 219 miliardi di euro, di cui 160,3 miliardi riguardano il Superbonus e 58,7 miliardi gli altri bonus edilizi. Il valore delle frodi, pari a 15 miliardi di euro, rappresenta quasi il 7% del totale dei crediti. A febbraio 2022, l’Agenzia delle Entrate aveva segnalato che il Superbonus rappresentava solo il 3% delle frodi scoperte fino a quel momento. Con l’aumento dei crediti maturati, tuttavia, il numero di frodi è triplicato. Al momento, non sono disponibili dati disaggregati sulle frodi relative a specifici bonus come il Superbonus e il bonus “Facciate”.

ADNKRONOS – COM’E’ CAMBIATO IL SUPERBONUS DOPO IL DECRETO DEL GOVERNO

Dopo la scadenza del 4 aprile scorso, fissata dal Governo per l’interruzione dello sconto in fattura e della cessione del credito per i bonus edilizi, molti cittadini si chiedono cosa possano fare se hanno avviato lavori ma non hanno ancora presentato la documentazione necessaria. Il Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati, tramite il consigliere nazionale Paolo Biscaro, fornisce alcune risposte. Per coloro che hanno iniziato i lavori di ristrutturazione edilizia nel 2023 e hanno ricevuto almeno una fattura per i lavori, pagata entro il 4 aprile 2024, continua ad essere valida la normativa precedente. Questi cittadini possono ancora usufruire dell’agevolazione del 70%, nonostante non abbiano presentato la documentazione entro la scadenza del 4 aprile 2024. Tuttavia, se hanno ricevuto almeno una fattura ma il pagamento non risulta effettuato, sono soggetti alle restrizioni previste dal nuovo decreto n. 39/2024 approvato dal Consiglio dei Ministri il 26 marzo 2024. Secondo questo nuovo decreto, non è possibile apportare correzioni o integrazioni alla documentazione. Il termine del 4 aprile 2024 era importante perché segnava la scadenza per inviare all’Agenzia delle Entrate la comunicazione relativa alla scelta tra la cessione del credito e lo sconto in fattura, alternativamente alla fruizione diretta del Superbonus o degli altri bonus edilizi. Questa comunicazione includeva tutta la documentazione tecnica e fiscale necessaria, da trasmettere attraverso la piattaforma tecnologica messa a disposizione dall’Enea. Per coloro che hanno ricevuto almeno una fattura per i lavori e che risulta pagata, è ancora possibile inviare la documentazione e usufruire dell’agevolazione del 70%. È importante ricordare che il Superbonus copre diversi interventi di efficientamento energetico e riduzione del rischio sismico, con diverse percentuali di detrazione a seconda della data di esecuzione dei lavori. Tuttavia, non è più possibile modificare i dati fiscali trasmessi. Questa restrizione è stata introdotta per proteggere la finanza pubblica nel settore delle agevolazioni fiscali in materia edilizia e di efficienza energetica. Al momento, non è possibile stimare quanti cittadini abbiano avviato i lavori ma non hanno ancora presentato la documentazione entro il 4 aprile 2024. Questi dati potrebbero essere resi noti solo dallo Stato, quale unico soggetto tenutario delle informazioni pertinenti.

ILFATTOQUOTIDIANO – GOVERNO APPROVA NUOVE LIMITAZIONI PER IL SUPERBONUS

Il Consiglio dei Ministri ha annunciato l’approvazione di un nuovo decreto-legge riguardante il Superbonus, introducendo importanti limitazioni che influenzeranno i beneficiari di questa misura. Tale provvedimento ha eliminato la possibilità di utilizzare gli “sconti in fattura” e la “cessione del credito”, oltre a stabilire una scadenza per le correzioni ai piani dei lavori. Il nuovo decreto, presentato dal Ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti, è stato deciso per affrontare i costi eccessivi legati al Superbonus, i quali risultano essere superiori alle stime del Ministero dell’Economia. In particolare, sono state cancellate le opzioni di “sconti in fattura” e “cessione del credito”, e la possibilità di apportare modifiche ai piani dei lavori è stata limitata fino al 15 ottobre 2024. In precedenza, era permesso apportare modifiche con il pagamento di sanzioni limitate. Il Superbonus, introdotto nel maggio 2020, prevedeva inizialmente un rimborso del 110% delle spese sostenute per i lavori, ridotto successivamente al 90% nel 2023 e al 70% nel 2024. L’opzione di detrazione fiscale era la modalità principale per ottenere il rimborso, mentre le altre opzioni di cessione del credito erano state eliminate in precedenza. Una delle novità introdotte riguarda la necessità di inviare una comunicazione preventiva all’inizio dei lavori per tutti coloro che intendono usufruire del Superbonus. Questa misura mira a controllare i costi dei lavori, che in precedenza diventavano noti solo dopo che le fatture venivano caricate sulla piattaforma dell’Agenzia delle Entrate. Il Ministro Giorgetti ha sottolineato che l’obiettivo del governo è quello di ridurre l’eccessiva generosità del Superbonus, che ha causato problemi alle finanze pubbliche. Ha dichiarato che i costi sono già elevati e che avranno un impatto significativo sul bilancio dello Stato per molti anni a venire.

REPUBBLICA – SUPERBONUS: APPROVATA “SANATORIA” PER CHI NON HA COMPLETATO I LAVORI ENTRO IL 2023

Il Senato ha approvato definitivamente il decreto-legge sul Superbonus, introducendo alcune importanti modifiche rispetto alla versione originale. La nuova legge include una sanatoria per chi non ha completato i lavori entro il 2023 e un sostegno per le famiglie con redditi bassi. Il Superbonus è un’agevolazione fiscale che prevede il rimborso di una parte delle spese sostenute per interventi di ristrutturazione edilizia che migliorano l’efficienza energetica di case e condomìni. La misura è stata introdotta nel 2020 e ha avuto un grande successo, con l’avvio di numerosi cantieri in tutto il paese. Tuttavia, la complessità del sistema di cessione del credito e le modifiche introdotte a febbraio 2023 hanno creato diverse difficoltà, bloccando molti cantieri e creando contenziosi tra privati e imprese edili. La nuova legge interviene su questi aspetti: Sanatoria: chi ha avviato i lavori con il Superbonus al 110% o al 90% e non li ha completati entro il 2023 non dovrà restituire gli incentivi già ricevuti, anche se non ha migliorato l’efficienza energetica dell’abitazione. Sostegno alle famiglie con redditi bassi: un fondo da 16 milioni di euro (ampliabile) coprirà le spese sostenute da famiglie con ISEE inferiore a 15mila euro che hanno già svolto almeno il 60% dei lavori. ANCE, l’Associazione nazionale costruttori edili, critica la sanatoria perché non impone di terminare i lavori entro un certo periodo, incentivando l’abbandono dei cantieri e non risolvendo i contenziosi tra privati e imprese. La copertura finanziaria del sostegno alle famiglie con redditi bassi è considerata insufficiente.

ILFATTOQUOTIDIANO – LE NOVITA’ SUL SUPERBONUS

Il decreto del 28 dicembre, emanato dal Consiglio dei Ministri. Il contributo del Fondo povertà, che avrebbe dovuto sostenere coloro che avevano avviato interventi puntando sul Superbonus ma rischiano ora di ottenere solo una detrazione del 70%, sarà calcolato non in base all’Isee ma al quoziente familiare. La nuova regola considererà il reddito di riferimento, calcolato sommando i redditi dei richiedenti e dei loro familiari, diviso per un coefficiente che varia in base al numero di componenti del nucleo familiare. Questa formula potrebbe coinvolgere anche famiglie con entrate di 60.000 euro e cinque membri, aprendo la possibilità di accesso a persone con redditi in apparenza più elevati. Tuttavia, la disponibilità di risorse per questo fondo è critica. Attualmente, solo 16 milioni di euro sono stati stanziati, sufficienti solo per una parte minima (0,3%) dei lavori in corso. Il decreto stabilisce che il contributo sarà erogato “nei limiti delle risorse disponibili”, senza fornire chiari criteri o modalità di assegnazione. Si attende un decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze entro sessanta giorni dalla pubblicazione del decreto stesso. Il testo conferma la sanatoria per i lavori certificati entro dicembre 2023, consentendo loro di continuare a beneficiare del Superbonus anche se non completati entro la data e confermando che il credito fiscale non dovrà essere restituito. Tuttavia, si esclude il requisito di miglioramento energetico, inizialmente previsto come uno degli obiettivi principali. Altre importanti modifiche includono la riduzione del bonus al 70% a partire dal 2024 e limitazioni per il bonus del 75% per interventi di accessibilità: saranno considerati solo i lavori su scale, rampe, ascensori e simili, escludendo serramenti e automazioni di impianti. Inoltre, l’opzione di cessione del credito, precedentemente concessa, sarà cancellata dall’1 gennaio 2024, fatta eccezione per alcuni casi specifici come gli interventi su parti comuni dei condomini e situazioni con disabili nel nucleo familiare.

ILSOLE24ORE – IL SUPERBONUS SCENDE DA 110% A 70%

Dal 2024, il Superbonus subisce nuovi cambiamenti, avvicinandosi alla sua chiusura definitiva. L’agevolazione scende al 70% e nel 2025 ulteriormente al 65%, limitando i benefici alle sole abitazioni condominiali. La maxi-agevolazione, nata durante l’emergenza Covid, si ridimensiona progressivamente: il 110% sarà mantenuto solo nelle zone sismiche. Il 70% sarà applicato alle spese fino a 40.000 euro per l’isolamento termico delle parti comuni dei condomini. L’Ecobonus resterà attivo solo per i lavori il cui titolo edilizio è stato presentato entro il 16 febbraio 2023. La detrazione del 50% rimane valida per la sostituzione di serramenti, schermature solari e caldaie a biomassa fino a 60.000 euro di spesa. Il Sismabonus per la sicurezza antisismica è prorogato con una detrazione del 50% fino a 96.000 euro per unità immobiliare. Si conferma il bonus del 36% per la sistemazione di aree verdi, mentre il bonus per l’abbattimento delle barriere architettoniche resta attivo fino al 2025, offrendo un’agevolazione del 75%. Cambiamenti nel bonus per acquisti di mobili e grandi elettrodomestici, con il tetto massimo di spesa che scende da 8.000 a 5.000 euro nel 2024.

LAVORO

CORRIERE – IN ITALIA CRESCE L’OCCUPAZIONE MA IL SALARIO REALE E’ PIU’ BASSO RISPETTO A 30 ANNI FA

L’Italia si trova di fronte a una realtà economica in cui l’occupazione può aumentare, ma i salari non seguono la stessa tendenza. Secondo i dati dell’Ocse, il nostro paese si distingue per la maggiore diminuzione dei salari reali rispetto ad altre grandi economie mondiali. Questa situazione rende sempre più difficile per le persone soddisfare le necessità primarie come casa, cibo e trasporti, nonostante abbiano un’occupazione. Il rapporto dell’Ocse evidenzia un declino costante nel salario reale in Italia. Nel periodo tra il 1990 e il 2020, i salari reali sono diminuiti del 2,9%. Tuttavia, la situazione è peggiorata significativamente dopo la pandemia, con un calo del 7,3% nel 2022 rispetto all’anno precedente. Questa tendenza negativa si è mantenuta nel corso degli anni, con un modesto aumento dell’1% dal 1991. Tale stagnazione ha posizionato l’Italia al 22º posto tra i Paesi Ocse per il livello dei salari medi annuali reali nel 2022, segnando un calo di 13 posizioni rispetto al 1992. Nell’Eurozona, l’Italia si distingue ulteriormente per il suo modesto aumento dei salari nominali. Nel 2022, il valore nominale dei salari è cresciuto solo dell’1,1%, mentre altri paesi hanno registrato incrementi più significativi. Ad esempio, in Germania è stato registrato un aumento del +2,7%, nella Repubblica Ceca del +4,4%, e in Francia approssimativamente del +5%. Questi paesi hanno adottato misure che hanno legato l’andamento dei salari all’inflazione, consentendo una rinegoziazione dei contratti collettivi e un conseguente aumento del loro valore nominale. Tuttavia, in Italia, questa pratica non è stata adottata. Più della metà dei contratti collettivi nel settore privato sono scaduti, e il tempo medio di attesa per il rinnovo è aumentato significativamente da 20,5 mesi nel gennaio 2023 a 32,2 mesi nel dicembre 2023. Il Segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri, ha sottolineato l’urgenza di affrontare la perdita del potere d’acquisto dei lavoratori dipendenti e pensionati. Questo fenomeno non solo mette a rischio il benessere individuale, ma anche la stabilità dell’economia nazionale nel suo complesso.

Altre notizie:

APRI/CHIUDI
SCENARIECONOMICI – CROLLO DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE IN AREA EURO

A gennaio 2024, la produzione industriale nell’Area Euro ha subito un significativo calo, contrariamente alle previsioni di mercato e segnando un’inversione di tendenza rispetto ai mesi precedenti. Il dato più preoccupante riguarda la netta contrazione dell’attività industriale, con una diminuzione del 3,2% rispetto al mese precedente, rappresentando la flessione più marcata dall’inizio dell’anno precedente. La caduta è stata particolarmente rilevante nel settore dei beni strumentali, registrando un drastico calo del 14,5%, indicando una forte riluttanza delle aziende a investire. Anche la produzione di beni durevoli e di beni di consumo non durevoli ha subito una diminuzione, sebbene in misura minore rispetto al settore dei beni strumentali. Tuttavia, c’è stato un aumento significativo nella produzione di beni intermedi, che ha registrato una crescita del 2,6%, e nella produzione di energia, con un incremento dello 0,5%. Contrariamente alle aspettative, la responsabilità di questo calo non può essere attribuita alla Germania, che ha visto un aumento della produzione industriale rispetto al mese precedente, sebbene gli ordini siano diminuiti. Anche l’Italia e la Spagna hanno registrato un incremento della produzione industriale. Il principale calo si è verificato nei Paesi Bassi, con una diminuzione del 3,8% rispetto al mese precedente e del 4% su base annua. Questo segnale negativo indica una significativa difficoltà nell’industria olandese, quasi ai limiti della deindustrializzazione. In Francia, il calo dell’1,1% può essere attribuito anche agli scioperi che hanno interessato le raffinerie, il che potrebbe aver influito in modo congiunturale sulla produzione. Tuttavia, è preoccupante che tali problemi nell’industria siano spesso trascurati dalle autorità europee, concentratesi su altre priorità come le politiche ambientali, mentre sarebbe opportuno porre maggiore attenzione sulle esigenze e sulle sfide del settore produttivo per garantire la competitività economica e la stabilità dell’occupazione nell’Area Euro.

ANSA – PENSIONATI IN ITALIA OLTRE 16 MILIONI E I LAVORATORI OLTRE 23 MILIONI

I pensionati in Italia sono più di 16 milioni, a fronte di oltre 23 milioni di lavoratori che, attraverso i contributi versati, finanziano le loro pensioni. Bisogna considerare però che, anche se i pensionati sono circa 16 milioni, le prestazioni pensionistiche complessive sono quasi 23 milioni (si possono cumulare). Il più recente aggiornamento Istat sul tema indica che nel 2021 c’erano 714 pensionati ogni mille lavoratori. Nel 2011 il rapporto era di 744 ogni mille e nel 2000 di 757 ogni mille. Negli ultimi 20 anni, quindi, il numero dei beneficiari dei trattamenti pensionistici si è tenuto sostanzialmente stabile rispetto a quello dei lavoratori, o risulta perfino in calo. Oggi le pensioni valgono circa il 16% del Pil, a fronte di una media Ocse di circa l’8%. Nel 2020 il rapporto era salito al 17%. Secondo le proiezioni del Mef, a partire dal 2026 il rapporto dovrebbe ricominciare a crescere, nonostante l’innalzamento dei requisiti minimi di accesso al pensionamento. Il prossimo picco, ancora al 17% del Pil, è atteso per il 2040, prima di un nuovo calo negli anni successivi.

ANSA – EUROSTAT: ITALIA ULTIMA IN UE PER TASSO DI OCCUPAZIONE

Secondo i dati recentemente pubblicati da Eurostat, l’Italia si trova all’ultimo posto in Europa per il tasso di occupazione, con un divario significativo rispetto alla media dell’Unione Europea. Nonostante nel 2023 si sia registrato un livello record di occupazione nel paese, il tasso di occupazione tra i 20 e i 64 anni si è fermato al 66,3%, distante quasi 10 punti percentuali dalla media dell’UE, che è del 75,4%. Il rapporto evidenzia che l’Italia ha registrato un aumento maggiore rispetto alla media dell’UE, con un incremento del 1,5% rispetto allo 0,9% dell’UE. Tuttavia, rimane indietro soprattutto per quanto riguarda l’occupazione femminile. Solo il 56,5% delle donne italiane tra i 20 e i 64 anni è occupato, rispetto al 70,2% della media dell’UE. Il divario di occupazione tra uomini e donne è del 19,5%, quasi il doppio della media dell’UE, che è del 10,3%. Sebbene il tasso di occupazione maschile sia al 76%, rispetto all’80,5% della media dell’UE, l’Italia continua a lottare con il divario di genere nell’occupazione. Negli ultimi dieci anni, l’Europa ha visto una crescita del 9,1% rispetto al 6,9% dell’Italia. Il divario nell’occupazione femminile è particolarmente evidente nel Sud Italia, dove solo il 39% delle donne tra i 20 ei 64 anni è occupato, rispetto al 67% della media del Nord e al 62,6% del Centro. Anche nella fascia d’età tra i 25 ei 34 anni, il divario tra il Nord e il Sud è significativo, con il 40,3% delle donne occupate al Sud rispetto al 72,2% al Nord. In generale, il tasso di occupazione al Sud è del 52,5%, rispetto al 74,6% del Nord, con una differenza di oltre 22 punti percentuali.

LASTAMPA – LAVORO SOMMERSO IN ITALIA: ALMENO 3 MILIONI LE PERSONE COINVOLTE

Secondo i dati Istat del 2021, si è registrato un aumento di 73 mila unità di lavoratori irregolari rispetto all’anno precedente, con un’incidenza sull’attività sommersa che corrisponde al 3,7% del PIL nazionale, pari a 69 miliardi di euro. Il lavoro irregolare è una realtà diffusa in tutti i settori, con il 42% dei casi concentrato nei servizi alle persone, seguito dall’agricoltura (17%), edilizia, commercio, turismo e ristorazione (13%). La maggioranza dei lavoratori sfruttati sono stranieri, spesso privi di contratto e documenti. La distribuzione territoriale evidenzia che il Nord del Paese conta il maggior numero assoluto di lavoratori in nero, seguito dal Mezzogiorno e dal Centro. Tuttavia, il Sud presenta il tasso più elevato di lavoro irregolare rispetto alla totalità dell’occupazione, con Calabria e Campania in testa alla classifica. Il Ministero del Lavoro ha elaborato un piano nazionale triennale per contrastare il lavoro sommerso, ma le azioni intraprese continuano a generare scetticismo tra i sindacati. La segretaria nazionale della Fai-Cisl, Raffaella Buonaguro, ha sottolineato la necessità di una revisione strutturale delle politiche attuali e dei controlli, evidenziando la persistenza di pratiche illegali diffuse, come il caporalato e l’utilizzo di manodopera non regolare. Nel settore della ristorazione, in particolare, è emerso un sistema diffuso di elusione dei controlli. Le ispezioni della Guardia di Finanza hanno rivelato che oltre il 70% dei locali, dalle pizzerie ai ristoranti, impiegano personale in nero o senza regolare permesso di soggiorno. I datori di lavoro utilizzano spesso lavoratori invisibili, soprattutto extracomunitari privi di documenti, e adottano strategie per eludere i controlli, come l’impiego di contratti part-time regolari per poi sfruttare i dipendenti con orari di lavoro ben superiori e pagamenti fuori busta.

QUIFINANZA – CGIL: 5,7 MILIONI DI DIPENDENTI GUADAGNANO IN MEDIA MENO DI 11 MILA EURO LORDI ANNUI

Un nuovo studio condotto dall’Ufficio Economia dell’Area Politiche per lo Sviluppo della Cgil Nazionale rivela che più di 5,7 milioni di lavoratori italiani ricevono un salario annuo lordo medio inferiore a 11.000 euro. Inoltre, oltre 2 milioni di dipendenti guadagnano mediamente meno di 17.000 euro lordi all’anno. Questi dati evidenziano una diffusa problematica di bassi salari nel panorama lavorativo italiano. Il confronto con altre economie dell’Eurozona, secondo i dati dell’Ocse relativi al 2022, rivela che il salario medio in Italia si è attestato a 31.500 euro lordi annui. Tale cifra risulta notevolmente inferiore rispetto a Germania (45.500 euro) e Francia (41.700 euro), posizionando l’Italia tra le nazioni con i salari medi più bassi. Questo divario salariale è attribuibile a diversi fattori, tra cui una maggiore presenza di professioni non qualificate, un’elevata incidenza del lavoro a tempo parziale involontario e del lavoro temporaneo, accompagnati da una marcata discontinuità nell’occupazione. Nel 2022, più della metà dei contratti di lavoro conclusi aveva una durata fino a 90 giorni, contribuendo alla precarietà dei lavoratori. Nonostante un aumento salariale del +6,3% nel 2022, i lavoratori italiani continuano a ricevere salari non adeguati, principalmente a causa dei prolungati ritardi nel rinnovare i contratti nazionali di lavoro. Questa situazione riflette una tendenza persistente nel Paese, radicata in un modello economico basato su un sistema produttivo a basso valore aggiunto, che favorisce principalmente le micro e piccole imprese, e porta a una domanda di lavoro meno qualificato e più precario. È significativo il confronto con altri Paesi dell’Eurozona: nonostante le ore lavorative siano comparativamente più elevate in Italia, la quota del reddito nazionale destinata ai salari è notevolmente inferiore rispetto a Germania e Francia. Christian Ferrari, segretario confederale della Cgil, ha dichiarato: “I dati non potrebbero essere più eloquenti. Nel 2022, 5,7 milioni di lavoratrici e lavoratori hanno guadagnato l’equivalente mensile di 850 euro, altri 2 milioni di dipendenti arrivano ad appena 1200 euro al mese. E la situazione non è certo migliorata nel 2023, anno in cui l’inflazione ha raggiunto il 5,9%, cumulandosi con quella dei due anni precedenti, raggiungendo un totale del 17,3%”.

CORRIERE – STELLANTIS PROLUNGHERA’ DI 2 MESI LA CASSA INTEGRAZIONE AI LAVORATORI DI MIRAFIORI

Stellantis ha comunicato ai sindacati la decisione di estendere la cassa integrazione per i 2.260 dipendenti dello stabilimento di Mirafiori, a Torino. Fino al 30 marzo, i lavoratori opereranno su un solo turno, quattro settimane in più rispetto alla precedente programmazione a gennaio. Questa scelta ridurrà significativamente la produzione di auto per quasi due mesi. Lo stabilimento di Mirafiori, simbolo della Fiat, ora parte di Stellantis, ha visto una costante diminuzione nella produzione di modelli nel corso degli anni. Sebbene la produzione della Fiat 500 elettrica abbia registrato un aumento, con 88.000 auto nel 2022, nel 2023 si è nuovamente registrato un calo, con 85.940 auto prodotte. Gli incentivi per le uscite volontarie offerti dall’azienda nel 2023 hanno portato al pensionamento di numerosi dipendenti senza sostituzioni significative. Tuttavia, le preoccupazioni per il futuro degli stabilimenti italiani si sono intensificate negli ultimi tempi. La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha criticato la riduzione della produzione in Italia, sostenendo che le auto pubblicizzate come italiane dovrebbero essere prodotte nel paese. L’amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares, ha risposto alle critiche, sottolineando la mancanza di incentivi governativi per le auto elettriche. Tavares ha affermato che senza tali sussidi, gli impianti italiani sono a rischio. Il sindacato FIOM ha organizzato un’assemblea dei lavoratori per discutere di azioni future, mentre chiede al governo di intervenire per garantire il futuro degli stabilimenti italiani.

MONEY – PENSIONI: TORNA LA RIFORMA FORNERO

La riforma pensionistica Fornero farà il suo ritorno nel 2024, nonostante le smentite del governo. La relazione tecnica alla legge di Bilancio 2024 chiarisce che l’accesso alle misure di flessibilità saranno drasticamente ridotte rispetto all’anno precedente. Tre misure consentono l’anticipo pensionistico, ma i requisiti vengono rivisti: Quota 103, Ape Sociale e Opzione Donna vedono una restrizione che dimezza le stime di uscite anticipate, passando da 60 mila nel 2023 a 32 mila nel 2024. Per la maggior parte, i lavoratori dovranno seguire le regole stabilite nel 2011, con una lieve modifica alla pensione anticipata contributiva che potrebbe favorire o penalizzare, a seconda dei casi. La Quota 103, per esempio, subisce una penalizzazione: chi accede a 62 anni con 41 anni di contributi affronta un ricalcolo interamente contributivo dell’assegno pensionistico, riducendo la platea dei beneficiari. Le finestre mobili per accedere a Quota 103 si allungano: nel 2024, coloro che raggiungono i requisiti potranno andare in pensione solamente nel 2025. Anche l’Ape Sociale, destinata a disoccupati, invalidi e caregiver, riduce la platea dei beneficiari con l’aumento di 5 mesi di età richiesti per l’accesso. Opzione Donna vede ulteriori restrizioni, permettendo l’accesso solo a donne di 61 anni con 35 anni di contributi e appartenenti a categorie specifiche. Tuttavia, alcune migliorie emergono per chi rientra nel regime contributivo. Per la pensione di vecchiaia a 67 anni, basta un importo pari all’assegno sociale, abbassando il limite rispetto al 2023. Per l’anticipo pensionistico a 64 anni, il valore della pensione deve essere almeno 3 volte l’assegno sociale, sebbene ci siano eccezioni per le lavoratrici con figli.

ILFATTOQUOTIDIANO – UE: I DIPENDENTI PUBBLICI CHE NON USUFRUISCONO DI TUTTE LE FERIE RETRIBUITE HANNO DIRITTO A UN’INDENNITA’

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha stabilito che i dipendenti pubblici che non hanno potuto usufruire di tutte le ferie annuali retribuite prima di dare le dimissioni hanno diritto a un’indennità finanziaria. La legge italiana vieta ai dipendenti pubblici di ricevere compensazioni per ferie non sfruttate. La Corte UE ha stabilito che questa norma viola i diritti dei lavoratori alle ferie retribuite, come stabilito dalla direttiva 2003/88/CE. La sentenza della Corte UE è stata emessa il 18 gennaio 2024. Il caso riguardava Antonio Giuseppe Verdesca, un ex istruttore direttivo del comune di Copertino che si era dimesso nel 2016 con 79 giorni di ferie non utilizzate. Il comune di Copertino aveva rispettato la legge italiana, ma Verdesca aveva avviato una causa legale per ottenere il pagamento. La Corte UE ha stabilito che la legge italiana viola la direttiva 2003/88/CE, che garantisce ai lavoratori un periodo minimo di quattro settimane di ferie annuali retribuite. La direttiva prevede inoltre che i lavoratori hanno diritto a usufruire di queste ferie entro un periodo di riferimento di 18 mesi. Se non è possibile usufruire di tutte le ferie entro questo periodo, il lavoratore ha diritto a un’indennità finanziaria. Secondo i dati del Ministero dell’Interno, nel 2022 i dipendenti pubblici italiani avevano in media 20 giorni di ferie non utilizzate. Se la sentenza dovesse essere applicata a tutti i dipendenti pubblici con ferie non utilizzate, questo potrebbe comportare un costo significativo per le casse dello Stato.

AGI – SALARI IN ITALIA: DAL 1991 CRESCIUTI SOLO DELL’1% (MEDIA OCSE 32%)

I salari in Italia non sono cresciuti quasi per niente negli ultimi 30 anni. Tra il 1991 e il 2022 la crescita è stata dell’1% a differenza dei Paesi dell’area Ocse, dove sono cresciuti in media del 32,5%. In particolare, nel solo 2020, terzo nell’anno della pandemia da Covid-19, si è registrato un calo dei salari in termini reali del -4,8%. In quest’anno si è registrata anche la differenza più ampia con la crescita dell’area Ocse con un -33,6%. Accanto a questo problema si è sviluppato anche quello della scarsa produttività: a partire dalla seconda metà degli anni Novanta la crescita della produttività è stata di gran lunga inferiore rispetto ai Paesi del G7, segnando un divario massimo nel 2021 pari al 25,5%. Dopo la crisi generata dalla pandemia il mercato del lavoro italiano ha ricominciato a crescere ma questo percorso appare ‘accidentato’ dalle criticità strutturali che lo caratterizzano: bassi salari, scarsa produttività, poca formazione e un welfare che fatica a proteggere tutti i lavoratori, non avendo alcun paracadute per oltre 4 milioni di lavoratori ‘non standard’. In più sta emergendo sul fronte dell’utilizzo della forza lavoro il fenomeno del labour shortage: la difficoltà delle imprese a coprire i posti vacanti, allargandosi sempre più così la forbice del matching tra domanda e offerta di lavoro. “Dopo la crisi pandemica – ha spiegato il presidente dell’Istituto nazionale per l’analisi delle politiche pubbliche Sebastiano Fadda– le dinamiche del mercato del lavoro hanno ripreso a crescere, ma con rallentamenti dovuti sia a fattori esterni, dal conflitto bellico alle porte dell’Europa, alla crescita dell’inflazione e della crisi energetica, ma anche a fattori interni, come il basso livello dei salari che si lega alla scarsa produttività, alla poca formazione e agli incentivi statali per le assunzioni che non hanno portato quei benefici sperati, se pensiamo che più della metà delle imprese (il 54%) dichiara di aver assunto nuovo personale dipendente, ma solo il 14% sostiene di aver utilizzato almeno una delle misure previste dallo Stato. Occorrono quindi degli interventi mirati e celeri capaci di indirizzare il mercato del lavoro verso una crescita più sostenuta, che non può prescindere dalla rivoluzione tecnologica e digitale che sta modificando i processi produttivi”. Dal rapporto Inapp risulta rilevante il numero di occupati che mostrano l’intenzione di lasciare il proprio lavoro. Si stima che il 14,6% degli occupati tra i 18 e i 74 anni (oltre 3,3 milioni di persone) abbia pensato di dimettersi. Tale quota è composta da un 1,1% che lo farebbe anche se ci fosse una riduzione del tenore di vita e da un 13,5% che farebbe questa scelta solo se trovasse altre entrate economiche. Le quote più alte di chi ha intenzione di dimettersi, a prescindere dalla motivazione, si osservano in corrispondenza degli occupati con un diploma (18,9%), diminuiscono col crescere dell’anzianità anagrafica e delle dimensioni del comune di residenza. A volersi dimettere sono maggiormente gli occupati dipendenti, operanti nelle organizzazioni di media dimensione (15-49 addetti) e che svolgono la loro attività in imprese private. Nel pubblico l’1,5% dei lavoratori (contro l’1% del privato) lo farebbe anche se questo comportasse una riduzione del tenore di vita. Il desiderio di cambiare occupazione è maggiore per chi svolge lavori più faticosi e poco soddisfacenti.

L’INDIPENDENTE – IL PIANO DI STELLANTIS PER LICENZIARE “VOLONTARIAMENTE” 15 MILA LAVORATORI IN ITALIA

Stellantis annuncia una proposta di “uscita volontaria” per 15.000 dipendenti italiani, senza consultazioni sindacali o istituzionali. L’offerta, inviata via mail, mira a una riduzione di personale, già accettata da 500 dipendenti, principalmente da Mirafiori (Torino) e Pomigliano (Napoli). L’offerta, differenziata per anzianità e età, include incentivi e indennità. La scadenza per accettare è il 31 dicembre 2023. Questa mossa, seguita a un precedente accordo con 2.000 dipendenti, sottolinea l’orientamento della holding verso la delocalizzazione. In contrasto, il ministro Urso parla di un accordo imminente sul rilancio dell’industria automobilistica in Italia, mentre i sindacati protestano per l’assenza di coinvolgimento.

TASSE

ANSA – IL COSTO MEDIO DELLA RC AUTO E’ SALITO DEL 10,5% IN 2 ANNI

Il costo medio dell’assicurazione RC auto in Italia ha subito un significativo aumento del +10,5% negli ultimi due anni, raggiungendo un valore medio di 389 euro a gennaio 2024. Questo incremento è stato analizzato dall’Ivass, evidenziando un aumento netto di 37 euro rispetto al costo medio registrato a gennaio 2022. I dati provenienti da Federcarrozzieri mettono in luce una tendenza al rialzo delle tariffe assicurative non solo in Italia, ma anche in Europa e nel resto del mondo. Secondo lo studio, gli automobilisti italiani pagano di più rispetto ad altri paesi europei come Germania e Spagna, ma meno di Francia e Regno Unito. Mentre in Russia e negli Stati Uniti le tariffe sono significativamente più basse. Il presidente di Federcarrozzieri, Davide Galli, ha attribuito questo aumento dei costi principalmente al rincaro dei pezzi di ricambio per le automobili, che ha comportato un incremento dei costi per le riparazioni pagate dalle compagnie di assicurazioni. La guerra in Ucraina e i problemi logistici nel settore dei trasporti internazionali hanno aggravato la situazione, portando a un aumento medio del 48% dei prezzi dei ricambi in Italia dal 2021. Questa situazione ha costretto le compagnie assicurative a rialzare le tariffe dell’RC auto, trasferendo i maggiori costi agli automobilisti. Inoltre, sempre più compagnie stanno adottando politiche di canalizzazione forzata delle riparazioni, che danneggiano gli assicurati aumentando i costi dei sinistri. Nel contesto italiano, ben tre province hanno superato la soglia dei 500 euro a polizza a gennaio 2024: Napoli (560 euro), Prato (553 euro) e Caserta (500 euro). Al contrario, Enna si è confermata come la provincia più conveniente, con una tariffa annua di soli 287 euro.

Altre notizie:

APRI/CHIUDI
ILSOLE24ORE – ABI: A MARZO I TASSI DI INTERESSE SUI MUTUI AL 3,79%

Secondo i dati dell’Associazione Bancaria Italiana (ABI), a marzo si è confermata la tendenza alla diminuzione dei tassi di interesse, già iniziata a febbraio. Nel dettaglio, il tasso medio sulle nuove operazioni per l’acquisto di abitazioni è sceso al 3,79%, rispetto al 3,89% registrato a febbraio e al 4,42% di dicembre 2023. Anche il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese è diminuito, passando dal 5,34% di febbraio al 5,26% di marzo, e dal 5,45% di dicembre 2023. Il tasso medio complessivo sui prestiti è sceso al 4,79%, in calo rispetto al 4,80% del mese precedente. Inoltre, il rapporto ABI ha evidenziato un calo dei tassi di mercato nei primi 10 giorni di aprile. Ad esempio, il tasso medio sui Buoni del Tesoro Poliennali (BTP) è stato del 3,78%, in diminuzione di 121 punti rispetto al massimo registrato a ottobre 2023. Allo stesso modo, il tasso IRS a 10 anni, ampiamente utilizzato nei mutui, è sceso al 2,68%, con un calo di 84 punti rispetto al massimo registrato a ottobre 2023. Il tasso medio sull’Euribor a 3 mesi è stato del 3,89%, in calo di 11 punti rispetto al massimo registrato a ottobre 2023. Parallelamente alla diminuzione dei tassi di interesse, il rapporto ABI ha segnalato un aumento della raccolta, sia indiretta che diretta. La raccolta indiretta ha registrato un incremento di circa 218 miliardi tra febbraio 2023 e febbraio 2024, con una crescita significativa nella raccolta a medio e lungo termine tramite obbligazioni. Allo stesso tempo, i depositi sono diminuiti dello 0,3% su base annua a marzo 2024, sebbene in un rallentamento rispetto al mese precedente. Complessivamente, la raccolta diretta composta da depositi da clientela residente e obbligazioni è aumentata dell’1,7% su base annua a marzo 2024, proseguendo la tendenza crescente registrata nei mesi precedenti.

ANSA – MULTE STRADALI IN ITALIA: 1,5 MILIARDI INCASSATI NEL 2023 E VERBALI AUMENTATI DEL 6,3%

Nel 2023 le multe stradali in Italia sono aumentate del 6,3% rispetto all’anno precedente, con un totale di 1,535 miliardi di euro incassati dai Comuni. Il dato, che emerge da un’analisi del Sole 24 Ore del sistema telematico del Ministero dell’Economia, evidenzia un boom di sanzioni soprattutto nel Centro-Nord Italia, dove si concentra l’84,3% del totale. Le spiegazioni del fenomeno sono molteplici: Aumento degli spostamenti: con il ritorno alla normalità dopo la pandemia, il numero di persone in viaggio è aumentato, di conseguenza anche le infrazioni. Maggiori controlli: le forze dell’ordine hanno intensificato i controlli sulle strade, anche grazie all’utilizzo di nuovi strumenti tecnologici come autovelox e telecamere. Più infrazioni: il numero di infrazioni al codice della strada è in aumento, soprattutto per quanto riguarda eccesso di velocità e divieto di sosta. Strumenti di riscossione più rapidi: l’introduzione di sistemi di pagamento online e l’aumento delle multe elettroniche hanno reso più facile e veloce per i Comuni riscuotere le sanzioni. Inflazione: l’aumento del costo della vita ha portato ad un aumento delle multe, che sono indicizzate all’inflazione. L’aumento delle multe è stato più marcato nei comuni piccoli e medi, con impennate che in alcuni casi superano il 50% rispetto al 2019. Nelle città metropolitane, invece, l’aumento è stato più contenuto, con alcune città che hanno addirittura registrato una flessione rispetto agli anni precedenti. Firenze è la città con il più alto incasso pro capite, con 198,6 euro a persona. Seguono Bologna (81,5 euro), Milano (77,4 euro) e Roma (67,5 euro). Al Sud, invece, il fenomeno delle multe è meno diffuso. La media pro capite si aggira intorno ai 10-13 euro, con Napoli e Palermo che si attestano rispettivamente al 14% e al 12,2% per quanto riguarda la percentuale di verbali incassati.

ANSA – ARRIVA LA MORATORIA A SOSTEGNO DELLE IMPRESE COLPITE DAL PROLIFERARE DEL GRANCHIO BLU

Il ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida ha firmato due decreti a sostegno delle imprese di pesca colpite dal proliferare del granchio blu nei mari italiani. La moratoria dei mutui per 24 mesi è una delle principali misure adottate per affrontare la crisi. I decreti, rivolti alle regioni Veneto ed Emilia-Romagna, prevedono anche l’esonero parziale dai contributi previdenziali e assistenziali sia per i titolari delle imprese che per i dipendenti, oltre all’accesso facilitato a finanziamenti agevolati. Il ministro Lollobrigida ha annunciato le misure durante la presentazione di Cibus 2024, sottolineando l’importanza di fornire un sostegno concreto agli imprenditori del settore colpiti dalla diffusione del granchio blu. La decisione di equiparare i pescatori agli agricoltori, consentendo loro di beneficiare del Fondo di solidarietà nazionale, è stata definita storica e cruciale per affrontare l’emergenza. I decreti sottoscritti oggi dichiarano l’eccezionalità dell’evento legato alla diffusione del granchio blu nelle regioni Veneto ed Emilia-Romagna nel 2023, evidenziando l’impatto continuativo sulla pesca e sull’acquacoltura. Grazie alla modifica normativa promossa dal Governo Meloni, il Fondo di solidarietà nazionale, precedentemente riservato solo al settore agricolo, è stato esteso anche alla pesca e all’acquacoltura. Lollobrigida ha sottolineato che questa modifica normativa è il risultato di una visione che considera i pescatori come gli agricoltori del mare, eliminando una disparità di trattamento rispetto agli agricoltori terrestri. La dichiarazione di eccezionalità dell’evento legato al granchio blu rappresenta un importante passo avanti per il settore della pesca, ottenuto grazie alla collaborazione e all’impegno del Governo Meloni. Il ministro ha concluso affermando che le imprese del Veneto e dell’Emilia-Romagna potranno usufruire delle misure compensative previste dalla legge, tra cui la proroga dei mutui fino a 24 mesi, l’esonero parziale dai contributi previdenziali e assistenziali e l’accesso semplificato a finanziamenti agevolati. Questi interventi mirano a sostenere le imprese colpite dalla crisi causata dalla diffusione del granchio blu e a garantire la qualità e la sostenibilità del settore della pesca italiano.

ANSA – CGIA DI MESTRE: BOLLETTE LUCE E GAS +26,2% IN 3 ANNI

Secondo uno studio condotto dall’Ufficio Studi della Cgia di Mestre (Venezia), i prezzi di mercato del gas naturale e dell’energia elettrica nel mese di febbraio sono tornati agli stessi livelli del giugno 2021. Tuttavia, le bollette pagate dalle famiglie italiane nel 2023 hanno subito un aumento medio del 26,2% rispetto a tre anni fa, con un incremento medio di 328 euro. L’analisi evidenzia che, nonostante il calo dei prezzi di mercato registrato per gas ed elettricità, le bollette hanno continuato a crescere in modo significativo. Nel dettaglio, l’aumento medio annuo delle bollette di luce e gas tra il 2021 e il 2023 è stato del 33,6%. Il Nordest si è rivelato essere l’area del Paese maggiormente colpita dai rincari, seguito dal Nordovest, dal Mezzogiorno e infine dal Centro. Anche se tutti gli utenti hanno subito un aumento dei costi, quelli del mercato tutelato hanno registrato un incremento inferiore rispetto a quelli del mercato libero. In particolare, per quanto riguarda il gas, mentre i prezzi nel mercato tutelato sono diminuiti, nel mercato libero si è registrato ancora un aumento. Allo stesso tempo, il prezzo italiano dell’energia elettrica è risultato essere uno dei più alti nell’Area Euro nel primo semestre del 2023. Questo aumento delle bollette è avvenuto nonostante i prezzi delle materie prime siano in calo dalla fine del 2022 e nonostante i governi Draghi e Meloni abbiano erogato quasi 100 miliardi di euro per contrastare il caro energia a famiglie e imprese. Secondo l’Ufficio Studi della Cgia, l’aumento significativo della quota fissa in bolletta, insieme all’inflazione nel settore energetico, ha contribuito in modo rilevante all’aumento delle bollette, rappresentando una sfida per le famiglie italiane e un problema di bilancio per molte imprese.

WIRED – DAL PRIMO GENNAIO AL VIA LA TASSAZIONE MINIMA AL 15% PER LE MULTINAZIONALI

Dal primo gennaio di quest’anno è entrata in vigore, in tutta l’Unione Europea, una direttiva che impone una tassazione minima effettiva del 15% per le multinazionali attive sul suolo comunitario. Si tratta di una misura fortemente voluta dall’Unione Europea, che mira a ridurre la concorrenza fiscale tra i Paesi e a garantire un’equa distribuzione del gettito fiscale. La direttiva si applica a tutte le grandi società con entrate finanziarie superiori a 750 milioni di euro l’anno. Queste società dovranno pagare una tassa minima del 15% sui loro profitti, indipendentemente dal Paese in cui sono stabilite. La direttiva è stata approvata dall’unanimità dai 27 Paesi dell’UE nel dicembre 2022. A livello globale, invece, la riforma fiscale internazionale progettata dall’Ocse, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, è stata approvata da 139 Paesi. L’introduzione di una tassazione minima del 15% per le multinazionali è una misura importante per la lotta all’evasione fiscale e alla concorrenza sleale. La direttiva UE potrebbe generare 220 miliardi di dollari in tutto il mondo, a patto che tutti i firmatari dell’accordo la mettano in pratica.

MONEY – ARRIVA LA RATEIZZAZIONE DELLE CARTELLE ESATTORIALI IN 120 RATE (10 ANNI)

Arriva la rateizzazione strutturale delle cartelle esattoriali in 120 rate (10 anni). Ad annunciarlo il Viceministro dell’Economia e delle Finanze Maurizio Leo in una recente intervista. La misura, che sarà contenuta in uno dei decreti legislativi che il Governo si appresta a varare per la riforma fiscale, è volta a venire incontro ai contribuenti che si trovano in difficoltà economica nel pagare i debiti con il Fisco. Attualmente, infatti, la rateizzazione delle cartelle esattoriali è possibile fino a un massimo di 72 rate, ma è prevista solo in casi di comprovata difficoltà economica. Con la nuova misura, invece, la rateizzazione sarà possibile per tutti i contribuenti, anche se non si trovano in difficoltà economica. La rateizzazione sarà concessa, però, a condizioni più favorevoli per i contribuenti onesti che si trovano in difficoltà a pagare con dilazioni più corte. In particolare, il tasso di interesse applicato sarà più basso e non saranno previsti ulteriori oneri accessori. Al contrario, la rateizzazione sarà concessa con condizioni più stringenti per i cosiddetti “furbetti”, ovvero per chi non paga le tasse o le dilaziona solo per avere maggiori finanze da investire (a spese del Fisco). In questi casi, il tasso di interesse applicato sarà più alto e saranno previsti ulteriori oneri accessori.

SKYTG24 – COSA C’E’ NELL’ACCORDO EUROPEO SUL PATTO DI STABILITA’

I ministri dell’Economia e delle Finanze dei 27 paesi membri dell’Unione Europea hanno raggiunto un accordo all’unanimità su una proposta per riformare il Patto di stabilità, ossia l’insieme di complesse regole fiscali a cui tutti i paesi membri sono sottoposti. L’accordo prevede una serie di cambiamenti rispetto alle regole attuali, che erano state sospese a causa della pandemia e della guerra in Ucraina. I paesi del Nord Europa, come Germania e Paesi Bassi, hanno ottenuto che i paesi con un debito pubblico superiore al 60% del PIL debbano ridurre il debito in quattro anni, prorogabili fino a sette, con obiettivi spalmabili nel tempo. I paesi del Sud Europa, come Francia e Italia, hanno ottenuto la possibilità di spalmare la riduzione del debito su più anni e di scorporare il pagamento degli interessi del debito da tutti questi calcoli fino al 2027. Inoltre, le multe per i paesi che violeranno il piano di riduzione del debito saranno più contenute di prima: saranno dello 0,05 per cento del proprio PIL. L’accordo sarà valutato dal Parlamento Europeo, ma a meno di sorprese ci si aspetta che sarà approvato in via definitiva nei primi mesi del 2024.

L’INDIPENDENTE – NESSUNA BANCA PAGA LA TASSA SUGLI EXTRAPROFITTI

La tassa sugli extraprofitti, introdotta dal governo Meloni, registra un fallimento: le principali banche nazionali non pagano alcun importo all’Erario. Un emendamento, introdotto dopo un mese dall’approvazione, consente alle banche di evitare il pagamento a condizione che destinino 2,5 volte il consolidamento del loro patrimonio. È quanto stanno facendo istituti come Unicredit, Intesa San Paolo, Bpm, Bper, Credem, Mediobanca e ora anche Mediolanum, controllata al 30% dalla famiglia Berlusconi. Partiti come Forza Italia hanno fortemente contrastato la misura. Nemmeno Monte dei Paschi di Siena (MPS) e Mediocredito-Banca del Mezzogiorno hanno aderito, nonostante i legami con il Ministero dell’Economia e Invitalia, controllata dal Tesoro.

SCENARIECONOMICI – L’ITALIA VERSO LA DEFLAZIONE

L’Italia registra un’inflazione negativa mese su mese, portando preoccupazioni di deflazione e contrastando le dichiarazioni recenti della BCE. Secondo l’ISTAT, a novembre si stima un calo dello 0,5% dei prezzi al consumo su base mensile e un aumento annuale dello 0,7%, in calo dal +1,7% del mese precedente. La diminuzione dell’inflazione è attribuita principalmente ai prezzi dell’energia, in calo sia per quelli non regolamentati sia per quelli regolamentati, seguiti da una moderata riduzione nei settori alimentari lavorati e nei servizi culturali. Ciò è solo in parte compensato da un aumento nei prezzi degli alimentari non lavorati. L’inflazione di base, escludendo energia e alimenti freschi, continua a rallentare, evidenziando un potenziale impatto negativo sui consumi e sull’industria. Gli alti tassi reali, come l’Euribor al 4%, potrebbero portare a una stretta finanziaria dannosa, sollevando la necessità di tagli immediati ai tassi per evitare danni economici significativi.

