Chi è Greta Thunberg

Chi è Greta Thunberg, l’attivista svedese fondatrice del movimento studentesco “Friday for Future”

Chi è Greta Thunberg
Chi è Greta Thunberg. Greta Thunberg è una giovane attivista svedese diventata famosa nel 2018 per le sue manifestazioni contro il cambiamento climatico. E’ l’ideatrice di “Fridays For Future“, una serie di manifestazioni che si tengono in tutto il mondo di venerdì per sensibilizzare i potenti e l’opinione pubblica sui danni ambientali causati dal cambiamento climatico.

Scheda
  • Data di nascita: 3 gennaio 2003
  • Segno zodiacale: Capricorno
  • Professione: Attivista
Account social
Chi è Greta Thunberg

Greta Tintin Eleonora Ernman Thunberg è nata il 3 gennaio del 2003 a Stoccolma (Svezia). I genitori sono l’attore Svante Thunberg e la cantante d’opera Malena Ernman. Ha una sorella che si chiama Beata.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

All’età di 11 anni le è stata diagnosticata la sindrome di Asperger (una malattia di difficile diagnosi che la porta ad una sorta di mutismo selettivo e che la fa parlare solo quando ne sente realmente il bisogno). “Prima di iniziare gli scioperi scolastici non avevo energia, non avevo amici e non parlavo con nessuno. Stavo seduta a casa da sola, con un disturbo alimentare. Ma tutto questo è passato da quando ho trovato un significato, in un mondo che a volte sembra superficiale e insensato“.

Greta Thunberg è, infatti, l’ideatrice di “Fridays For Future“, una serie di manifestazioni che si tengono in tutto il mondo di venerdì per sensibilizzare i potenti e l’opinione pubblica sui danni ambientali causati dal cambiamento climatico.

La sua attività di attivista per il clima è iniziata nel 2018 quando ha smesso di andare a scuola di venerdì per protestare, seduta davanti al parlamento svedese, contro il cambiamento climatico (in particolare contro gli incendi che stavano mettendo in ginocchio le foreste svedesi).

La sua protesta prevedeva un cartello “Skolstrejk för Klimatet” (“sciopero della scuola per il clima”), riuscendo così non solo ad attirare l’attenzione e a iniziare un percorso di sensibilizzazione verso la causa, ma a convincere numerosi coetanei a fare la stessa cosa.

Di lì a poco, i Friday For Future sono diventati un mezzo di protesta a scala mondiale, con il coinvolgimento di milioni di ragazzi in tutto il mondo, facendo diventare Greta Thunberg il volto e il simbolo di questa lotta. Oggi la giovane attivista è presa a modello da tanti ragazzi della sua età che scelgono di lottare per difendere l’ambiente.

Grazie a queste iniziative, ha girato per il mondo a sensibilizzare sul tema dei cambiamenti climatici, fino a confrontarsi con i leader di tutto il mondo.

Ha portato avanti la sua protesta in Europa, partecipando alla manifestazione “Rise for Climate” (nel 2018) davanti al Parlamento europeo a Bruxelles. Il 31 ottobre dello stesso anno è stata a Londra alla manifestazione organizzata da “Extinction Rebellion“.

Il 25 gennaio 2019 è intervenuta al Forum mondiale economico di Davos.

Il 17 aprile 2019, a Roma, ha partecipato all’udienza generale del Pontefice in piazza San Pietro (Papa Francesco ha deciso di salutarla personalmente).

Al summit sul clima delle Nazioni Unite del 23 settembre a New York ha deciso di recarsi in barca a vela (viaggio che durerà due settimane) perché (ha detto) l’aereo è un mezzo altamente inquinante.

Durante la Pre-Cop26, l’incontro con sede a Milano che ha preceduto la riunione annuale dell’ONU del 2021, ha detto ai leader mondiali: “Non abbiamo un pianeta B. Non abbiamo un pianeta bla – bla bla bla… Non parliamo di un costoso gesticolare di correttezza politica green e accarezza-cuccioli o bla bla bla… Ripartiamo col Recovery bla bla bla… Economia green bla bla bla… Zero netto al 2050 bla bla bla… Zero netto bla bla bla… Impatto zero bla bla bla… Sono queste le cose che sentiamo dalle bocche dei nostri presunti “leader”. Parole, tante parole, tutte ad effetto, ma che finora hanno portato a zero fatti. Annegano i nostri sogni e speranze nel loro oceano di parole e promesse vuote. Certo, occorre ingaggiare un dialogo, ma siamo ormai a trent’anni di bla bla bla, e a cosa è servito?

Poi, alla COP26 che si è tenuta dal 31 ottobre al 12 novembre 2021 a Glasgow, ha detto: “È chiaro a tutti che la Cop26 è un fallimento. Dovrebbe essere ovvio che non possiamo risolvere una crisi con gli stessi metodi che l’hanno provocata. Le persone al potere possono continuare a vivere nella loro bolla piena di fantasie, come la possibilità di una crescita infinita su un pianeta finito e una soluzione tecnologica che apparirà improvvisamente dal nulla e cancellerà immediatamente tutte queste crisi. Tutto questo mentre il mondo sta letteralmente bruciando, va a fuoco, e mentre le persone che vivono in prima linea stanno subendo gli effetti della crisi climatica“.

Curiosità su Greta Thunberg

Ha convinto i genitori a diventare vegani e a rinunciare all’aereo.

Ha tenuto un famosissimo discorso all’Onu, in cui con voce rabbiosa e ferma si è rivolta ai leader mondiali, pronunciando le seguenti parole: “Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia. Ci state deludendo, ma i giovani stanno iniziando a capire il vostro tradimento, gli occhi di tutte le generazioni future sono su di voi e se sceglierete di fallire non vi perdoneremo mai… Il mondo si sta svegliando. Il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no“.

Nel 2019 è stata nominata ufficialmente come donna svedese dell’anno.

Il Time l’ha inserita tra i 25 teenager più influenti del pianeta ed è stata candidata al Premio Nobel per la Pace 2019.

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha commentato la scelta del Time con questo tweet: “È così ridicolo. Greta dovrebbe lavorare sul suo problema di gestione della rabbia, e poi andare a vedere un bel film vecchio stile con un amico! Rilassati Greta, rilassati!“. Greta Thunberg ha rispedito al mittente queste stesse parole, mentre Donald Trump chiedeva il riconteggio dei voti che lo vedevano sconfitto a inizio novembre nelle elezioni presidenziali Usa: “È così ridicolo. Donald dovrebbe lavorare sul suo problema di gestione della rabbia, e poi andare a vedere un bel film vecchio stile con un amico! Rilassati Donald, rilassati!“.

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha definito Greta: “una ragazzina molto felice che aspetta con impazienza un futuro luminoso e meraviglioso”. Greta ha subito modificato la sua biografia sul suo account Twitter, inserendo la definizione di Trump.

Video

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.