Soriano nel Cimino (Viterbo): 58enne ucciso dalla moglie e la cognata

La moglie della vittima, già in carcere, è considerata la mandante dell’agguato, mentre la cognata è vista come la pianificatrice


Un omicidio avvenuto il 7 agosto 2022 a Soriano nel Cimino ha portato all’arresto di due persone a Guidonia Montecelio e Roma. I carabinieri del nucleo investigativo di Viterbo, in collaborazione con colleghi di Tivoli, hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Viterbo nei confronti di Constantin Dan Pomirleanu, 34 anni, residente a Colleverde di Guidonia, e Alessio Pizzuti, 35 anni, romano.

L’inchiesta sull’omicidio di Salvatore Bramucci, 58 anni, ha visto l’impiego di prove decisive come messaggi WhatsApp, videoregistrazioni e mezze ammissioni. La Procura di Viterbo li ritiene responsabili, insieme ad altri complici già arrestati, dell’agguato con armi da sparo che ha causato la morte di Bramucci.

La moglie della vittima, Elisabetta Bacchio, già in carcere, è considerata la mandante dell’agguato, mentre la cognata, Sabrina Bacchio di Colleverde, compagna di Pomirleanu, è vista come la pianificatrice. I presunti esecutori dell’omicidio sono Antonio Bacci di Tor Tre Teste e Lucio La Pietra di Ponte di Nona, entrambi di 49 anni. L’inchiesta si avvicina così alla chiusura del cerchio intorno agli autori dell’atroce delitto.