TGCOM24 – REPORT MEDIOBANCA: IN 4 ANNI BIG TECH HANNO ELUSO OLTRE 50 MILIARDI DI TASSE

Un report di Mediobanca rivela che le Big Tech hanno eluso oltre 50 miliardi di tasse tra il 2019 e il 2022, sfruttando regimi fiscali agevolati in vari Paesi. Colossi come Tencent, Microsoft e Alphabet hanno risparmiato rispettivamente 19,2 miliardi, 12,3 miliardi e 7,1 miliardi. Nel 2022, un terzo degli utili delle principali aziende web è stato tassato in Paesi a regime fiscale privilegiato, raggiungendo un risparmio fiscale di 13,6 miliardi di euro, accumulando un totale di 50,7 miliardi in 4 anni. L’aliquota media di tassazione nel 2022 è stata del 15,1%, inferiore del 7% rispetto alla media basata sui Paesi di sede delle aziende (21,9%). Nel contesto italiano, le grandi aziende pagano meno tasse delle microimprese, creando una disparità significativa. La Global minimum tax, prevista per il 2024 in Italia, potrebbe introdurre l’aliquota del 15% sugli utili delle multinazionali, garantendo maggiore equità fiscale.

SOLDI

MONEY – PIL: RISPETTO ALLA MEDIA DEGLI ALTRI PAESI DELL’EUROZONA L’ITALIA HA REGISTRATO UNA CRESCITA LEGGERMENTE SUPERIORE

Le stime preliminari dell’ISTAT indicano una crescita del Prodotto Interno Lordo (PIL) italiano nel primo trimestre dell’anno, con un aumento dello 0,3% rispetto al trimestre precedente e dello 0,6% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. Questo dato positivo è stato supportato da una crescita in tutti i settori dell’economia, inclusi l’agricoltura, l’industria e i servizi. Sebbene i consumi nazionali siano stati negativi, sono stati compensati da un aumento delle esportazioni nette. Rispetto alla media degli altri paesi dell’Eurozona, l’Italia ha registrato una crescita leggermente superiore. Nel medesimo periodo, il PIL dell’Eurozona è cresciuto dello 0,3% rispetto al trimestre precedente, in linea con l’Italia, ma dello 0,4% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, con un gap di 0,2 punti percentuali rispetto all’Italia. In confronto con altri paesi chiave, l’Italia ha mostrato una crescita maggiore rispetto alla Germania, il cui PIL è diminuito dello 0,2%, ma inferiore rispetto a Francia e Spagna, che hanno registrato una crescita rispettivamente dell’1,1% e del 2,4%. I dati preliminari sul PIL del primo trimestre hanno dissipato le preoccupazioni di una recessione nell’Eurozona, con performance positive. Sono state sorprendenti le performance di Italia e Germania, che sono tra le principali economie trainanti. La Germania ha registrato una crescita modesta ma significativa del PIL dello 0,2%, contribuendo al rilancio della regione. È previsto che l’inizio dell’allentamento monetario da parte della Banca Centrale Europea a partire da giugno dia ulteriore impulso all’economia. L’Italia ha mostrato una performance altrettanto buona, con una crescita del PIL dell’0,3% nel periodo gennaio-marzo, superando le previsioni che indicavano una crescita dello 0,1%. Questo risultato è stato ottenuto nonostante la continua debolezza della domanda interna e della spesa al consumo, con un contributo positivo soprattutto dalle esportazioni nette. Nel complesso, l’uscita dalla recessione dell’Eurozona è stata trainata dalle quattro principali economie, con performance incoraggianti in Francia, Italia, Germania e Spagna. L’ottimismo è tornato nell’economia tedesca, con una crescita del PIL che rappresenta un passo verso una ripresa più forte dell’attività economica.

Altre notizie:

APRI/CHIUDI
RAINEWS – UE: OK A PIANO DA 750 MILIONI DI EURO PER LE PMI ITALIANE COLPITE DALLA CRISI ENERGETICA DERIVANTE DALLA GUERRA IN UCRAINA

La Commissione Europea ha dato il via libera all’Italia per un piano di aiuti da 750 milioni di euro alle piccole e medie imprese (PMI) e alle società a media capitalizzazione colpite dalla crisi energetica derivante dalla guerra in Ucraina. Questo piano, approvato nell’ambito del quadro temporaneo di crisi e transizione per gli aiuti di Stato, mira a sostenere la transizione verso un settore verde e a ridurre la dipendenza dai combustibili fossili. Le risorse verranno erogate sotto forma di garanzie statali, consentendo ai beneficiari di accedere a una maggiore liquidità finanziaria. La decisione della Commissione riflette l’impegno dell’UE nel fornire sostegno concreto alle imprese colpite dagli effetti della guerra in Ucraina e nell’accelerare la transizione verso un’economia più sostenibile.

ANSA – RECORD DI EXPORT DELL’ORTOFRUTTA NEL 2023: 5,8 MILIARDI

Nel corso del 2023, l’Italia ha registrato un record nell’export di ortofrutta fresca, con un valore che ha toccato i 5,780 miliardi di euro, segnando così un aumento del 9,1% rispetto all’anno precedente. Tuttavia, nonostante questo successo sul mercato internazionale, le cifre mostrano una diminuzione delle quantità esportate, scese dello 0,9%, mentre l’importazione è cresciuta del 13,6% in volume e del 15,7% in valore. L’incremento delle importazioni ha causato un deterioramento della bilancia commerciale, con un saldo che si attesta poco oltre i 543 milioni di euro, registrando un calo del 29,7% rispetto all’anno precedente. Un dato preoccupante è il significativo aumento del deficit delle quantità, con oltre 500.000 tonnellate in più importate rispetto a quelle esportate, segnando così uno storico record negativo. Esaminando i comparti specifici, si osserva un aumento delle esportazioni di tuberi, ortaggi e legumi (+8,7% in quantità e +18,4% in valore), così come degli agrumi (+9,9% in valore e +19,3% in volume). Tuttavia, la frutta fresca ha risentito di una crisi produttiva, con una diminuzione del 7% delle quantità esportate, sebbene il valore sia aumentato del 6,1%. Le esportazioni di frutta secca hanno registrato una diminuzione del 13,3% in valore, mentre la frutta tropicale ha visto una crescita significativa, con un aumento sia in volume che in valore superiore al 20%. Il Presidente di Fruitimprese, Marco Salvi, ha sottolineato la resilienza del sistema Italia nei mercati internazionali nonostante le sfide del 2023, caratterizzato dall’aumento dei costi di produzione e dalla riduzione del potere di acquisto delle famiglie europee. Tuttavia, Salvi ha espresso preoccupazione per le crisi internazionali, in particolare il blocco del Mar Rosso. Ha anche evidenziato le preoccupazioni riguardo alle decisioni su imballaggi provenienti da Bruxelles, sottolineando la necessità di un maggiore coordinamento e chiarezza nelle politiche adottate.

ANSA – CONTI CORRENTI: 43 MILIARDI DI DEPOSITI IN MENO NEL 2023

A fine 2023, il totale dei depositi sui conti correnti degli italiani ammontava a 1.153 miliardi di euro. Questo rappresenta una diminuzione di 43 miliardi di euro rispetto all’anno precedente, registrando un calo del 3,6%. L’analisi è stata condotta nell’ultimo rapporto della Fabi sui conti degli italiani. Nello specifico, la regione della Lombardia si distingue per la maggiore liquidità, con un totale di 235 miliardi di euro, corrispondenti al 20% del totale nazionale, mentre il Sud risulta penalizzato sia in termini di liquidità che di rendimenti. Secondo il rapporto della Fabi, la situazione varia notevolmente a livello regionale. Ad esempio, con un saldo di 5.000 euro sul conto corrente, si possono ottenere 18,2 euro di interessi annuali a Trento e Bolzano, 15 euro a Firenze, 13 euro a Roma, 11 euro a Milano e Perugia. Al contrario, la stessa somma frutta solo 6,5 euro a Napoli, 7 euro a Trieste, 8 euro a Catanzaro, Potenza, Genova e Aosta. Inoltre, i correntisti di Torino guadagnano circa 8,5 euro all’anno. Le differenze nei rendimenti offerti dalle banche sulle liquidità dei loro clienti sono evidenti su scala nazionale. Nonostante l’aumento del costo del denaro determinato dalla Banca centrale europea, che ha portato il tasso al 4,5% tra il 2022 e il 2023 con 10 aumenti in 14 mesi, gli interessi praticati variano significativamente da regione a regione. La classifica della liquidità regionale mostra la Lombardia al primo posto con il 10,5% e il 9,2% del totale, seguita da Lazio e Veneto. Le altre regioni si collocano in classifica con importi variabili, ad esempio l’Emilia Romagna con 97,7 miliardi (8,5%), il Piemonte con 90,1 miliardi (7,8%), la Campania con 87,7 miliardi (7,6%), la Toscana con 72,9 miliardi (6,3%), e così via, fino alle regioni con minori depositi come la Basilicata, il Molise e la Valle d’Aosta, tutte sotto l’1% del totale nazionale.

ANSA – VIA LIBERA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI AL DEF

Il Consiglio dei Ministri ha ufficialmente approvato il Documento di Economia e Finanza (Def), delineando così le prospettive economiche e finanziarie del Paese. Questo documento riveste un’importanza fondamentale nel determinare le linee guida dei conti pubblici stabilite dal Governo. Una delle prime rivelazioni del Def riguarda le stime economiche per l’Italia, senza però includere gli obiettivi programmatici, un aspetto che ha suscitato critiche, poiché è insolito che un governo non dimissionario decida di omettere tali target. Il punto focalizzante riguarda la crescita del Pil, confermata all’1% nel 2024, mentre la stima precedente della Nadef indicava un aumento del 1,2% per l’anno in corso. Inoltre, è previsto un aumento del debito pubblico, principalmente a causa degli effetti del Superbonus. La revisione al ribasso della crescita economica rispetto alla Nadef è attribuita principalmente a un contesto internazionale e geopolitico mutato, reso più complicato. Il ministro ha evidenziato che il peso del Superbonus continua ad incidere sui conti pubblici e ad aumentare il debito, ma si prevede una diminuzione a partire dal 2026. Inoltre, il ministro ha dichiarato che l’obiettivo primario è quello di replicare la decontribuzione del 2024 anche nel 2025 e di ridurre ulteriormente la spesa. Ha inoltre espresso preoccupazione per gli effetti del Superbonus, che ha definito un “disastro”, complicando il quadro generale. Per quanto riguarda altri indicatori economici, si prevede un’inflazione al di sotto del 2% nei prossimi tre anni e una disoccupazione in calo, il che potrebbe suggerire un allentamento della politica monetaria da parte della Banca Centrale Europea. Infine, il Def ha tenuto conto delle nuove regole europee, anche se le disposizioni attuative non sono ancora state definite. Il quadro programmatico sarà incluso nel nuovo Piano Fiscale Strutturale a medio termine, il quale dovrà essere presentato entro il 20 settembre. I principali dati economici contenuti nel Def: Prodotto Interno Lordo (Pil): +1,0% nel 2024; +1,2% nel 2025; +1,1% nel 2026; +0,9% nel 2027. Debito/Pil: 137,8% nel 2024; 138,9% nel 2025; 139,8% nel 2026. Deficit/Pil: 4,3% nel 2024; 3,7% nel 2025; 3,0% nel 2026; 2,2% nel 2027.

ANSA – BANKITALIA: PIL 2024 A +0,6%. INFLAZIONE IN CALO A 1,3%

La Banca d’Italia ha confermato le previsioni economiche del Paese per il 2024, mantenendo invariata la stima del PIL con una crescita dello 0,6%. Tali previsioni sono rimaste costanti rispetto a quanto dichiarato a gennaio. Si prevede che nel 2025 il PIL aumenterà dell’1% e dell’1,2% nel 2026. Secondo le proiezioni macroeconomiche della Banca d’Italia, l’attività economica potrebbe beneficiare della ripresa della domanda estera e del potere d’acquisto delle famiglie. Tuttavia, si prevede che condizioni di finanziamento ancora restrittive e la diminuzione degli incentivi all’edilizia residenziale possano avere un impatto negativo sugli investimenti. Le stime dell’inflazione sono state riviste al ribasso, con una previsione di un calo all’1,3% nel 2024 rispetto al 1,9% previsto in precedenza. Questo calo dell’inflazione è attribuito principalmente al contributo negativo dei prezzi dei beni intermedi e dell’energia, compensato solo in parte dall’accelerazione delle retribuzioni. La Banca d’Italia prevede che nel prossimo triennio l’occupazione continuerà a crescere, seppur a ritmi inferiori rispetto alla crescita del PIL. Si prevede che il tasso di disoccupazione scenderà lentamente, raggiungendo il 7,4% nel 2026, segnando una significativa diminuzione rispetto ai livelli toccati dopo la crisi del debito. Inoltre, la Banca d’Italia precisa che se si considera il PIL non corretto per le giornate lavorative, si osserverebbe un aumento dello 0,8% nel 2024, dello 0,9% nel 2025 e dell’1,3% nel 2026. Questi dati consentono un confronto con la crescita prevista nel Documento di Economia e Finanza 2024, il quale sarà presto pubblicato.

ANSA – ISMEA: CREDITO IMMEDIATO AL SETTORE ORTOFRUTTA

Ismea ha lanciato una nuova linea di credito per un totale di 19,3 milioni di euro, destinata alle piccole e medie imprese agricole attive nel settore ortofrutticolo, come stabilito dalla legge di Bilancio 2024. Questa iniziativa è volta a fornire sostegno finanziario immediato a un settore importante dell’economia agricola italiana. Il nuovo prestito, denominato “cambiale ortofrutta”, consentirà alle PMI del settore di ottenere liquidità con finanziamenti fino al 50% dei ricavi registrati nel 2022, con un limite massimo di 30.000 euro. Il prestito avrà una durata di cinque anni, con due anni di preammortamento e rate trimestrali posticipate. Il rimborso inizierà 27 mesi dopo l’erogazione del prestito. Inoltre, il tasso di interesse sarà agevolato, con la possibilità di azzerare gli interessi dovuti, nel rispetto dei limiti degli aiuti “de minimis” per ciascun beneficiario. Le domande per accedere al prestito potranno essere compilate e presentate tramite lo sportello telematico disponibile all’indirizzo https://strumenti.ismea.it. Il termine per la presentazione delle domande è fissato per le ore 12.00 del 22 aprile 2024. Le richieste saranno valutate in base all’ordine cronologico di arrivo fino a esaurimento dei fondi disponibili. Lo sportello telematico sarà aperto nei giorni feriali dalle 9.00 alle 18.00, ad eccezione del primo e dell’ultimo giorno di apertura. Il ministro dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida, ha accolto positivamente questa iniziativa, definendola un altro segnale importante per il sostegno alla filiera ortofrutticola. Ha sottolineato che questa linea di credito sarà un ulteriore intervento per rilanciare il settore, includendo anche le imprese che producono pere e kiwi, che hanno subito danni nel 2023. Le risorse messe a disposizione si aggiungono ai fondi già destinati dal Masaf per il sostegno di questi comparti in crisi.

ANSA – ISTAT: NEL 2023 IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI AL MINIMO STORICO

Secondo i dati dell’Istat, nel corso del 2023 il reddito disponibile delle famiglie italiane ha conosciuto un aumento del 4,7%. Tuttavia, considerando l’inflazione, il potere d’acquisto delle famiglie è diminuito dello 0,5%. Questo ha portato ad un aumento della spesa per consumi finali del 6,5%, mentre la propensione al risparmio delle famiglie è scesa al 6,3%, segnando il livello più basso dal 1995. In termini di investimenti, il tasso di investimento delle famiglie si è attestato al 9,0%, in leggero calo rispetto al 9,2% registrato nel 2022. Nel frattempo, il tasso di profitto delle imprese è sceso al 44,8%, nonostante una crescita del valore aggiunto del 6,2%. Le imposte correnti pagate dalle famiglie italiane nel 2023 hanno subito un aumento significativo, pari a 24,6 miliardi di euro (+10,7% rispetto al 2022). Questo aumento è stato principalmente attribuito alla crescita dell’Irpef (+10,2%) e delle ritenute sui redditi da capitale e sul risparmio gestito (+23,0%). Secondo l’Istat, nel corso del 2023 le imprese italiane hanno continuato a beneficiare di importanti misure di sostegno all’attività produttiva, ricevendo 23,8 miliardi di euro di contributi alla produzione (-12,1% rispetto al 2022) e 31,4 miliardi di euro di contributi agli investimenti, di cui una parte significativa è stata destinata al Piano Transizione 4.0. Il totale degli aiuti, erogati sia dall’Italia che dalle istituzioni europee, ha raggiunto i 55,2 miliardi di euro.

ANSA – ISTAT: 5,7 MILIONI DI ITALIANI IN POVERTA’ ASSOLUTA

L’Instituto nazionale di statistica (ISTAT) ha pubblicato dati preoccupanti riguardo alla povertà in Italia nel 2023. Secondo quanto riportato, ben 5,7 milioni di persone si trovano in povertà assoluta, tra cui 1,3 milioni di minori. Questo numero rappresenta un aumento rispetto agli anni precedenti, con le famiglie in povertà assoluta che costituiscono l’8,5% del totale delle famiglie residenti, rispetto all’8,3% nel 2022. La povertà assoluta è definita come la condizione in cui le famiglie hanno una spesa mensile inferiore a una soglia minima necessaria per garantire uno standard di vita accettabile. Le famiglie con figli minori sono particolarmente colpite da questa situazione, con un’incidenza di povertà assoluta che raggiunge il 12,0%. Nel Nord del Paese, sebbene l’incidenza della povertà assoluta sia rimasta stabile a livello familiare (8,0%), si è registrata una crescita dell’incidenza individuale (9,0%). Nel Mezzogiorno, invece, i valori sono più alti rispetto ad altre zone, con un’incidenza familiare del 10,3% e individuale del 12,1%.

ITALIAOGGI – ADDIO A RISERVATEZZA SU CASSETTE DI SICUREZZA: ARRIVA IL REGISTRO EUROPEO TRASPARENTE

Un nuovo registro europeo centralizzato conterrà i nomi dei titolari di cassette di sicurezza, conti correnti e criptovalute. La misura, approvata dal Coreper, il comitato dei rappresentanti permanenti dei governi degli stati membri dell’Unione Europea, mira a contrastare il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. Il registro sarà accessibile alle autorità competenti che potranno ottenere informazioni in tempi rapidi sui titolari di cassette di sicurezza e altri strumenti finanziari. La direttiva antiriciclaggio è stata concordata a fine gennaio e dovrà ora essere approvata formalmente dal Consiglio e dal Parlamento europeo prima di essere pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’UE. L’obiettivo è di contrastare il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. Tuttavia, la misura ha sollevato preoccupazioni sulla privacy e sulla riservatezza. C’è il rischio che il registro possa essere utilizzato per scopi diversi da quelli previsti. Inoltre, la sua efficacia potrebbe essere limitata, in quanto i criminali potrebbero utilizzare sistemi alternativi per trasferire denaro illegalmente. La direttiva prevede anche l’istituzione di punti di accesso unici per le informazioni entro 2 anni dalla data di trasposizione. Gli stati membri dovranno inoltre mettere a disposizione le informazioni sulla titolarità effettiva degli immobili. L’efficacia di queste misure è incerta. Da un lato, potrebbero aiutare a contrastare il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. Dall’altro, potrebbero ledere la privacy e la riservatezza dei cittadini.

