In Nuova Zelanda stanno pensando di vietare il fumo a tutti i nati dopo il 2004

Divieto di fumo ai nati nel 2004, riduzione del tasso di nicotina, divieto di filtri, limitazione dei luoghi dove fumare

In Nuova Zelanda stanno pensando di vietare il fumo a tutti i nati dopo il 2004
In Nuova Zelanda stanno pensando di vietare il fumo a tutti i nati dopo il 2004. La Nuova Zelanda ha una popolazione di circa 5 milioni di abitanti e si stima che circa 500.000 (1 su 10) fumi ogni giorno. Il fumo è responsabile di 1 decesso per cancro su 4, e le persone Maori sono tra le più colpite. Il cancro è la principale causa di morte per le donne Maori e la seconda causa principale per gli uomini Maori.

La Nuova Zelanda sta, quindi, pensando di vietare per sempre il fumo rendendo il paese libero dalle sigarette entro il 2025.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Le proposte del governo includono la riduzione del livello di nicotina nei prodotti del tabacco, il divieto di filtri, la fissazione di un prezzo minimo per il tabacco e la limitazione dei luoghi in cui è possibile vendere tabacco e sigarette.

Tra le iniziative più importanti ci sarebbe quella del graduale aumento dell’età legale per fumare, fino ad arrivare ai nati nel 2004 a cui sarebbe vietato l’acquisto di sigarette.

La ministra della salute, Ayesha Verrall, ha detto: “Abbiamo bisogno di un nuovo approccio. Circa 4.500 neozelandesi muoiono ogni anno a causa del tabacco e dobbiamo fare rapidi progressi per essere in grado di raggiungere l’obiettivo. Senza un programma per controllare il tabacco non ci arriveremo“.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.