Perché si dice “morale della favola”?

L’espressione “morale della favola” è largamente diffusa e di uso comune. Perché si dice così e qual è il significato

Perché si dice
Perché si dice morale della favola. L’espressione “morale della favola” viene usata nel linguaggio comune per indicare “la spiegazione data alla fine del racconto dall’autore per fornire un insegnamento valido per la vita di tutti i giorni“.

Nel linguaggio di tutti i giorni, questo modo di dire viene utilizzato per indicare la sostanza, l’esito, la conclusione (intesa come conseguenza che si ricava da una riflessione) di un discorso, di un fatto, di un avvenimento

Ad esempio, le favole di Esopo (La volpe e l’uva, La cicala e la formica, Al lupo! Al lupo! e La gallina dalle uova d’oro, ecc.) o quelle di Fedro (La rana e il bue, Il lupo e il cane).

E’ equivalente a espressioni quali “il nocciolo della questione“, “in conclusione“, “arrivando al dunque“, ecc.

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Su FONTEUFFICIALE.it trovi le notizie del momento spieghiate senza giri di parole e senza essere influenzato dalle nostre opinioni.

FONTEUFFICIALE.it riassume le notizie pubblicate dalle agenzie di stampa e da altri media autorevoli (come Ansa, Agi, AdnKronos, Corriere della Sera, ecc..), quindi non è direttamente responsabile di inesattezze. Se, però, ritieni che un nostro articolo debba essere modificato o eliminato puoi farne richiesta [ scrivendo qui ].

Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.