L’INDIPENDENTE – BANCHE ITALIANE REGISTRANO PROFITTI PER OLTRE 40 MILIARDI DI EURO NEL 2023

Le banche italiane hanno registrato profitti record nel 2023, con oltre 40 miliardi di euro guadagnati. I primi cinque istituti di credito hanno da soli incassato 21 miliardi di euro, con Unicredit e Intesa Sanpaolo che hanno raggiunto rispettivamente 8,6 e 7,7 miliardi di euro. Nonostante questi risultati eccezionali, lo Stato italiano non ha ricevuto alcun beneficio. La tassa sugli extraprofitti, introdotta dal governo la scorsa estate, è stata depotenziata e di fatto annullata. Le banche hanno potuto scegliere di utilizzare il denaro per rafforzare il proprio capitale anziché versarlo nelle casse dello Stato. La scelta delle banche era prevedibile. L’emendamento al decreto legge 104 del 2023 ha permesso loro di accantonare a riserva non distribuibile 2,5 volte l’importo teorico del prelievo fiscale, evitando di pagare l’imposta straordinaria. Se la norma non fosse stata modificata, lo Stato avrebbe potuto ottenere circa 4 miliardi di euro. Le cause dei profitti record sono molteplici. Oltre all’aumento dei tassi stabiliti dalla BCE, le banche hanno beneficiato di una crescita del margine di interesse del 56,7% rispetto al 2022. Tuttavia, il dato paradossale è che il totale dei prestiti in essere delle 5 “big” è diminuito di circa 50 miliardi rispetto all’anno precedente. Questo significa che i maggiori guadagni derivano dai maggiori costi a carico dei clienti. L’emendamento che ha svuotato la tassa sugli extraprofitti è stato sostenuto da Bankitalia, Tesoro e BCE. Quest’ultima aveva espresso perplessità sull’imposta, temendo che potesse danneggiare il patrimonio bancario e l’economia. Di conseguenza, nessuna delle principali banche ha aderito alla misura, nemmeno quelle controllate dallo Stato come MPS e Mediocredito-Banca del Mezzogiorno.

LEGGO – RAPPORTO BANKITALIA E ISTAT: FAMIGLIE SEMPRE PIU’ POVERE, LA RICCHEZZA A -12,5%

Secondo il recente rapporto di Bankitalia e Istat, la ricchezza netta delle famiglie italiane è diminuita del 12,5% nel 2022, segnando una battuta d’arresto dopo tre anni di crescita. Questo calo è attribuito principalmente alla forte pressione inflazionistica che ha colpito il paese. L’indagine rivela che il 5% delle famiglie possiede il 46% della ricchezza nazionale, mentre i meno abbienti dipendono principalmente dalla proprietà di abitazioni. La situazione è considerata “drammatica” dall’Unione Nazionale Consumatori, che evidenzia come gli italiani si stiano impoverendo sempre di più, con la proprietà della casa che non garantisce più la stabilità economica. Il governo promette interventi per affrontare la situazione, con il viceministro dell’Economia, Maurizio Leo, che assicura un’esame delle aliquote fiscali per favorire le classi medie, considerate penalizzate dal sistema attuale.

ANSA – UE: ACCORDO SULL’ANTIRICICLAGGIO FISSA IL TETTO AL CONTANTE A 10 MILA EURO

Consiglio e Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo su un regolamento del pacchetto antiriciclaggio che fissa un tetto massimo di 10mila euro per i pagamenti in contanti. L’accordo, che deve ancora essere formalmente approvato dal Parlamento europeo e dal Consiglio, prevede inoltre che gli Stati membri possano fissare un limite inferiore, se lo desiderano. Il regolamento mira a contrastare il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. Secondo la Commissione europea, il contante rappresenta un’importante via di fuga per i criminali che cercano di nascondere i loro proventi illeciti. Il tetto di 10mila euro si applica ai pagamenti occasionali, ovvero a quelli effettuati in contanti in un’unica transazione. Per i pagamenti ricorrenti, come ad esempio l’affitto o la bolletta della luce, non è previsto alcun limite. Il regolamento prevede inoltre che gli istituti finanziari, le banche, le agenzie immobiliari e i servizi di gestione patrimoniale debbano verificare l’identità di chi effettua una transazione occasionale in contanti tra i 3 e i 10mila euro.

LEGGO – ASSEGNO DI INCLUSIONE PIU’ “RICCO” DEL REDDITO DI CITTADINANZA

In arrivo un sostegno economico significativo per oltre 500.000 famiglie italiane attraverso l’Assegno di Inclusione (Adi), il nuovo programma che ha preso il posto del Reddito di Cittadinanza. Secondo le informazioni fornite dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (Inps) e riportate dal quotidiano Il Messaggero, si prevede che circa mezzo milione di nuclei familiari riceveranno un sussidio medio di 635 euro. Il direttore generale dell’Inps, Vincenzo Caridi, ha annunciato che i primi pagamenti dell’Adi saranno effettuati a partire dal 26 gennaio. Tuttavia, Caridi ha sottolineato che la valutazione completa dell’impatto del programma avverrà alla fine del mese, poiché molte famiglie vulnerabili utilizzano patronati e Centri di Assistenza Fiscale (Caf) per presentare le richieste. Attualmente, il numero di beneficiari dell’Adi è simile a quello registrato all’inizio del Reddito di Cittadinanza nel marzo 2019, ma inferiore di circa 200.000 famiglie rispetto alla platea potenziale di 737.000 beneficiari stimata ufficialmente. L’importo dell’Adi sembra essere più sostanzioso di circa 100 euro rispetto al suo predecessore. Le richieste stanno aumentando, specialmente perché ora è possibile presentarle tramite i Caf, garantendo un servizio di prossimità e facilitando l’accesso e la compilazione delle domande per i cittadini. Oltre all’Adi, è stato introdotto anche il ‘Supporto per la formazione e il lavoro’ in sostituzione del Reddito di Cittadinanza. In soli quattro mesi, sono state registrate oltre 150.000 domande, di cui più di un terzo è stato accettato, beneficiando 56.000 richiedenti con un sostegno economico di 350 euro già erogato a 26.000 persone.

ANSA – BANKITALIA: 5% DELLE FAMIGLIE DETIENE IL 46% DELLA RICCHEZZA

Bankitalia ha pubblicato un’analisi all’interno del contesto dell’area dell’Euro, evidenziando che il 5% delle famiglie più ricche in Italia possiede ben il 46% della ricchezza netta complessiva del paese. Questo dato, stabile tra il 2017 e il 2022, indica una concentrazione significativa di ricchezza tra poche famiglie. Le principali disparità economiche, secondo lo studio, sono rimaste sostanzialmente invariate in questo periodo, dopo un incremento tra il 2010 e il 2016. Si sottolinea che le famiglie meno abbienti basano la loro ricchezza principalmente sulla proprietà abitativa, mentre quelle più ricche vantano un portafoglio diversificato, includendo azioni, depositi e polizze. L’Italia, secondo l’analisi, si posiziona al di sotto della media dell’Unione Europea per la concentrazione della ricchezza, ma è simile a paesi come la Francia. Inoltre, la Germania emerge come il paese con il più alto livello di disuguaglianza nella ricchezza netta. La differenza italiana è attribuita alla maggiore quota di ricchezza netta posseduta dalle famiglie al di sotto della mediana, principalmente attraverso la proprietà immobiliare.

SCENARIECONOMICI – LA COMMISSIONE UE DICE CHE IL DENARO CONTANTE DEV’ESSERE SEMPRE DISPOSIBILE NEI TERRITORI DEGLI STATI MEMBRI

La Commissione europea ha approvato una proposta di regolamento che impone agli Stati membri dell’Unione europea di garantire un accesso sufficiente ed effettivo al contante in tutto il loro territorio. La proposta, che deve ancora essere approvata dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell’Unione europea, stabilisce che gli Stati membri devono monitorare l’accesso al contante, valutarne annualmente la situazione e riferire la loro valutazione alla Commissione e alla Banca centrale europea. Se non è garantito un accesso sufficiente ed efficace al contante, gli Stati membri dovranno adottare misure correttive. Tali misure potrebbero includere requisiti di accesso geografico per i prestatori di servizi di pagamento che forniscono servizi di prelievo di contante, affinché mantengano servizi di cassa presso un numero sufficiente di filiali bancarie in cui operano. La proposta di revisione della direttiva sui servizi di pagamento può inoltre facilitare l’accesso al contante, in quanto consente ai dettaglianti di offrire un servizio di fornitura di contante anche in assenza di un acquisto da parte del cliente, senza dover ottenere una licenza o essere un agente di un istituto di pagamento. “Il contante è una forma di pagamento essenziale per molte persone, in particolare per i gruppi vulnerabili”, ha dichiarato Valdis Dombrovskis, vicepresidente esecutivo della Commissione europea. “La nostra proposta garantirà che tutti abbiano accesso al contante, indipendentemente dal luogo in cui vivono”. La proposta della Commissione europea è una risposta alle preoccupazioni crescenti per l’accesso al contante in Europa. Negli ultimi anni, infatti, il numero di filiali bancarie e di sportelli ATM è diminuito, rendendo più difficile per le persone prelevare contanti.

L'informazione è di parte! Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te. Cerchiamo notizie e fatti social del momento e li rimettiamo in circolo, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FONTEUFFICIALE.it riassume le notizie pubblicate dalle agenzie di stampa e da altri media autorevoli (come Ansa, Agi, AdnKronos, Corriere della Sera, ecc..), quindi non è direttamente responsabile di inesattezze. Se, però, ritieni che un nostro articolo debba essere modificato o eliminato puoi farne richiesta [ scrivendo qui ].

Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.
Potrebbero interessarti anche questi articoli: