Le regole della DAD continuano ad essere un gran casino

Secondo i presidi “regna la confusione, con classi che devono tornare in presenza e non lo sanno” e norme in conflitto tra loro

Le regole della DAD continuano ad essere un gran casino
Le regole della DAD continuano ad essere un gran casino. Con l’entrata in vigore delle nuove regole disposte dal decreto approvato il 2 febbraio, centinaia di classi possono dire addio alla didattica a distanza (DAD). Questo perché dalle elementari alle superiori, i vaccinati e i guariti possono restare sempre in classe, mentre per i non vaccinati vi è un dimezzamento delle giornate di Dad.

Le critiche

Sulle nuove regole per contagi e Dad, Antonello Giannelli, presidente di Anp (l’Associazione nazionale dei presidi) lamenta il fatto che l’applicazione delle nuove regole prenda il via il lunedì, “con classi che devono tornare in presenza ma non lo sanno“. Anche perché, lamentano i dirigenti scolastici, le norme nazionali si sovrappongono spesso a quelle regionali e alle disposizioni delle Asl.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

C’è un aggrovigliarsi di disposizioni, spesso in contraddizione tra loro, di fronte alle quali rimaniamo perplessi: serve una cabina di regia. I presidi così sono costretti a fare i dirigenti sanitari, perdendo di vista la formazione“, accusa Mario Rusconi, presidente dei presidi romani.

Anche lo Snals, con Elvira Serafini, rileva che “la possibilità del test autosomministrato è prevista solo per chi sia in auto sorveglianza, manifesti dei sintomi e viene data la possibilità di autocertificare il relativo esito, mentre non è chiaro se la disposizione, prevista per la primaria, sia valida pure per le secondarie. È necessario promuovere da subito un coordinamento nazionale“.

La Cisl scuola è, invece, preoccupata per l’alto numero di casi di contagio previsti nella scuola dell’infanzia prima che vi sia la sospensione delle attività didattiche.

La Flc Cgil, invece, critica la divisione tra alunni vaccinati in classe e non vaccinati, che rimarranno a casa nei casi di positività previsti.

Agostino Miozzo (ex coordinatore del Cts): “Mi sembra che sia necessaria una laurea in Filosofia della scienza per comprendere e applicare queste disposizioni. Immagino i professori, i dirigenti di istituto e i genitori che si devono orientare in questa complessità che è assolutamente ingovernabile e non gestibile. Nella gestione del Covid a scuola siamo ancora a ‘carissimo amico’”. Intervistato da La Stampa, dice: “Fanno bene i ragazzi a protestare, se avessi 50 anni di meno scenderei in piazza anch’io“.

Scuola dell’infanzia

Fino a 4 casi di positività nella stessa sezione/gruppo classe, l’attività educativa e didattica prosegue in presenza per tutti.

È previsto l`utilizzo di mascherine FFP2 da parte dei docenti fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell’ultimo caso di positività. In caso di comparsa di sintomi, è obbligatorio effettuare un test antigenico (rapido o autosomministrato fai-da-te) o un test molecolare. Se si è ancora sintomatici, il test va ripetuto al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto.

Con 5 o più casi di positività nella stessa sezione/gruppo classe l’attività educativa e didattica è sospesa per 5 giorni.

Scuola primaria

Fino a 4 casi di positività nella stessa classe le attività proseguono per tutti in presenza con l’utilizzo di mascherine FFP2 fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell’ultimo caso di positività.

In caso di comparsa di sintomi, è obbligatorio effettuare un test antigenico (rapido o autosomministrato) o un molecolare. Se si è ancora sintomatici, il test va ripetuto al quinto giorno successivo alla data dell’ultimo contatto.

Con 5 o più casi di positività nella stessa classe, i vaccinati e i guariti da meno di 120 giorni o dopo il ciclo vaccinale primario, i vaccinati con dose di richiamo e gli esenti dalla vaccinazione proseguono l’attività in presenza con l`utilizzo della mascherina FFP2 (sia nel caso dei docenti sia per gli alunni sopra i 6 anni) fino al decimo giorno successivo alla conoscenza dell’ultimo caso di positività.

Per la permanenza in aula è sufficiente il Green pass. Per gli altri alunni è prevista la didattica digitale integrata per 5 giorni.

Scuola secondaria di I e II grado

Con 1 caso di positività in classe l’attività didattica prosegue per tutti con l’utilizzo di mascherine FFP2.

Con 2 o più casi di positività nella stessa classe i vaccinati e i guariti da meno di 120 giorni o dopo il ciclo vaccinale primario, i vaccinati con dose di richiamo e gli esenti dalla vaccinazione proseguono l`attività in presenza con l’utilizzo di mascherine FFP2.

Per la permanenza in aula è sufficiente il Green pass. Per gli altri studenti è prevista la didattica digitale integrata per 5 giorni.

Regime sanitario

Con 5 o più casi di positività nei servizi educativi per l’infanzia, nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria e con 2 casi o più di positività nella scuola secondaria di I e II grado, si applica ai bambini e agli alunni il “regime sanitario dell’autosorveglianza“, ove ne ricorrano le condizioni, altrimenti si applica il “regime sanitario della quarantena precauzionale” di 5 giorni, che termina con un tampone negativo.

Per i successivi 5 giorni dopo il rientro dalla quarantena gli studenti dai 6 anni in su indossano la mascherina FFP2.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.