È morto John McAfee, il fondatore dell’omonimo antivirus

È morto John McAfee a 75 anni, il fondatore della società che produce l’omonimo antivirus

È morto John McAfee, il fondatore dell'omonimo antivirus
È morto John McAfee. Il fondatore della società che produce l’omonimo antivirus aveva 75 anni ed era da mesi nel carcere di Sant Esteve Sesrovires (Spagna) per accuse di evasione fiscale negli Stati Uniti. Secondo un comunicato stampa dell’autorità giudiziaria della Catalogna, la regione di Sant Esteve Sesrovires, “tutto fa pensare” che McAfee si sia suicidato.

Chi era John McAfee

John David McAfee è nato il 18 settembre del 1945, a Cinderford (Regno Unito).

I reportage dall'Italia e dal Mondo

E’ stato un programmatore britannico naturalizzato statunitense, fondatore dell’omonima azienda McAfee. Dopo aver raggiunto il successo con la sua omonima società (fondata nel 1987), da molti anni faceva parlare di sé per i suoi guai giudiziari.

Nel 2020 era stato arrestato all’aeroporto di Barcellona mentre si stava imbarcando per Istanbul con un passaporto britannico. In precedenza il dipartimento di Giustizia statunitense aveva emesso un mandato d’arresto nei suoi confronti con l’accusa di evasione fiscale e mancata compilazione delle dichiarazioni dei redditi tra il 2016 e il 2018. L’Internal Revenue Service (IRS), l’agenzia governativa statunitense che riscuote le tasse, aveva anche accusato McAfee di non aver dichiarato 23 milioni di dollari di utili ottenuti tramite la promozione di criptovalute.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.