Esenzione canone Rai: cos’è e come funziona

Esenzione canone Rai: cos’è, come funziona, requisiti, limite di reddito, over 75, età, modulo e istruzioni, scadenza, ultime novità

Esenzione canone Rai: cos'è e come funziona
Esenzione canone Rai. Il costo del canone RAI è di 90 euro ed è dovuto da tutti coloro che posseggono un apparecchio televisivo dotato di sintonizzatore. Si paga una volta l’anno ed è uno solo per famiglia (a patto che i familiari risiedano nella stessa abitazione).

Per effetto del MISE è stato aumentato il limite di reddito per avere diritto all’esenzione del canone Rai. Sono stati, inoltre, approvati il nuovo modulo di domanda ed il modulo di rimborso (per le rate del canone già pagate in bolletta) per i cittadini over 75. Il nuovo limite di reddito per l’esenzione dal pagamento del canone Rai per gli over 75 (per effetto del DM 16 febbraio 2018 pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 3 marzo 2018) è passato da 6.713,98 euro a 8.000 euro.

I reportage dall'Italia e dal Mondo
Esenzione canone Rai: cos’è

Cos’è l’Esenzione canone Rai: è la possibilità che i cittadini hanno di comunicare la disdetta del canone per l’intero anno o per il secondo semestre. Il cittadino deve provvedere da solo ad inviare a disdetta al fine di essere esonerato dal pagamento dell’abbonamento televisivo sulla bolletta. La Legge di Stabilità del 2016 ha, infatti, previsto la presunzione di possesso della TV in presenza di utenza elettrica nella casa di residenza, con automatico addebito del canone Rai sulla bolletta, diviso in 10 rate a partire da gennaio.

Quindi, per evitare il pagamento del canone nella bolletta della luce, bisogna inviare una dichiarazione sostitutiva attestante la non detenzione di televisori da parte del dichiarante, in nessuna delle abitazioni in cui il dichiarante è titolare di un’utenza elettrica.

Esenzione canone Rai: come funziona

Come funziona l’Esenzione canone Rai: chiunque possieda un apparecchio televisivo è tenuto al pagamento del canone Rai in bolletta (qualora abbia un’utenza elettrica residenziale intestata a proprio nome).

I cittadini over 75, in possesso di determinati requisiti di reddito, sono esonerati dal pagamento dell’abbonamento tv, previa presentazione del modello di autocertificazione per l’esenzione del canone RAI per tutto l’anno o per il secondo semestre. L’esenzione del canone TV può essere richiesta anche in caso in cui si conviva con collaboratori domestici, colf e badanti (a patto di rispettare il limite di età e di reddito).

Il cittadino che intende essere esonerato dal pagamento del canone RAI deve seguire un iter bene preciso:

Compilare il modello di autocertificazione.

Inviare il modello di autocertificazione:

  • Via Posta;
  • Online (se si possiede il PIN Agenzia Entrate o attraverso intermediari autorizzati ad accedere ai servizi telematici Fisconline o Entratel);
  • Con consegna a mano del modello.
Esenzione canone Rai: a chi spetta
A chi spetta l’Esenzione canone RAI:
  • Chi non possiede una tv in casa: i contribuenti titolari di una utenza elettrica residenziale (Enel, Eni, ACEA, Edison ecc.), qualora non possiedano un apparecchio televisivo, possono inviare una dichiarazione sostitutiva all’Agenzia delle Entrate per evitare l’addebito del canone Rai. Andrà compilata la parte del modulo relativa alla dichiarazione di non detenzione;
  • Chi non possiede una tv nella prima e seconda casa: i contribuenti titolari di una utenza elettrica residenziale (Enel, Eni, ACEA, Edison ecc.), possono inviare il modulo di autocertificazione per dichiarare il non possesso di un apparecchio televisivo nella casa di residenza, nella seconda casa, o altro immobile. Andrà compilata la parte relativa alla dichiarazione di addebito su altra utenza;
  • Cittadini con più di 75 anni: i contribuenti che hanno superato i 75 anni di età e il cui reddito non supera gli 8.000 euro annui, possono essere esonerati dal pagamento del canone RAI in bolletta elettrica;
  • Militari delle Forze Armate Italiane: ospedali militari, Case del soldato e Sale convegno dei militari delle Forze armate;
  • Militari di cittadinanza straniera appartenenti alle Forze Nato;
  • Agenti diplomatici e consolari: solo di quei Paesi per cui è previsto lo stesso trattamento riservato ai diplomatici italiani;
  • Rivenditori e negozi in cui vengono riparate TV.
Esenzione canone Rai: requisiti

I requisiti per l’Esenzione canone Rai: con l’articolo 42 della Legge di Bilancio è stata introdotta un’importante novità in merito all’esenzione del canone TV per gli over 75 nel caso in cui badante o colf risultino essere conviventi con l’anziano.

A decorrere dall’anno 2020, per i soggetti di età pari o superiore a 75 anni e con un reddito proprio e del coniuge non superiore complessivamente a euro 8.000 annui, non convivente con altri soggetti titolari di un reddito proprio, fatta eccezione per collaboratori domestici, colf e badanti, è abolito il pagamento del canone di abbonamento alle radioaudizioni esclusivamente per l’apparecchio televisivo ubicato nel luogo di residenza“.

I requisiti:
  • Aver compiuto 75 anni di età entro il termine del pagamento del canone RAI (cioè dal 31 gennaio al 31 luglio);
  • Non convivente con altri soggetti titolari di proprio reddito (fatta eccezione del coniuge);
  • Avere un reddito non superiore a 8.000 euro.
Esenzione canone Rai: limite di reddito

Qual è il limite di reddito per l’Esenzione canone Rai: il limite di reddito è riferito all’anno precedente a quello in cui si richiede l’esonero, ed è dato dalla somma dei redditi del richiedente e del coniuge convivente.

Per il calcolo del reddito rientrano:
  • Reddito imponibile risultante dalla precedente dichiarazione dei redditi: nel caso il contribuente sia esonerato dall’obbligo di presentare la denuncia dei redditi tramite 730 o Unico, si prende in esame il modello CU, Certificazione Unica;
  • Redditi soggetti ad imposta sostitutiva (o ritenuta a titolo di imposta): interessi maturati su depositi bancari, postali, BOT, CCT e altri titoli di Stato, proventi di quote di investimenti;
  • Retribuzioni corrisposte da enti o organismi internazionali, rappresentanze diplomatiche e consolari e missioni, Santa Sede o da enti centrali della Chiesa cattolica.

Redditi esteri non tassati in Italia fatta eccezione per:

  • Redditi esenti da Irpef (pensioni di guerra, rendite INAIL, pensioni di invalidità);
  • TFR e anticipi;
  • Reddito abitazione principale e relative pertinenze;
  • Redditi soggetti a tassazione separata.
Esenzione canone Rai: modulo di dichiarazione sostitutiva

Quale modulo presentare per l’Esenzione canone Rai: per ufficializzare l’esonero, i cittadini che non posseggono un apparecchio televisivo, o che hanno compiuto 75 anni (o che li compiranno entro il 31 gennaio 2021 o 31 luglio 2021) devono inviare un apposito modello di dichiarazione sostitutiva.

Coloro che hanno già presentato la dichiarazione sostitutiva e posseggono i requisiti, non devono fare alcuna procedura e possono beneficiare dell’esenzione anche nelle annualità successive, senza dover presentare nuovamente il modulo.

Il cittadino che dovesse perdere i requisiti attestati con la precedente dichiarazione sostitutiva dovrà procedere all’invio di una nuova dichiarazione sostitutiva compilando la sezione II “dichiarazione di variazione dei presupposti“.

Il modulo per l’esonero del canone RAI va presentato mediante una delle 3 modalità:
  • Spedito per Posta (tramite plico raccomandato e senza busta) al seguente indirizzo: AGENZIA DELLE ENTRATE – UFFICIO TORINO 1 S.A.T. – SPORTELLO ABBONAMENTI TV – 10121 – TORINO;
  • Spedito tramite intermediari (Caf o commercialisti);
  • Presentato online.

Ai sensi dell’articolo 38, terzo comma, del DPR n. 445 del 2000, alla dichiarazione sostitutiva va allegata la fotocopia non autenticata del documento di identità dell’over 75.

Per evitare un eventuale errato addebito delle prime rate di abbonamento sulla bolletta (e della successiva richiesta di rimborso) è consigliabile inviare la disdetta non telematica, e in tempi brevi. Infatti, la prima rata scatta già dal mese di gennaio e l’Agenzia delle entrate consiglia di presentare la dichiarazione sostitutiva il prima possibile, in modo da evitare l’addebito relativo a gennaio.

Il modulo è scaricabile sia dal sito dell’Agenzia delle entrate che da quello della RAI ed è il seguente.

Download

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.