I divorziati hanno più probabilità di morire rispetto a quelli coniugati

Secondo un’analisi del 2011, su 6,5 milioni di persone in 11 paesi, i divorziati hanno il 23% in più di probabilità di morire rispetto a quelli coniugati

I divorziati hanno più probabilità di morire rispetto a quelli coniugati

I divorziati hanno più probabilità di morire rispetto a quelli coniugati. Studi recenti mostrano che circa il 40% di tutti i primi matrimoni finisce con un divorzio. Sebbene il tasso di divorzi sia diminuito rispetto al picco avvenuto nel 1981, gli psicologi considerano ancora la rottura del matrimonio come “una delle esperienze di vita più stressanti che abbiamo, appena al di sotto della morte di una persona cara“.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Infatti, secondo un’analisi del 2011, su 6,5 milioni di persone in 11 paesi, i divorziati hanno il 23% in più di probabilità di morire più giovani rispetto a quelli coniugati.

Invece, secondo uno studio della Carolina del Sud (Stati Uniti): su 1.300 persone studiate in 40 anni, i divorziati hanno il 57% di probabilità in più di morire rispetto alle loro controparti ancora sposate.

Le persone felicemente sposate vivono più a lungo, hanno tassi più bassi di cancro, ictus e infarto e tendono a essere meno stressate, secondo una moltitudine di studi. Invece, le persone infelici nell’amore (in relazioni interrotte o malsane) soffrono di tassi più elevati di malattie cardiache.

C’è anche una condizione chiamata “cardiomiopatia takotsubo” (o “sindrome del cuore spezzato”) che si verifica quando un’improvvisa sofferenza (come essere scaricati) provoca sintomi di infarto in persone sane. Il 5% di queste persone morirà, mentre il 20% soffrirà di complicazioni a lungo termine.

Gli effetti collaterali del crepacuore non si fermano, però, solo al cuore. Infatti, i ricercatori della Ohio State University hanno scoperto che dopo un recente divorzio le persone producono meno cellule T naturali, fondamentali per combattere infezioni e cancro.

Inoltre, uno studio danese pubblicato a gennaio ha mostrato che gli uomini che vivono da soli per più di 7 anni e hanno avuto 2 o più rotture hanno mostrato tassi più elevati di “interleuchina 6“, associata a infarti più elevati e morte prematura.

Quindi, il divorzio (con tutte le conseguenze, come rifiuto, umiliazione, sconvolgimento, battaglie per l’affidamento dei figli, pressioni finanziarie, ecc.) aumenta le probabilità di morire.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.