Bonus domestici, colf e badanti: cos’è e come funziona

Bonus domestici, colf e badanti: cos’è, come funziona, come richiederlo, dove si presenta, a chi spetta, requisiti, domanda online Inps, Bonus 1000 euro

Bonus domestici, colf e badanti: cos'è e come funziona
Bonus domestici, colf e badanti: cos’è e come funziona. Il decreto Rilancio ha previsto per i lavoratori domestici non conviventi con i propri datori di lavoro, una indennità pari a 500 euro al mese per 2 mesi, per coloro che possono vantare rapporti di lavoro superiore a 10 ore settimanali. Il bonus verrà erogato fino a esaurimento dei 460 milioni di euro destinati come risorse.

Il cd. “Bonus domestici, colf e badanti, baby sitter 2020” (chiamato anche “Bonus colf e badanti 2020”) può essere incassato in soluzione unica per i 2 mesi previsti, arrivando a 1.000 euro. Il contributo (che una versione precedente del decreto aveva inizialmente fissato tra i 400 e i 600 euro in base alle ore di lavoro) nella versione ufficiale del provvedimento è sceso a 500 euro per i mesi di aprile e maggio.

I reportage dall'Italia e dal Mondo
Bonus domestici, colf e badanti: cos’è

Cos’è il bonus domestici, colf e badanti: è un sussidio introdotto dal decreto Rilancio a tutela dei lavoratori domestici.

Bonus domestici, colf e badanti: come funziona

Come funziona il bonus domestici, colf e badanti: i lavoratori domestici che vantano rapporti di lavoro superiori a 10 ore settimanali, possono accedere ad una indennità pari a 500 euro al mese per 2 mesi, richiedibili anche in una unica soluzione. E’ cumulabile con il reddito di cittadinanza fino a 500 euro.

Bonus domestici, colf e badanti: a chi spetta

A chi spetta il Bonus domestici, colf e badanti: tutti i lavoratori domestici che alla data del 23 febbraio 2020 abbiano in essere uno o più contratti di lavoro per una durata complessiva superiore a 10 ore settimanali.

E sono:
  • Colf;
  • Assistenti familiari;
  • Baby sitter;
  • Governanti;
  • Camerieri;
  • Cuochi;
  • Badanti;
  • Autisti;
  • Dame di compagnia;
  • Lavoratori domestici, se non risultano conviventi col datore di lavoro;
  • Titolari di pensione, ad esclusione dell’assegno ordinario di invalidità.
Bonus domestici, colf e badanti: requisiti
I requisiti previsti per il bonus domestici, colf e badanti:
  • Avere un contratto di lavoro regolare alla data del 23 febbraio 2020;
  • Non essere conviventi col datore di lavoro.
Bonus domestici, colf e badanti: compatibilità
Compatibilità del bonus domestici, colf e badanti:
  • Una delle indennità previste dal decreto Cura Italia;
  • Reddito di ultima istanza;
  • Assegno di disoccupazione;
  • Reddito di emergenza;
  • Pensione (tranne per chi percepisce l’assegno ordinario di invalidità);
  • Reddito da lavoro dipendente a tempo indeterminato diverso da quello domestico.
Bonus domestici, colf e badanti: come richiederlo

Come richiede il Bonus domestici, colf e badanti: la domanda va presentata per via telematica attraverso il sito Inps o presso gli intermediari autorizzati.

Può essere presentata tramite i seguenti canali:
  • WEB – inps.it – sezione “Servizi online” > “Servizi per il cittadino” > autenticazione con il PIN dispositivo (oppure SPID, CIE, CSN, PIN semplificato);
  • CONTACT CENTER INTEGRATO – numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o numero 06 164.164 (da rete mobile con tariffazione a carico dell’utenza chiamante);
  • Domanda tramite Caf e Patronato.
Bonus domestici, colf e badanti: come fare domanda

Come fare domanda per Bonus domestici, colf e badanti: deve essere il lavoratore domestico a fare domanda all’INPS per poter ottenere l’indennità di 1.000 euro, seguendo le istruzioni contenute nel messaggio dell’Istituto n. 2184 del 26 maggio 2020.

Per accedere bisogna essere in possesso di una delle seguenti credenziali:
  • PIN dispositivo;
  • SPID;
  • Carta di identità elettronica 3.0 (CIE);
  • Carta Nazionale dei Servizi (CNS).
Per coloro che non sono in possesso delle credenziali, ci sono due possibilità:

Richiedere il PIN all’INPS attraverso i seguenti canali:

  • Sito internet inps.it (utilizzando il servizio “Richiesta PIN”);
  • Contact Center, chiamando il numero verde 803 164 (gratuito da rete fissa), oppure 06 164164 (a pagamento da rete mobile).

Richiedere una credenziale SPID (anche con riconoscimento a distanza via webcam) attraverso uno degli Identity Provider accreditati (spid.gov.it).

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.