I dati sui vaccini sono coperti dal segreto militare?

E’ da gennaio 2021 che l’EMA (l’Agenzia europea per i medicinali) non pubblica i report (mensili) sui vaccini anti Covid

I dati sui vaccini sono coperti dal segreto militare?
I dati sui vaccini sono coperti dal segreto militare? Le case farmaceutiche sono obbligate a presentare periodicamente i rapporti sulla sicurezza dei vaccini anti covid che producono. C’è una determina dell’Aifa (l’agenzia nazionale del farmaco) a stabilirlo (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale).

Questa regola, però, sembra non essere applicata ai vaccini anti Covid di Pfizer-Biontech, Moderna, Astrazeneca e Johnson&Johnson. Infatti, a distanza di 1 anno e mezzo dalla somministrazione del primo vaccino, l’EMA ha pubblicato un solo report e risale al 29 gennaio 2021.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Nel documento, di sole 2 pagine, si faceva un chiaro riferimento a futuri report di aggiornamento: “L’EMA pubblicherà aggiornamenti mensili sulla sicurezza per tutti i vaccini COVID-19 autorizzati, in linea con le misure di trasparenza eccezionali per COVID-19“. Quindi, mancano all’appello oltre 24 report di aggiornamento sui vaccini Covid.

Le associazioni che ne hanno fatto richiesta non hanno ancora potuto visionare i documenti. 2 associazioni di promozione sociale, la Idu (Istanza diritti umani) di Novara, e la Dus (Diritti umani e salute) di Roma, ne hanno fatto richiesta, ma sono stati negati loro i documenti. Così, le associazioni che ha fatto richiesta di accesso agli atti si sono trovate costrette a presentare una querela alla Procura di Roma contro Aifa, il ministero della Salute, il Comitato tecnico-scientifico, l’Istituto superiore di sanità indicando varie ipotesi di reato, dall’omissione di atti d’ufficio al falso ideologico.

Il direttore generale dell’Aifa, Nicola Magrini, ha risposto alla richiesta delle associazioni spiegando che i rapporti sulla sicurezza dei vaccini hanno natura riservata, sono di proprietà delle case farmaceutiche e soprattutto che Aifa non detiene la documentazione richiesta.

L’EMA (l’Agenzia europea per i medicinali) per motivare il diniego alle richieste ha parlato anche di “ordine pubblico” e “segreto militare“. Nello specifico, ha indicato 3 motivi: “Primo: i report non possono essere divulgati per non pregiudicare il processo decisionale sull’autorizzazione incondizionata. Secondo: rientrano nelle eccezioni del loro regolamento, che attengono all’ordine pubblico e al segreto militare. Terzo: l’interesse di non incidere sulla decisione finale, che riguarda appunto l’autorizzazione, prevale sull’interesse pubblico“.

Perché questi articoli...

A differenza di qualsiasi altro sito di notizie che tende a raccontare le cose da un punto di vista di parte, Fonte Ufficiale cerca di spiegare i fatti in modo neutrale. Questa è e sarà sempre la nostra linea editoriale.

Seguiamo molte testate giornalistiche e siti di informazione per avere molteplici punti di vista, comprendere meglio la situazione che ci circonda e riuscire a spiegare bene le cose a voi che leggete. Studiamo lo stile nella comunicazione, studiamo i contenuti, cerchiamo di capire quali sono le notizie più importanti, quali interessano di più e quali di meno.

Quando, però, troviamo quelli che possono essere considerati dei veri e propri "scoop giornalistici" li inseriamo in questa categoria. In questo caso le parole utilizzate potrebbero essere meno neutrali.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.