Perché si dice “fare il bastian contrario”?

L’espressione “fare il bastian contrario” è largamente diffusa e di uso comune. Perché si dice così e qual è il significato

Perché si dice
Perché si dice fare il bastian contrario. L’espressione “fare il bastian contrario” viene usata nel linguaggio comune per indicare “una persona spesso in disaccordo con gli altri, o fa il contrario di quello che ci si aspetta“. Quindi, è un modo di dire utilizzato quando vogliamo parlare di qualcuno che assume per partito preso le opinioni e gli atteggiamenti contrari a quelli della maggioranza. Una persona che contraddice per sistema.

Origine

Sull’origine del modo di dire esistono diverse teorie. Secondo l’Accademia della Crusca, il primo “bastian contrario” sarebbe apparso in forma scritta nel 1819. Era il 28 febbraio e Ludovico di Breme riportava sul numero 52 del giornale “Il Concicliatore” tale espressione. L’obiettivo era di richiamare l’attenzione dei lettori con un titolo che recitava: “Ai Signori associati al Conciliatore il compilatore Bastian-Contrario“.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Poi, agli inizi del Novecento, nella terza edizione del suo “Dizionario moderno“, lo scrittore e critico letterario Alfredo Panzini citò l’espressione come “detto di persona che contraddice per sistema” e successivamente, a partire dalla settima edizione (del 1935), ha integrato così la voce: “Bastiàn cuntrari: pop. detto nelle terre subalpine di persona che contraddice per sistema. Fu in fatti un Bastiano Contrario, malfattore e morto impiccato, il quale solamente in virtù del cognome diede origine al motto“.

Nel suo Dizionario moderno, Alfredo Panzini ricordò la leggenda di un Bastiano Contrari “malfattore e morto impiccato, il quale solamente in virtù del cognome diede origine al motto“. A Castelvecchio di Rocca Barbena (SV) si ricorda, infatti, un mercenario chiamato Bastian Contrario, morto in battaglia. Invece, a Torino il Bastian Contrario (in piemontese “Bastian Contrari”) per antonomasia è considerato il Conte di San Sebastiano, che nella battaglia dell’Assietta (1747) fu il solo a disobbedire all’ordine di ripiegare sulla seconda linea. Il gesto del Conte (e dei pochi fedeli granatieri da lui comandati) determinò l’esito favorevole di tutta la battaglia contro l’esercito franco-ispanico.

Quindi, l’espressione “bastian contrario” sarebbe nata nell’Italia nord-occidentale, in particolare nella regione Piemonte. Poi, il suo uso si sarebbe diffuso rapidamente in tutta Italia, perdendo qualsiasi connotazione regionale.

Curiosità

E’ possibile scrivere “bastian contrario” o “bastiancontrario” senza spazio. Le due forme sono entrambe valide anche se solitamente troviamo la prima espressione.

Tra gli esempi più noti di “bastian contrario“, troviamo “Brontolo“, uno dei 7 nani e “Puffo Brontolone“.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.