Gli incidenti stradali sono la prima causa di morte tra i giovani

Notizia dell’ultima ora: Gli incidenti stradali sono la prima causa di morte tra i giovani


4 LUGLIO 2023FONTEUFFICIALEBREAKING NEWS – Nel 2019, secondo l’Istat, sono decedute 2.542 persone in Italia tra i 15 e i 29 anni. Gli incidenti stradali rientrano tra le cause di morte nella categoria degli “incidenti di trasporto”, che comprende non solo le morti avvenute su strada, ma anche quelle in incidenti su altri mezzi di trasporto, come le imbarcazioni. Nel 2019, poco più del 25% (646) delle morti nella fascia di età tra i 15 e i 29 anni è stato causato dagli “incidenti di trasporto”. Questa è stata la principale causa di morte tra i giovani. Al secondo posto si trovavano i tumori con 404 morti (16%) e al terzo i suicidi con 216 morti (8,5%).

Nel 2020, a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia di Covid-19, il numero di morti tra i giovani a causa di incidenti è diminuito, ma gli incidenti stradali sono rimasti la prima causa di morte nella fascia di età compresa tra i 15 e i 29 anni. In quell’anno, il numero di morti in questa fascia di età è stato di 2.307: 447 (circa il 19%) sono stati causati da “incidenti di trasporto”. Al secondo posto si trovavano i tumori con 424 morti (18%) e al terzo i suicidi con 307 morti (13%).

L'informazione è di parte! Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te. Cerchiamo notizie e fatti social del momento e li rimettiamo in circolo, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FONTEUFFICIALE.it riassume le notizie pubblicate dalle agenzie di stampa e da altri media autorevoli (come Ansa, Agi, AdnKronos, Corriere della Sera, ecc..), quindi non è direttamente responsabile di inesattezze. Se, però, ritieni che un nostro articolo debba essere modificato o eliminato puoi farne richiesta [ scrivendo qui ].

Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.
Potrebbero interessarti anche questi articoli: