E’ stato arrestato per bancarotta il fondatore di Cepu

La guardia di finanza ha arrestato Francesco Polidori, fondatore di Cepu, nell’ambito di un’indagine per bancarotta fraudolenta

E' stato arrestato per bancarotta il fondatore di Cepu
E’ stato arrestato per bancarotta il fondatore di Cepu. La guardia di finanza ha arrestato Francesco Polidori, fondatore di Cepu (gruppo che si occupa di istruzione e formazione universitaria), Scuola Radio Elettra e eCampus, nell’ambito di un’indagine della Procura di Roma su una bancarotta fraudolenta. L’inchiesta vede coinvolti 6 soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, anche di auto-riciclaggio e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Le indagini riguardano i fallimenti di 2 importanti società, portate in fallimento con un passivo complessivo di oltre 180 milioni di euro. Attraverso queste società, l”imprenditore avrebbe sfruttato importanti marchi del comparto dei servizi di istruzione e formazione, eludendo il versamento di ingenti imposte dovute all’Erario.

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Inoltre, gli indagati, ricorrendo a società qualificabili come “scatole cinesi“, avrebbero ideato e realizzato una serie di complesse operazioni societarie, commerciali e finanziarie. Tra queste, la creazione di una società fiduciaria in Lussemburgo intestata a terzi ma, di fatto, riconducibile agli indagati. Mediante tale società sarebbe stata dissimulata la reale proprietà dei beni immobili e marchi, sottratti alle imprese fallite e fatti confluire in un’ulteriore società creata ad hoc, oggi sottoposta a sequestro.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.