La libertà di scegliere il titolo giusto

Spesso tra giornali e giornalisti ci si accusa reciprocamente di pubblicare notizie senza prove o titoli fuorvianti e allarmistici

La libertà di scegliere il titolo giusto
Da quando i social network hanno iniziato a mettere delle regole (che noi riteniamo fasciste) su come scrivere il titolo di una notizia, alcuni siti si sono adeguati al tal punto da criticare gli altri siti che pubblicano titoli che non piacciono a questi Big di internet.

I social vogliono che gli utenti restino il più possibile sulle loro piattaforme, quindi non vedono di buon occhio la possibilità che un utente faccia click su un link ed esca dalla loro piattaforma. Infatti, sui social, ci sono delle classifiche di visibilità dei contenuti pubblicati. I video, le foto, e solo all’ultimo posto i link. Quindi, usare un titolo che attira l’utente a cliccare sul link non è buono per chi non vuole che l’utente esca dalla piattaforma. Sono, così, nate le etichettature di titolo fuorviante, titolo allarmante, titolo acchiappaclick, ecc.. E alcuni si sono adeguati al tal punto da credere davvero a questa classificazione. Spesso, infatti, tra giornali e giornalisti ci si accusa reciprocamente di pubblicare notizie con titoli fuorvianti e allarmistici. Cioè, c’è chi tenta di dare lezioni ad altri senza, però, averne i titoli e senza che nessuno glielo abbia chiesto.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Il sito today.it (che racchiude vari siti che pubblicano notizie sui fatti delle città), è spesso presente in una nota pagina Facebook chiamata “Ah ma non è Lercio“. Una pagina che critica quei giornali e siti di notizie che pubblicano titoli imbarazzanti.

Il sito today.it ha detto che il titolo sui “12 mila positivi dopo il vaccino” inganna. Il titolo che è stato usato da loro è “Quei titoli che ingannano sui 12mila “positivi” dopo il vaccino“.

Riteniamo che sia proprio il loro titolo ad essere fuorviante, perché non rappresenta i titoli che sono stati usati da chi ha dato la notizia. Infatti, i siti (tra cui il nostro) che hanno dato la notizia, hanno specificato che i 12 mila positivi si sono verificati DOPO LA PRIMA DOSE DEL VACCINO.

Il titolo usato: “12mila israeliani positivi al Covid-19 DOPO LA PRIMA DOSE del vaccino“. Nel testo, poi, sono elencati i dati sui 12 mila positivi. E sono gli stessi dati usati anche da loro. Il nostro è un titolo allarmistico? Ok, allora il loro è un titolo che sminuisce la reale situazione.

La cosa buffa, bizzarra, comica e divertente è che un sito perennemente presente nella pagina Facebook che prende per il culo chi scrive titoli idioti, si permetta di fare le pulci ai titoli degli altri siti.

Detto ciò, ognuno è libero di scrivere i titoli come meglio crede, senza essere costretto a sorbirsi il predicozzo fascista del “vanno bene solo i titoli di un certo tipo“, soprattutto se chi muove queste accuse sono i primi a scrivere titoli che sembrano l’inizio di una barzelletta.

Esistono la libertà di parola, di espressione, e di stampa. Non saranno i social network o qualche giornale che riusciranno a limitare queste libertà.


Devi sapere che...

Seguiamo molte testate giornalistiche e siti di informazione per avere molteplici punti di vista, comprendere meglio la situazione che ci circonda e riuscire a spiegare bene le cose a voi che leggete. Studiamo lo stile nella comunicazione, studiamo i contenuti, cerchiamo di capire quali sono le notizie più importanti, quali interessano di più e quali di meno.

Non vogliamo, però, diventare l'ennesimo sito di parte, ma vogliamo raccontare le notizie per quelle che sono: senza ideologie o opinioni personali che alterano la notizia. E vogliamo farlo utilizzando un linguaggio semplice.

Se, però, abbiamo qualcosa da dire lo facciamo, come in questo caso, in un articolo in cui è ben evidenziato che si tratta di un'opinione.

Altri siti, invece, prendono una notizia da un'agenzia di stampa o da una testata giornalistica di oltreoceano e la infarciscono di opinioni e ideologie. Tanti siti di informazione sono di parte, sia quando affrontano la tematica politica sia quando si tratta di tematiche sociali. Non c'è nulla di male ad essere di parte. E' male quando fai credere di non esserlo.

Molte volte i lettori di questi siti sono convinti che le notizie che stanno leggendo non sono di parte, ma in realtà è il contrario. I temi che affrontano e il modo in cui comunicano alcuni siti sono di parte. Basterebbe fare un sondaggio e chiedere ai loro abbonati che tendenze politiche hanno per scoprire facilmente se un sito è di parte oppure no.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.