Misofobia, la paura di venire a contatto con lo sporco

Misofobia (paura di venire a contatto con lo sporco): cos’è, cause, sintomi e rimedi, perché abbiamo questa fobia e come “guarire”

Misofobia, la paura di venire a contatto con lo sporco
Cos’è la Misofobia. Il termine “Misofobia” deriva dalla parole greche “mysos” che significa “sporco” e “phobos” che significa “paura“. (è definita anche “sindrome di Pilato”). La parola è utilizzata per descrivere la paura patologica di veniva a contatto con lo sporco per evitare qualsiasi tipo di contaminazione o di germe.

Il termine venne introdotto nel 1879 da William A. Hammond durante la descrizione di un caso di disturbo ossessivo-compulsivo mostrata da una persona nell’atto di lavarsi ossessivamente le mani.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Siccome i misofobi aumentano le loro precauzioni igieniche all’inverosimile, questa fobia viene definita anche “germofobia“, “germafobia“, “bacillofobia“, ” bacterofobia“. Lo “sporco” viene, infatti, vissuto come una fonte capace di contagiare, di contaminare e di trasmettere malattie.

Sintomi della Misofobia

La misofobia conduce a ricorrere a misure per evitare le situazioni, le persone o gli oggetti che possono aumentare il rischio di contrarre malattie.

Questa fobia si manifesta con la combinazione di sintomi psicologici (senso d’insoddisfazione generale, ansia, tensione e nervosismo) e somatici (sudorazione profusa, battiti accelerati, nausea e mancanza di respiro).

I sintomi della misofobia possono manifestarsi:
  • Quando l’oggetto del disturbo fobico è visibile (ad esempio, durante il giardinaggio, qualora sia necessario scavare nella terra);
  • Quando la persona pensa che possa essersi verificato un contatto con oggetti poco puliti o germi (ad esempio, quando si stringe la mano a qualcuno o si apre la porta con la maniglia).
La persona che ne soffre manifesta una preoccupazione esagerata per questioni come:
  • Contaminazione incrociata dei cibi;
  • Esposizione ai fluidi corporei altrui;
  • Mantenimento di una buona igiene.
Esempi tipici:
  • Paura di essere contaminati manipolando oggetti che altri hanno toccato;
  • Stress e frustrazione quando gli oggetti non sono ordinati, disposti simmetricamente o rivolti in un certo modo;
  • Terrore di contrarre malattie in seguito al contatto con oggetti, persone o animali ritenuti “non puliti“.
Per scongiurare il contatto con lo sporco, la persona che soffre di misofobia può mettere in atto comportamenti insoliti, come:
  • Lavare continuamente le mani;
  • Fare più docce ogni giorno o dedicare, in generale, molto tempo all’igiene personale;
  • Utilizzare frequentemente il disinfettante per le mani;
  • Indossare guanti, mascherine e altri dispositivi;
  • Non voler condividere cibo con nessuno;
  • Non prendere i mezzi pubblici;
  • Non usare i servizi igienici pubblici;
  • Pulire in modo scrupoloso oggetti, mobili, abiti e altro ancora, ricorrendo all’uso di detergenti e disinfettanti.
Cause della Misofobia

Al disturbo possono contribuire diversi fattori, compresi quelli ambientali e caratteriali.

La misofobia può essere innescata da un conflitto inconscio di tipo morale (ad esempio correlata a ricordi dolorosi, a episodi drammatici della vita, ad aspettative troppo elevate dei genitori o altri eventi talmente negativi da essere impossibili da accettare e razionalizzare). Ne risulta un senso d’inadeguatezza e d’insicurezza che fanno sentire il soggetto misofobico profondamente insoddisfatto per uno o più aspetti centrali della propria vita.

Come superare la Misofobia

Se i sintomi della misofobia limitano in modo significativo la normale vita quotidiana e persistono da oltre 6 mesi, è consigliabile rivolgersi ad un medico, uno psichiatra o uno psicologo per identificare e definire il problema.

La valutazione di questo disturbo fobico è fondamentale per comprendere i motivi alla base del disagio, identificandone il significato e quantificandone la portata, quindi stabilire il corretto iter terapeutico.

Il trattamento della misofobia prevede un percorso mirato alla gestione degli stimoli ansiogeni e delle manifestazioni che ne derivano. Una delle strategie più efficaci per affrontare e superare la misofobia consiste nella psicoterapia cognitivo-comportamentale.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.