Le società di energia elettrica disdicono i contratti con i clienti con cui hanno prezzi bloccati?

L’aumento dei prezzi di gas ed elettricità, e la tassa CO2 stanno spingendo molte società energetiche a disdire i contratti con i clienti che volevano i cosiddetti “prezzi bloccati”

Le società di energia elettrica disdicono i contratti con i clienti con cui hanno prezzi bloccati?
Le società di energia elettrica disdicono i contratti con i clienti con cui hanno prezzi bloccati? Secondo quanto emerge dai dati di Arera (Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente), tra l’ultimo trimestre del 2020 e il periodo aprile-giugno 2022, il prezzo della materia prima elettrica è salito del 365%, mentre quello del gas del 392%. Il motivo dei rialzi dei prezzi di gas ed energia elettrica sono dovuti ad un notevole incremento del prezzo dell’anidride carbonica nonché da una domanda fortemente maggiore rispetto all’offerta. Nello specifico, i motivi dei rincari sono l’aumento delle materie prime e la guerra in Ucraina (hanno fatto schizzare le quotazioni dell’energia dato che l’Europa dipende dal gas russo).

Di conseguenza, per cause non dipendenti dalle compagnie, queste devono rivedere la struttura dei prezzi relativi alle forniture a cominciare dal 1° luglio 2022. Allo scopo di evitare un prezzo fisso oneroso, dal 1° luglio passerà da fisso a variabile.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Quindi, anche coloro che, negli ultimi 2 anni, hanno fruito di un contratto a prezzi bloccati ed a condizioni vantaggiose saranno coinvolti dall’aumento dei prezzi. I contratti “convenienti” sono, infatti, diventati un peso per gli operatori che non riescono più a sostenere i costi. Così sta succedendo che le società di elettricità e gas disdicono i contratti con le offerte più vantaggiose. Le compagnie stanno inviando lettere di disdetta unilaterale di questi contratti. L’ha annunciato Giuliano Balestreri su La Stampa.

Le lettere non giungono insieme alla bolletta, ma vengono inviate separatamente. Il testo delle lettere, riassumendo, contiene più o meno questo messaggio. “A causa della mutata situazione di mercato, in riferimento al contratto a mercato libero di energia elettrica e gas, è necessario modificare il contratto stesso“. Tali modifiche, però, non verranno applicate prima della scadenza naturale delle condizioni economiche.

A margine della presentazione dei conti trimestrali, l’amministratore delegato di Edison, Nicola Monti, ha ammesso che le compagnie non hanno scelta sottolineando, però, come gli utenti negli ultimi mesi hanno goduto di tariffe particolarmente convenienti. Anche le associazioni dei consumatori hanno riconosciuto che con il prezzo unico nazionale ai massimi storici “nessun operatore può permettersi tariffe più convenienti di quelle stipulate fino a 6-7 mesi fa“.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.