ADNKRONOS – Bolletta della luce: slitta al 1° luglio la fine del mercato tutelato

Arera annuncia lo slittamento al 1° luglio 2024 anziché il previsto 1° aprile della fine del mercato tutelato dell’energia elettrica

Bolletta della luce: slitta al 1 luglio la fine del mercato tutelato
L’Autorità per l’Energia (Arera) annuncia lo slittamento, al 1° luglio 2024 anziché il previsto 1° aprile, della fine del mercato tutelato dell’energia elettrica. Tale decisione influenzerà le bollette della luce. Questo ritardo deriva dal decreto energia 181/23, volto a garantire un’evoluzione coerente del processo di fine tutela per i clienti domestici non vulnerabili all’elettricità. L’introduzione del Servizio a Tutele Graduali (Stg), destinato ai clienti domestici non vulnerabili dell’elettricità che non avranno ancora aderito al mercato libero al termine del periodo di tutela, avverrà nell’estate successiva. Arera ha già posticipato al 10 gennaio l’esecuzione delle aste per la selezione degli operatori del servizio.

Queste decisioni rispondono a diverse necessità legate al decreto, tra cui informare i clienti tramite campagne informative e predisporre le attività preparatorie per il Servizio a Tutele Graduali. Il Codacons ha chiesto anche il prolungamento della fine del mercato tutelato del gas, previsto per il 10 gennaio, citando la confusione e il rischio per i consumatori. Il presidente Rienzi ha sollecitato un’unica data di fine tutela e una campagna informativa intensiva per assistere i consumatori in questo passaggio cruciale.

L'informazione è di parte! Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te. Cerchiamo notizie e fatti social del momento e li rimettiamo in circolo, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FONTEUFFICIALE.it riassume le notizie pubblicate dalle agenzie di stampa e da altri media autorevoli (come Ansa, Agi, AdnKronos, Corriere della Sera, ecc..), quindi non è direttamente responsabile di inesattezze. Se, però, ritieni che un nostro articolo debba essere modificato o eliminato puoi farne richiesta [ scrivendo qui ].

Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.
Potrebbero interessarti anche questi articoli: