È morto Guglielmo Epifani, ex segretario generale della CGIL

È morto a 71 anni Guglielmo Epifani, ex segretario generale della CGIL ed ex segretario del Partito Democratico

È morto Guglielmo Epifani, ex segretario generale della CGIL
È morto Guglielmo Epifani. È morto a 71 anni l’ex segretario generale della CGIL e ex segretario del Partito Democratico. La sua morte “é una pessima notizia, per la CGIL è una mancanza molto grave. Guglielmo ha dato la sua vita alla Cgil e al sindacato“, ha affermato il segretario generale della CGIL, Maurizio Landini.

Chi era Guglielmo Epifani

Ettore Guglielmo Epifani è nato il 24 marzo del 1950 a Roma. Dopo essersi laureato in Filosofia alla Sapienza, s’iscrisse alla CGIL e iniziò la sua carriera nel sindacato nel 1979 (con la nomina a segretario generale aggiunto della categoria dei lavoratori poligrafici e cartai).

I reportage dall'Italia e dal Mondo

Nel 1990 entrò nella segreteria confederale e dal 1994 al 2002 fu il vice del segretario generale, Sergio Cofferati. Alla conclusione del mandato di Cofferati prese il suo posto.

Fu a lungo iscritto al Partito Socialista Italiano (PSI) e, dopo la fine del PSI, al partito dei Democratici di Sinistra.

Alle elezioni politiche del 2013 si candidò alla Camera dei deputati con il Partito Democratico, e fu eletto. L’11 maggio 2013, in seguito alle dimissioni di Pier Luigi Bersani, fu nominato segretario reggente del partito.

Uscì dal Partito Democratico nel 2017, e rimase in Parlamento prima con Articolo 1 e poi con Liberi e Uguali.

L'informazione è di parte. Ci sono giornali progressisti e giornali conservatori. La stessa notizia ti viene raccontata in modo diverso. Se cerchi un sito che ti spieghi le cose con semplicità, e soprattutto con imparzialità, allora questo è il posto giusto per te.

Cerchiamo le notizie del momento e te le spieghiamo meglio, senza giri di parole e senza influenzarti con le nostre opinioni.

FonteUfficiale.it è un sito di informazione generalista approvato da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News.